Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ulrich Seidl è in rotta per gli orsi alla Berlinale? Novità dell’Alto Adige

Alla Berlinale di quest’anno due film sono nominati per l’Orso d’Oro che, come tutti i premi del festival, sarà assegnato domani, mercoledì. In primo luogo, c’è la storia della madre di Murat Kurnaz, detenuta a Guantanamo, “La primavera di Kurnaz v. George W. Bush”. A differenza di molti film tedeschi che realizzano drammi reali e significativi, il regista Andreas Driessen riesce anche a realizzare un film divertente.

Il secondo film a spiccare, anche senza occhiali patriottici, è “Rimini” dell’austriaco Ulrich Seidl. Anche Seidl, che a volte garantisce argomenti sgradevoli, non ha paura di affrontare i degenerati. Ma anche l’idea di puntare su uno sciagurato cantante pop e un vecchio part-time nell’Adriatico invernale merita attenzione. Soprattutto, la performance di Michael Thomas è superba. Lui e la splendida Meltem Kaptan nei panni della madre di Kurnaz avranno buone possibilità di vincere l’Actor Award.

Anche quest’anno i film in concorso raccontano esperienze di smarrimento, e soprattutto “Un año, una noche”, che racconta il trauma delle vittime dell’attacco terroristico al Bataclan di Parigi. Nel film di apertura “Peter von Kant”, “Peter von Kant” parla della perdita di una persona cara, e nel nastro intimo “Return to Dust” c’è la morte di una moglie. Questo film cinese potrebbe anche portare a casa un orsacchiotto, forse per la migliore macchina da presa o la migliore sceneggiatura. Proprio come il contributo svizzero “Drii Winter”. Entrambi i film, molto diversi tra loro, sono associati alla calma delle loro inquadrature, all’osservazione attenta della natura e delle persone.

Come nel contributo cinese, anche “Alcarràs” parla di persone e agricoltura. In questo thriller italo-spagnolo, una numerosa famiglia catalana perde il lavoro per le vacanze estive in una fattoria di frutta e verdura perché lì deve essere costruita una fattoria solare. I singoli personaggi dei membri della famiglia, in particolare i bambini, sono stati amorevolmente attratti dal film, girato in catalano.

READ  Heidi Klum riceve un regalo dalla duchessa Meghan: 'Da mamma a mamma'

In contrasto con il contributo messicano “Robe of Gems”, dove i membri della famiglia non possono essere ben nominati fino alla fine. Ancora una volta, la famiglia che si è trasferita nella casa della defunta nonna perde tornando in città. Perché la mafia armata sembra dominare tutto nel Paese, fino alle forze di polizia.

Ciò che è stato notevole nella competizione della Berlinale di quest’anno è stato il gran numero di produzioni francofone: dal film di apertura “Peter von Kant”, che parla della perdita di un grande amore, a “La Laine” dalla Svizzera romanda (una perdita temporanea della propria), “Avec amour et acharnement” su una donna tra due uomini, e “Un été comme ca” su tre donne dipendenti dal sesso, a “Les passagers de la nuit”, che tratta di una famiglia in via di ridefinizione.

cos’è rimasto? Un cinema molto curato e senza grandi possibilità di vincita: il film americano “Call Jane”, che affronta il tema dell’aborto come aborto pronto, e il contributo tedesco “AEIOU – l’alfabeto veloce dell’amore” sul rapporto tra l’attrice più anziana ha interpretato Sophie Royce di fronte a un giovane con problemi comportamentali e “Nana”, uno strano ritratto di una donna indonesiana.

“Leonora addio” è una specialità del cinema italiano, il diorama “Andrà tutto bene” è un interessante arricchimento per chi è interessato a qualcosa di diverso nel cinema d’animazione. Forse il vincitore è l’ultimo film in concorso, “Feature Film” del regista sudcoreano Hong Sangsu? La Berlinale è stata comunque buona per le sorprese. Ci sarà certezza da domani, mercoledì, alle 19:00, quando la giuria, guidata dall’esperto di horror M. Night Shyamalan, annuncerà i suoi verdetti alla Berlinale.

READ  'L'agricoltore cerca moglie - Dolly': Felix stava aspettando che le sue signore aspettassero - TV

Da: apa