Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tennis: anche i professionisti non sanno perché vengono contati in questo modo

gli sport Tennis

15, 30, 40 – e nemmeno i professionisti sanno perché vengono calcolati in questo modo

Il britannico Andy Murray

30:40 – Ma perché?

Quelle: pa / dpa / Facundo Arrizabalaga

Nel tennis c’è forse il modo più strano di contare nello sport. 15, 30, 40 – Anche i professionisti non hanno idea di come ciò accada. L’originale è probabilmente del XIV secolo, a “Jeu de Paume” in Francia.

unI canali social dei maggiori tour sportivi professionistici vogliono essere pieni fino alla fine dell’anno. Dato che non c’è più niente da fare, i funzionari devono inventarsi qualcosa. Durante il tour ATP, avevano già una buona idea.

In varie interviste, ai professionisti del tennis è stato chiesto se sanno perché i punteggi nel loro sport vengono calcolati in modo così strano. Allora perché i punti non sono scritti nei giochi 1: 0, 2: 0, 3: 0, ma nei numeri 15: 0, 30: 0, 40: 0. Ora molti giocatori stanno facendo qualcos’altro nella loro vita che giocando a tennis e guadagnando milioni da questa attività, ma nessuno sembra avere idea dell’origine del metodo di conteggio. Almeno nessuno degli intervistati.

Qui troverai contenuti da Instagram

Per interagire o visualizzare i contenuti di Instagram e di altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Tra questi c’erano i primi 20 giocatori come Francis Tiafoe (23/USA), Diego Schwartzman (29/Argentina) o Riley Opelka (24/USA). Alcune risposte rapide:

  • “Non sono quel tipo di numero.”
  • “So che dovrei saperlo, ma non lo so.”
  • “Nessuna idea.”

Leggi anche

Grande uomo pronto a ricevere

Quindi proveremo a fornire chiarimenti qui, anche se alla fine non funziona. Esistono due diversi tipi di derivazione.

1. Pollice variabile

Nel pioniere del tennis, “Jeu de Paume” (tradotto come “gioco della palma”), il campo era diviso in file. Il gioco fu menzionato per la prima volta in un documento del 1250 e nel 1908 era ancora un gioco olimpico. Fai un punto muovi un errore. L’inizio era sulla linea 0 pollici. Da lì, dopo aver guadagnato un punto, vai alla linea 15″, poi alla linea 30″ e infine alla linea 40″.

2. Scommesse variabili

Questo è molto probabile e risale alle quote di denaro del XIV secolo nel “Jeu de Paume” in Francia. A quel tempo, si diceva che ogni punto giocato fosse per una moneta. Denominato “Gros Tournois”, che aveva l’equivalente di 15 denari. A 45 anni, il numero 5 deve essere caduto sotto il tavolo ad un certo punto. Si presume che uno dei nobili si sia rifiutato definitivamente di pagare l’intero importo.

Leggi anche

DSC08162[7][3]_

READ  Alla prima occasione nel 2022 - Wälti: "Vogliamo dominare ora le qualificazioni ai Mondiali" - Sport