Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tape Art: ma non è un affare per iniziare un nastro da “Black Den”

Nastri adesivi colorati come un’opera d’arte: due leoni hanno convinto l’investimento. Ma l’accordo con Tape Art a Berlino fallì dopo lo spettacolo.

Stefan Meissner, Nicholas Lowen, Mohamed Ghoneim e Tim Benjamin Zulpis presentano una tape art colorata con Tip Art.  Speravano di investire 100.000 euro in cambio del 12,5% delle azioni della loro azienda.

Stefan Meissner, Nicholas Lowen, Mohamed Ghoneim e Tim Benjamin Zulpis presentano una tape art colorata con Tip Art. Speravano di investire 100.000 euro in cambio del 12,5% delle azioni della loro azienda.

TVORA

Questa è stata l’ultima apparizione in “Black Den” lunedì sera – e forse la più bizzarra. Alla mostra di avvio, Tape Art con sede a Berlino ha presentato nastri adesivi colorati come un’opera d’arte. Rimovibile senza lasciare residui, gli acquirenti dovrebbero poterlo utilizzare per abbellire le stanze dei bambini, ad esempio. La startup ha anche offerto workshop sulla corretta tecnologia adesiva. Per portare sul mercato il cosiddetto “Tape Art Kit”, i fondatori hanno cercato 100.000 euro e in cambio hanno offerto a Löwen il 12,5% delle azioni della loro azienda.

I fondatori di Tape Art si ingannano quando si tratta di questioni finanziarie

Tuttavia, all’inizio, non sembrava un accordo per il quartetto fondatore attorno all’amministratore delegato Mohamed Ghoneim. Sebbene Black fosse interessato al prodotto, il team ha reagito in modo molto goffo alle domande sulle vendite dell’azienda. Obbligatorio “Quali sono i numeri futuri per il 2021 e il 2022” Investitore: Karsten Machmeyer sapere. “Questa è una buona domanda, dipende un po’ da come pianifichiamo la nostra campagna”, ha risposto confuso il co-fondatore di Tape Art Timm Benjamin Zolpys.

Leggi anche

“No, devi avere un business plan”, ha risposto Machmeyer, “qual è l’obiettivo di vendita per quest’anno?” “Possiamo gestire 160.000 unità quest’anno”, ha detto Zolpys. “Eh, non capisco ora”, anche l’investitore Nils Glagau è entrato nella discussione. Maschmeyer non si arrende: Liu voleva sapere dai quattro fondatori chi fosse il chief financial officer dell’azienda. La risposta è stata “il nostro consulente fiscale – si spera”. Per Maschmeyer l’argomento del knockout. È uscito, ha cancellato Nils Glago e Ralph DeMille.

“Non si possono raggiungere obiettivi con un denominatore comune”

Ancora più sorprendente è stato il fatto che gli investitori spin-off Judith Williams e George Koffler, tra tutti, abbiano concordato un accordo dopo una breve discussione. Entrambi hanno concordato con Tape Art un investimento di € 150.000, in cambio del quale Löwen ha ricevuto il 20 percento delle azioni della società. Williams ha chiamato dopo che i fondatori stavano uscendo dallo studio: “Non vedo l’ora di lavorare con voi”.

Come ha scoperto Gründerszene, l’accordo non si è concretizzato sulla scia dello spettacolo. L’investitore George Kofler lo ha confermato su richiesta. “L’idea del business mi è piaciuta subito. Inoltre i fondatori hanno parlato di tape art in modo molto elegante, competente ed entusiasta. Purtroppo non siamo riusciti a portare i nostri obiettivi per l’azienda a un comune denominatore nella fase successiva di negoziazione, e quindi non sono stati in grado di firmare un accordo”, ha detto Koffler. . Anche la homepage della startup non indica che Tape Art si sia preparata per gli ordini online. Era solo un blog di Tumblr fino a sera.

READ  Sophia Tomala: Guarda, Loris! In bikini togli il respiro a tutti everyone