Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Twindemie arriverà in Alto Adige” – Notizie Alto Adige

Bolzano – Da inizio ottobre il numero dei contagi da corona è aumentato notevolmente in Alto Adige e si diffonderanno anche i virus dell’influenza. Molti cittadini sono preoccupati per l’influenza “australiana” che le persone hanno sentito dall’ultima stagione influenzale
È stata rilevata una doppia infezione da COVID-19 e influenza. Sig. Dott. Christian Federmann dell’Istituto di Medicina Generale e Sanità Pubblica risponde alle domande più importanti di Bolzano su una potenziale “doppia onda”.

Cos’è la malattia dei gemelli?

L’epidemia dei gemelli è l’epidemia dei gemelli. Attualmente c’è il rischio di una doppia ondata di coronavirus e influenza. “Questo autunno e inverno ci sono più contagi simultanei in Alto Adige con diversi
Sono possibili virus respiratori. La doppia infezione è spesso associata ad un aumento della gravità della malattia e ad un aumento della mortalità”, spiega il professor Christian Wiedermann, internista e coordinatore di progetti di ricerca presso l’Istituto di Medicina Generale e Sanità Pubblica di Bolzano. In Inghilterra, la doppia infezione virale si riscontra in circa otto percentuale dei pazienti corona.In questi casi, il rischio di dover ventilare meccanicamente il paziente raddoppia”, sottolinea il professor Federman. Negli Stati Uniti, le autorità sanitarie prevedono fino a 50.000 decessi per influenza per la prossima pandemia influenzale. Inoltre, ci sono 150.000 decessi annuali per coronavirus negli Stati Uniti. Questa cifra si basa su
L’attuale tasso di mortalità per omicron.

Quanto è pericolosa l’influenza “australiana”?

Dall’introduzione delle regole AHA (distanza, igiene, vita quotidiana con mascherina) nel marzo 2020, la bassissima prevalenza del virus dell’influenza potrebbe aver indebolito l’immunità degli altoatesini. Pertanto, il professor Christian Federmann calcola che in
L’attuale stagione influenzale con un aumento del numero di casi, anche a causa dell’esperienza influenzale “australiana”. In Australia, c’è stato un aumento delle segnalazioni di infezione influenzale negli ultimi anni (il periodo di rendicontazione è stato esaminato da aprile a luglio): “Nel 2019 – cioè prima dell’epidemia – ci sono state 153.000 segnalazioni di influenza in Australia, nel 2021 erano solo poco più di 400, ma nel 2022 sono stati segnalati quasi 205.000 casi di influenza. Le infezioni sono aumentate del 25 per cento rispetto al 2019″, secondo i calcoli del professor Federman. “Indossare maschere e stare lontano da te ha rimosso il terreno fertile per il virus dell’influenza, quindi non può più diffondersi nella sua misura abituale.

READ  Gli scienziati scoprono come proteggere altre cellule dalle infezioni

Per il nostro sistema immunitario, ci sono stati meno contatti con i virus immunitari. Ma sono proprio questi contatti virali che, oltre alla vaccinazione, contribuiscono alla protezione immunitaria continua”, sottolinea Federmann. Allo stesso tempo, dall’inizio del caso eccezionale di Corona sono state vaccinate meno persone contro l’influenza. Di conseguenza, un è andata persa una parte aggiuntiva della protezione immunitaria Per questi motivi, per il momento consiglio vivamente la vaccinazione antinfluenzale, che protegge anche dall’influenza di tipo “australiano”, afferma il professor Federman.

Dallo scoppio della pandemia di Corona, in molti casi non sono stati registrati casi di influenza. Pertanto, sia i decisori pubblici che quelli politici possono sottovalutare i potenziali rischi di influenza e l’urgenza della vaccinazione antinfluenzale per la stagione influenzale 2022/23, soprattutto sullo sfondo della stanchezza della vaccinazione pubblica in Alto Adige.

Sig. Dott. Cristiano Federmann

Ha senso la doppia vaccinazione contro corona e influenza?

Per tutte le persone di età superiore ai dodici anni che non hanno ancora ricevuto un primo o un secondo richiamo, in Alto Adige è possibile una vaccinazione corona nell’autunno del 2022. Tutte le persone dovrebbero ricevere un richiamo se sono trascorsi 120 giorni dall’infezione o dall’ultima vaccinazione . Ciò vale indipendentemente dal fatto che abbiano o meno avuto COVID-19 dall’inizio dell’epidemia”, spiega il professor Federman. Negli adulti, la somministrazione concomitante di vaccinazioni antinfluenzali e COVID-19 è considerata sicura e
efficace. La cogestione dipende da una logistica senza interruzioni. Esistono diversi meccanismi di approvvigionamento e pagamento per entrambi i vaccini. Aumenta il coordinamento geografico incompleto dei servizi di immunizzazione
complessità”, afferma Wiedermann. Il professor Christian Wiedermann sottolinea che finché le questioni logistiche non saranno risolte, è probabile che le riserve separate per le due vaccinazioni rimarranno.

READ  Qual è il rapporto tra musica e virus?

Chi sono i gruppi a rischio nell’epidemia gemellare?

“Le persone di età superiore ai 65 anni e in particolare le persone con malattie di base hanno maggiori probabilità di avere un decorso acuto dell’infezione influenzale, soprattutto dopo una doppia infezione da COVID-19 e influenza”, spiega.
Coordinatore di progetti di ricerca presso l’Istituto di Medicina Generale. Secondo il Prof. Wiedermann, in una doppia epidemia, ci sono anche altre persone a rischio e per le quali entrambe le vaccinazioni sono particolarmente consigliate: le donne in
Gravidanza e postpartum, responsabili dei servizi pubblici (come operatori sanitari), familiari e contatti di persone a maggior rischio, indipendentemente dal fatto che
Sono stati vaccinati o no?

Perché indossi una maschera adesso?

Dal 1 ottobre 2022 le mascherine non sono più obbligatorie sui mezzi pubblici in Alto Adige e solo pochi cittadini indossano maschere protettive di propria spontanea volontà, anche in spazi chiusi accessibili al pubblico. Wiedermann afferma che “le maschere FFP2 e le basi AHA non solo proteggono dall’infezione da corona, ma anche dall’infezione con il virus dell’influenza”. Indica i dati sull’influenza dell’Australia: “Se confrontiamo la distribuzione per età dei casi di influenza nel 2019 (prima della pandemia) con quella del 2022, nel 2019 le segnalazioni di incidenza più elevate sono state tra i bambini di età compresa tra 5 e 9 anni, seguiti da quelli di età superiore a 85s Ma quest’anno, la situazione in Australia sembra molto diversa: la maggior parte delle segnalazioni di influenza colpisce solo bambini e giovani adulti, mentre gli anziani sono meno colpiti dall’influenza.Ciò è probabilmente correlato all’applicazione estesa delle regole AHA nelle case di cura australiane e altro ancora vite isolate, afferma Wiedermann. Dice il Professor Dr. Conclude Christian Federmann.

READ  Il dolcificante è molto dannoso per l'intestino

Da: Luca