Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tour de France 2022 Live in the Strip, tappa 9: prima tappa impegnativa nelle Alpi – Geschke, Konrad e Politt in battuta di caccia

Prima del giorno di riposo di lunedì, oggi è la prima volta nelle Alpi. Ci sono due lunghe salite in programma tra Aigle in Svizzera e l’arrivo a Châtel e possono creare molte emozioni.

Il francese Pierre Rolland e Pierre Latour, il lussemburghese Bob Jungels, il danese Jacob Vogelsang, Matthew Jorgensen (USA) e il veterano Philippe Gilbert (Belgio) hanno tutti una possibilità sul percorso impegnativo.

Se Tadej Pogacar difendesse la sua maglia gialla, Jonas Vingegaard e Primoz Roglic potrebbero far passare il tempo – e dove si nasconderebbe Lenard?

Giro di Francia

Tre cose spiccavano: giganti avidi e una grande paura di Corona

19 ore fa

La nona tappa del tour direttamente nel nastro:

>>> Clicca qui per aggiornare

43 km – I Jungels hanno 55 secondi

Bob Jungles si scatena in discesa: a valle, i lussemburghesi sono 55 secondi avanti al gruppo che ruota attorno a Van Aert, Conrad, Geich & Co.

55 km – Risparmio energetico: Geschke aspetta gli altri

Dopo essere sbarcati dal Col de la Croix, ti aspettano quasi 20 chilometri pianeggianti intorno ad Aigle. Ecco perché Geschke ora ha deciso che sta meglio nel gruppo attorno a Van Aert e sta aspettando. Le giungle guidano da sole. Il divario è di 30 secondi, il divario nel campo principale è di 2:20 minuti.

61 km – Geschke vince il premio della montagna

I 10 punti montagna di Simon Geschke! Freiburg-Lussemburgo intercettato poco prima che Cole de la Croix passasse e guadagnasse la classifica. Ciò significa che Geschke ora ha 17 punti ed è probabile che stasera acquisirà la maglia da montagna.

62 km – seguire Geschke Jungels

Simon Geschke vuole la maglia da montagna. Freiburger ora attacca e insegue Jungels, che ha già 25 secondi di vantaggio sul set.

64 km – Latour attacca, Jungels resiste e va in solitaria

Ora inizia la corsa per vincere una tappa. Pierre Latour è stato il primo ad attaccare. Patrick Conrad è subito saltato sulla ruota posteriore del francese. È stato seguito da Bob Jungles, Simon Geschke e Wut Van Aert. Poi i Jungel tornano e si sistemano da soli.

66 km – gruppo di accelerazione

Il gruppo prende velocità al Col de la Croix e sgranocchia rapidamente oltre mezzo minuto dei progressi in fuga. Mancano solo 2:30 minuti per l’introduzione, che, a differenza del campo principale, è ancora praticamente insieme. Quando ci sarà un attacco?

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

68 km – Il ritorno di O’Connor nella Valle della Sofferenza

Prima di iniziare la salita al Col de la Croix (Classe 1), Ben O’Connor è ancora una volta dietro il gruppo nell’auto del medico di gara. L’australiano ha rinunciato al tour oggi? Dopo la sua continua sofferenza da mercoledì, nessuno si sorprenderà.

READ  Eintracht Francoforte: Martin Hinterger si scusa - Bundesliga

72 km – ancora 3:15 minuti

La distanza tra il gruppo superiore e il campo principale rimane costante. Inoltre, ci sono 3:15 minuti sull’orologio. La squadra degli Emirati sembra avere tutto sotto controllo.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

84 km – 5 punti di montagna per Latur e 3 per Jishki

Hugo Holley (Israel Premier Tech) attacca in anticipo, oltre 500 m prima della classifica di montagna al Col des Mosses. Ma Pierre Latour (TotalEnergies) si è alzato e si è affermato con sicurezza. Dietro di lui, Holly e Simon Jeschke (Cofidis) sono in lizza per il secondo posto, con un miglior piazzamento per il tedesco. 5 punti Latour, 3 Geschke 2 Hall e 1 per Patrick Conrad (Bura – Hensgrohe).

Ciò significa che Geschke è ora al quarto posto nella classifica generale delle montagne con 7 punti montagna. È a quattro punti dalla maglia Magnus di Kurt Nielsen.

88 km – Nella piazza principale si salutano i primi classificati

Al Col des Mosses i primi corridori hanno lasciato il gruppo – uno dei primi: Fabio Jakobsen (Quick-Step Alpha Vinyl). Ma ha subito con sé un assistente in Michael Murkoff. È probabile che il Gruppetto più grande si incontrerà presto. Mark Hershey (UAE Team Emirates), Florian Senech (Quick Step Alpha Vinyl) e Alexandre Christophe (Intermarchy – Wanty – Joubert) se ne sono già andati.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

96 km – inizio della salita del Col des Mosses – l’uranio è quasi giallo

13,3 chilometri al 4,1% – Il Col des Mosses non è un percorso brutalmente difficile. Ma almeno è la scalata più lunga del tour finora. Vediamo quante delle 21 persone in cima alla salita di Classe II sono ancora insieme.

In ogni caso, il vantaggio sulla piazza principale è stato portato a 3:25 minuti. Rigoberto Uran è ora il Virtual Commander in Chief del 109° Tour de France!

READ  TSG Hoffenheim: Bebou & Co hanno inflitto la seconda sconfitta stagionale a Colonia

104 km – 2:55 min – la distanza aumenta

Il primo gruppo ora è in vantaggio per circa tre minuti. Nils Politt rimane uno dei lavoratori più attivi lì. Sicuramente: Bora-Hansgrohe ha uno dei favoriti più caldi per vincere oggi a Patrick Conrad.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

115 km – calma dopo e prima del temporale

Altri 20 chilometri fino alla fine della salita successiva, il Col des Mosses (categoria 2). I primi classificati stanno andando bene al momento, anche se alcuni come McNilty guidano meno di altri come Bullitt. E in fondo al gruppo, la Pogacar continua a dettare il ritmo alle 2:30.

130 km – 2:20 minuti dalla vetta

La distanza continua a crescere. Manca ancora un minuto, poi Uran sarà il nuovo comandante in capo virtuale. È il miglior giocatore in fuga, 3:24 dietro la maglia gialla.

Nel frattempo, la maggior parte dei corridori del gruppo rimasti sulle salite si sono ricollegati sull’altopiano al canton Friburgo. Per ora, non devi più preoccuparti del periodo di attesa.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

136 km – Van Aert Polit supera lo sprint medio

Come annunciato, Wout Van Aert aveva 20 punti di montagna. Nils Bullitt si siede sulla sua ruota posteriore e poi prende il comando nel gruppo di testa: I 21 uomini hanno già 1:55 minuti. Nel gruppo, gli Emirati dominano la squadra degli Emirati.

140 km – Van Aert porta in cima gli atei

Wout Van Aert va a tutto gas e riunisce i due gruppi principali. Il belga poteva già sentire l’odore del nemico medio che aspettava a quattro chilometri di distanza. Lì vorrà ottenere 20 punti per la maglia verde.

Poiché Edvald Boisson Hagen è stato lasciato indietro, ora abbiamo 21 uomini in un grande distaccamento, inclusi i tedeschi Simon Geschke e Nils Bullet, l’austriaco Patrick Conrad e il lussemburghese Bob Jungles. Oltre a Van Aert, particolarmente interessanti sono Rigoberto Uran e l’assistente di Pogacar Brandon McNulty.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

145 km – 7 uomini che inseguono

Anche TotalEnergies vuole essere nel primo gruppo. Con due uomini, i francesi ora attaccano dal gruppo. Immediatamente Brandon McNulty (UAE Team Emirates), Wut Van Aert (Jumbo-Visma) e Nils Polit (Bora-Hansgrohe) si sono uniti come osservatori.

Tutti i nomi esterni e tutti gli spazi nel datacenter attivo

147 km – il gruppo è in piedi!

15 uomini ora hanno 40 secondi e il Team Emirates conclude la gara a Peloton. La squadra di Tadej Pogacar si schiera fianco a fianco in prima fila e rallenta gli altri. Vogliono lasciare andare questo gruppo ora e sembrano essere stanchi dell’attacco.

READ  Sport in diretta oggi 12 maggio 2022 in TV e trasmissione: stazione e orari

149 km – il grande gruppo si separa

Continua a salire dopo la classificazione delle montagne e ora si separa un folto gruppo di interessanti assortimenti. Tra gli altri, ci saranno ancora Simon Geschke, ma anche Patrick Conrad e Thibaut Bennott.

Maggiori informazioni e tutti i fatti nel data center live

150 km – Lasciando Hershey e Soller alle spalle

In uno dei gruppi più numerosi lasciati da piloti come Peter Sagan e Matthew van der Poel, ci sono già due assistenti Tadej Pogacar, già previsti per la montagna: Mark Hershey e Mark Soler. Il team Emirates sta chiaramente cercando la gomma.

155 km – Castrovigo prende la punta della montagna – il campo vola

Il gruppo ha sorvolato il vigneto durante la prima piccola salita della giornata a una velocità incredibile. I piloti erano allineati come un filo di perle – molti di loro avevano già perso il contatto nella parte posteriore. Velocità dell’inferno!

In cima alla vetta, Jonathan Castrovigo, che rappresenta gli energici Ineos Grenadiers, era in testa alla classifica. Punto di montagna dello spagnolo.

Maggiori informazioni e tutti i fatti nel data center live

162 km – 30 km, nessun gruppo

Ha già finito 30 km pianeggianti, ma non c’è ancora nessun gruppo scheggiato. Il ritmo è ancora abbastanza alto, ma i caduti sono tornati in testa dopo un duro inseguimento. Salita subito in salita in direzione della Cote de Bellevue: il primo premio di montagna della 4a categoria è stato raggiunto dopo 37 chilometri.

170 km – incidente sul rotore

Sono caduti Maximilian Schachmann, Felix Groschartner, Owen Dole, Nelson Bowles, Michael Woods e Tony Gallobin. I cinque caddero in una rotonda, ma tutti riuscirono a proseguire.

Maggiori informazioni e tutti i fatti nel data center live

175 km – Kämna va a tutta velocità, alle condizioni di Pedersen

Leonard Kamna è il prossimo a spingere il pedale in modo più aggressivo nella parte anteriore del campo. Non se la cava, ma chiude i 5 secondi di differenza all’ex iridato danese. chiese Pedersen.

Combat Kamna: questo è il piano di Bora per la nona fase

179 km – Pedersen parte da solo

Mads attacca Pedersen all’ingresso di Montreux e all’inizio nessuno lo accompagna. Ma il danese è chiaramente davvero pronto per questo e sta ancora andando avanti.

Mancano 115 miglia – O’Connor è già rimasto indietro

Questo è davvero amaro: Ben O’Connor è così esausto che dopo soli sette chilometri in piano ad alta velocità non riesce più a tenere il passo con il gruppo. Il quarto dall’Australia l’anno scorso ha lottato alla fine del campo ogni giorno da quando è caduto sulla ghiaia mercoledì. Ma oggi arriva ancora alla fine e si salva per il giorno di riposo?

Maggiori informazioni e tutti i fatti nel data center live

12:45 – Inizia GRATIS da Eagle!

La nona tappa è in corso – e immediatamente, ovviamente, ci saranno di nuovo gli attacchi! Ancora una volta, questo potrebbe essere un giorno di rottura e, in quanto tale, ogni squadra vuole qualcuno con cui rompere.

Preferiti di 9a elementare

Le persone con buone qualità di arrampicata hanno le migliori possibilità di vincere la nona tappa. Sulla quarta e ultima montagna della giornata, il Pas de Morgens (Categoria 1), i corridori affrontano una salita di 15,4 chilometri prima dell’arrivo a Châtel-les-Ports du Soleil che li aspetta dopo la discesa: ci sono altri quattro chilometri in salita .

Ciao e Benvenuto

Ciao e benvenuti al live tape della nona tappa del Tour de France 2022. Prima del giorno di riposo, i corridori si recano per la prima volta sulle Alpi: oggi ci sono due lunghe salite in programma tra Aigle in Svizzera e l’arrivo a Châtel. 192,9 chilometri ti aspettano con quattro salite di oltre 3.700 metri di altezza e dovrebbero assicurarti un sacco di emozioni da corsa prima del giorno di riposo.

Potrebbe interessarti anche: Tour de France 2022: tutte le 21 tappe, profili e salite
Direttamente su radsport-news.com

Pista del Tour de France: il percorso completo con tutte le 21 tappe

Giro di Francia

Tour de France 2022: tutte le 21 tappe, profili e salite

14/06/2022 alle 13:12

Giro di Francia

Pogacar scatta per una vittoria di tappa, ma Van Aert ce la fa

1 giorno fa