Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tensioni nel conflitto in Ucraina: Putin incolpa l’Occidente

Stato: 21 dicembre 2021 20:20

Il presidente russo Putin ha accusato l’Occidente di tutte le tensioni nel conflitto ucraino. Ha anche ripetuto il suo appello a respingere l’espansione della NATO a est.

Il presidente russo Vladimir Putin, in un discorso a un incontro con alti ufficiali militari, ha accusato gli Stati Uniti e l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) di essere responsabili delle “escalation delle tensioni in Europa”.

Ha detto che gli Stati Uniti si consideravano i vincitori della Guerra Fredda e, nel mezzo della loro euforia, hanno preso le decisioni politiche sbagliate. Si riferiva all’espansione della NATO verso est e alla fine degli accordi sul controllo degli armamenti.

La Russia è stata costretta a rispondere passo dopo passo. La situazione è peggiorata. “Ed eccoci qui oggi, in una situazione in cui dobbiamo risolverla in qualche modo”.

Putin ha accusato gli Stati Uniti di un’azione “aggressiva” e ne ha minacciato le conseguenze. “Se la vena un po’ aggressiva dei nostri colleghi occidentali continuerà, risponderemo con adeguate misure tecnico-militari e risponderemo duramente ai passi ostili”, ha detto Putin.

Le tensioni aumentano al confine

La Russia aveva precedentemente chiesto in progetti di accordi di sicurezza con gli Stati Uniti e la NATO che l’alleanza militare occidentale non dovesse accettare l’Ucraina e altre ex repubbliche sovietiche, ritirare le armi dalla regione e terminare le manovre lì. Le richieste sono arrivate in un momento di crescenti tensioni per l’accumulo di forze russe vicino al confine con l’Ucraina, suscitando timori di una possibile invasione russa del paese vicino.

Putin ha detto oggi che se i sistemi missilistici degli Stati Uniti e della NATO fossero installati in Ucraina, ci vorrebbero solo pochi minuti prima che i missili raggiungano Mosca.

READ  Novavax Dead Corona Vaccine: approvazione in attesa

“Per noi questa è la sfida più seria, una sfida alla nostra sicurezza”, ha detto Putin, aggiungendo che questo era il motivo per cui il Cremlino aveva bisogno di garanzie “a lungo termine e legalmente vincolanti” dall’Occidente, piuttosto che “assicurazioni verbali, parole e promesse”. ” di cui Mosca non poteva fidarsi. . Allo stesso tempo, Putin ha sottolineato che spera di tenere colloqui costruttivi con i rappresentanti di Washington e Bruxelles.

Telefonata con Scholz

Il conflitto in Ucraina è stato anche oggetto di una telefonata tra il cancelliere Olaf Schultz e Putin. Secondo il governo tedesco, Schulz e Putin hanno parlato di aumentare la presenza militare russa in Ucraina.

Il portavoce del governo Stephen Hebestreet ha affermato che il cancelliere ha espresso preoccupazione per la situazione e ha parlato dell’urgente necessità di ridurre l’escalation. Inoltre, si trattava dello stato di attuazione degli accordi di Minsk per una soluzione pacifica del conflitto nell’est dell’Ucraina. Schulz ha sottolineato la necessità di portare avanti i negoziati nel formato della Normandia.

Putin, a sua volta, su richiesta di Schulz, ha dettagliato la visione russa del conflitto in Ucraina.

Stoltenberg vede un accumulo militare senza fondamento

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che l’alleanza vorrebbe esprimere la sua preoccupazione per il comportamento della Russia nei primi colloqui. La Russia continua a rafforzare le sue forze al confine con l’Ucraina: “Vediamo che stanno gradualmente portando sempre più forze armate – artiglieria, truppe da combattimento, carri armati – vicino al confine ucraino”.

Nonostante le richieste internazionali di trasparenza e de-escalation, l’accumulazione militare “infondata e ingiustificata” continua. Per discutere la situazione tesa, Stoltenberg ha annunciato che vorrebbe convocare una riunione del Consiglio NATO-Russia all’inizio del prossimo anno.

READ  Omicron: l'OMS avverte di uno "tsunami" di infezione da corona - minaccia il collasso dei sistemi sanitari

La Russia è pronta per nuove consultazioni?

Ma all’inizio non era chiaro se Mosca fosse persino pronta a tenere nuove consultazioni nel formato del dialogo. Gli ultimi colloqui nel Consiglio NATO-Russia finora si sono svolti nel luglio 2019. Da allora, tutti i tentativi di fissare una data per l’incontro sono falliti. Uno dei motivi è che di fatto la Russia non vuole più parlare in questo modo del conflitto ucraino, che a sua volta, soprattutto i paesi della Nato orientale, non vuole accettarlo come condizione per nuovi colloqui.

Le relazioni della Russia con gli Stati Uniti sono scese ai livelli della Guerra Fredda quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014 e ha sostenuto una rivolta separatista nell’Ucraina orientale. Le tensioni sono tornate divampate nelle ultime settimane con i soldati russi di stanza vicino al confine ucraino.