Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tempeste di aurora boreale su Giove: decenni dopo mistero risolto


È noto da decenni che su Giove soffiano imponenti tempeste polari. Finora, l’origine del fenomeno, che si verifica nello spettro invisibile, è rimasta un mistero. La sonda Juno della NASA può far luce su questo

Un puzzle davvero difficile che solo l’hardware giusto può risolvere

Uno spettacolo impressionante si svolge su Giove con un ritmo abbastanza regolare: l'”aurora a raggi X” attraversa l’atmosfera del gigante gassoso con enormi quantità di energia. “Per oltre 40 anni siamo rimasti sconcertati su ciò che potrebbe causare le incredibili aurore a raggi X di Giove”, ha affermato il coautore dello studio Zhonghua Yao, ricercatore planetario presso il Key Laboratory of Earth and Planetary Physics di Pechino. Space.com. I risultati decisivi possono essere forniti solo da nuovi strumenti: la sonda Juno della NASA, che orbita attorno a Giove dal 2016, e il telescopio a raggi X XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea, che è in orbita.

Per raggi X al crepuscolo…
Giove: Nota Chandra e XMM-Newton…è stata trovata una spiegazione

Il 16 e 17 luglio 2017, la NASA ha focalizzato tutti gli strumenti di Giunone sulla magnetosfera di Giove e quindi ha confrontato questi dati con le osservazioni del telescopio europeo a raggi X. Quasi quattro anni dopo, l’analisi dei dati fornisce anche una spiegazione per il fenomeno dell’aurora boreale. Gli scienziati attribuiscono i “bagliori di raggi X” alle vibrazioni regolari delle linee del campo magnetico di Giove. Queste oscillazioni fanno sì che le onde di plasma – particelle cariche – “navigano” lungo le linee del campo magnetico fino a quando non entrano in collisione con l’atmosfera ed emettono raggi X.

Una nuova soluzione porta un nuovo puzzle

Tuttavia, risolvere il mistero in questo caso ne porta uno nuovo: i ricercatori non sono attualmente consapevoli di ciò che porta all’oscillazione periodica delle linee del campo magnetico – interazioni con il vento solare e correnti di plasma molto veloci all’interno della magnetosfera. Possibili cause qui.

READ  I rilevatori misurano le onde gravitazionali di una catastrofe cosmica, ma sta accadendo di nuovo

Tuttavia, i ricercatori vedono chiare indicazioni che il processo su Giove, nonostante le enormi differenze tra i corpi celesti, potrebbe essere simile a quello sulla Terra: “Sembra che i processi (…) siano gli stessi”. –Autore principale dello studio di William Dunn, un astrofisico dell’University College di Londra, secondo Space.com. “Questo indica un potenziale processo globale”.


Giove, osservazione, campo magnetico, Chandra
Giove, osservazione, campo magnetico, Chandra
Chandra / Harvard