Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Terzo Educatore”: una balena si trasforma in un asilo nido in Italia

Gli architetti si sono ispirati alla storia di un personaggio delle fiabe durante la costruzione di un asilo nido a Quostella, nel nord Italia. I bambini si sentono subito bene. Gli accademici sono confusi, ma solo brevemente.

La storia di Pinocchio su ciò che Strovelpeter è per i bambini di lingua tedesca – o nel frattempo – fino ad oggi. Anche il piccolo saltatore fa un sacco di battute. Alla fine, insieme al maestro falegname Keppetto, lo scolpì da un pezzo di legno nel ventre di una balena. Ma Pinocchio ha la possibilità di vedere i suoi errori e pentirsi, e dall’oggi al domani diventa un ragazzo ben educato e ben educato.

I bambini si sono sentiti subito a casa.

(Foto: Moreno Maggie)

Nessun lieto fine con Strovelpetter. Con Pinocchio, ecco perché la sua storia può essere utilizzata in un modo completamente diverso. Puoi trovare “La Balena” (balena) nell’asilo nido situato nel comune di Quastalla nella provincia settentrionale italiana di Reggio Emilia. L’area è stata colpita dal terremoto del 2012, che ha completamente distrutto i due asili nido. Il comune ha deciso di costruire una nuova struttura sul sito e ha assunto gli architetti MCA Architetti. Il suo fondatore Mario Cucinella è uno degli architetti più famosi in Italia, soprattutto per quanto riguarda la sua ricerca nel campo della sostenibilità.

Un senso di sogni, gioie e paure

Costruire per i bambini è una sfida completamente diversa rispetto alla progettazione di edifici residenziali o per uffici. Non perché sia ​​facile o difficile, ma perché richiede qualcosa come il reset. Almeno un laico può immaginare come sia. Anche questo è vero solo in parte, afferma Marco del Ugly, project manager di “Palena” Cresch, in un’intervista a ntv.de. Perché una volta siamo stati tutti bambini, e una missione come questa offre l’opportunità unica di mettersi per un po’ nei panni dei bambini, “scoprire desideri, gioie, ma paure”. Va bene.

READ  È morto il cantante italiano Franco Patio

Ma non volevano creare una nuova vasca per i bambini, volevano solo fare loro un regalo, continua Dell Ugly. Così è nata l’idea di trasformare una storia in un’esperienza. “L’episodio della balena di Pinocchio è molto adatto a trasformarsi in una stanza dove i bambini possono sentirsi divertenti e bene.”

La struttura del Whale Kindergarten è realizzata interamente in legno, quindi è stabile al 100% e antisismica. È anche interessante notare che gli elementi finiti ricordano in qualche modo un gioco ambientato uno dopo l’altro. Il sistema costruttivo prefabbricato ha permesso di completare il serbatoio in un anno e di contenere i costi. Si tratta di circa 1500 euro al metro quadro comprensivi di rifiniture interne. “Ecco perché c’era il bando”, spiega l’architetto.

L’interno arrotondato a forma di baia ricorda un calore protettivo. Dovrebbe proteggere i bambini e allo stesso tempo incoraggiarli a intraprendere un’azione indipendente. Ma quando la balena si è subito accorta che i bambini erano a casa, le aziende inizialmente hanno sollevato alcune preoccupazioni. “I funzionari sanitari hanno affermato che muri così pericolosi non potevano essere giustificati nell’asilo nido perché sono pericolosi”, afferma Dell Ugly. “Invece, i bambini hanno capito subito che queste superfici erano adatte alla flessibilità”.

Bellezza sconfinata

La mancanza di pareti divisorie opache tra i sei gruppi è stata inizialmente un problema, in questo caso per gli accademici abituati alle aule tradizionali. I sei gruppi erano imbarazzati l’uno dall’altro in un tunnel aperto e inondato di luce, separato solo da una parete di vetro. Temevano di essere esposti all’esterno e ad altri gruppi e volevano montare le tende. Ma non si è arrivati ​​a questo. La sensazione spiacevole è scomparsa dopo pochi giorni.

READ  Verdetto asilo - Le famiglie possono tornare in Italia - Notizie

“Balena” è stata insignita del premio “Bellezza Infinita” dalla più importante associazione italiana per la tutela dell’ambiente. Motivo: “Una stanza ben progettata può essere il terzo educatore dopo la famiglia e gli educatori”.

Se si pensa ai tanti asili nido degli anni ’60 e ’70, si potrebbe concludere che l’archivio “Palena” diventerà un modello standard per i futuri nuovi edifici. «Abbiamo già svolto indagini dall’Italia e dall’estero», dice Del Ugly. Ma non è sempre possibile imitare un modello architettonico in un altro. “‘Palena’ potrebbe non essere adatto alle zone più calde, ma ci sono fiabe a tutte le latitudini. Anche materiale da costruzione adatto.