Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tassazione societaria: il G20 per negoziare un’imposta societaria minima globale

imposte sulle società
G20 per concordare un’imposta societaria minima globale

Joe Biden e Mario Draghi al loro primo incontro a Roma. Foto: Gregorio Borgia / AP / dpa

© dpa-infocom GmbH

I profitti aziendali vengono ripetutamente trasferiti ai paradisi fiscali. Ora anche le principali potenze economiche si sono pronunciate a favore della riforma globale dell’imposta sulle società.

Secondo i partecipanti, i capi di Stato e di governo delle 20 maggiori potenze economiche si sono espressi a favore della riforma globale dell’imposta sulle società recentemente negoziata in una riunione al vertice.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha dichiarato sabato che un “accordo storico” sulle imposte minime sulle società porrebbe fine alla dannosa corsa globale per le aliquote fiscali più basse. La cancelliera Angela Merkel (CDU) ha descritto l’accordo questa sera come “un chiaro segno di giustizia nell’era della digitalizzazione”.

Draghi: ‘Accordo storico’

L’ospite del vertice del G20 a Roma, il presidente del Consiglio Mario Draghi, ha parlato di un evento ricco di storia. “Abbiamo raggiunto un accordo storico per un sistema fiscale internazionale più equo ed efficiente”, ha affermato Draghi. Anche il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha elogiato l’accordo.

Nell’ambito dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), 136 paesi hanno già approvato la riforma prevista a livello ministeriale. Insieme, i paesi rappresentano il 90% della produzione economica globale. Sono inclusi anche famosi paradisi fiscali come le Isole Cayman e paesi come l’Irlanda, che hanno resistito fino alla fine a causa delle loro basse aliquote fiscali.

L’obiettivo principale della riforma è impedire che i profitti delle imprese si spostino verso i paradisi fiscali. Le aziende così grandi e attive a livello internazionale devono pagare tasse di almeno il 15% indipendentemente da dove hanno sede entro il 2023. Se una società affiliata paga tasse inferiori all’estero, la differenza può essere riscossa dal paese di origine. Inoltre, le società digitali redditizie e operanti a livello globale come Amazon e Google devono essere soggette a tassazione non solo nel loro paese d’origine, ma anche dove fanno buoni affari.

Al ministero delle Finanze tedesco, la riforma fiscale avrebbe dovuto generare entrate aggiuntive per circa 7,8 miliardi di euro nella fase iniziale. Tra l’altro, questo è importante per i negoziati di coalizione in corso del candidato del cancelliere Olaf Schulz per l’Alleanza dei semafori con i Verdi e il Partito Liberale Democratico. Poiché non dovrebbero esserci aumenti delle tasse sotto la pressione del FDP, la futura coalizione dovrà fare affidamento su nuove fonti di finanziamento per piani costosi. A livello mondiale, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha recentemente stimato che l’aliquota fiscale minima è di 150 miliardi di dollari (circa 130 miliardi di euro) di entrate fiscali.

dpa

READ  Violazione antitrust: Alibaba condivide decisamente il positivo: i concorrenti cinesi multano Alibaba miliardi - Ant deve soddisfare i requisiti come le banche | Messaggio