Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sul sequel di Okami: il regista Hideki Kamiya commenta in una nuova intervista – Tower

Quando ho sviluppato Ōkami, non avrei mai pensato di lasciare Capcom e lavorare altrove. Ōkami si basava su idee diverse e ho pensato che in termini di cose che non sono state inserite nel gioco, poiché probabilmente avrei avuto la possibilità di lavorarci di nuovo, potevo anticipare ed espandere alcune cose per trasformarle in affronta e rispondi alle domande dei giocatori mentre suggerivo come sarebbe finita la storia. Quando stai sviluppando un nuovo gioco, hai molte idee nel mezzo dello sviluppo che vuoi implementare. Tuttavia, nell’ultima parte dello sviluppo, alcune di queste idee non potevano più essere implementate per motivi di sistema o di tempo. Poi dici a te stesso: “Quello che non possiamo fare questa volta, lo metteremo in un seguito”.

In Ōkami abbiamo parlato sia della storia che della meccanica del pennello divino e di come possiamo dedicare del tempo a svilupparlo in un sequel in modo che sia più divertente e privo di stress. Ovviamente volevamo fare un sequel. Alla fine le cose hanno preso una piega diversa. Ōkami non è stato un successo commerciale quando l’abbiamo pubblicato. Non sono state vendute molte copie. Ma gradualmente è diventato un successo di critica che è stato accolto positivamente da molte persone. Alla fine, con l’uscita di Ōkami HD su diverse piattaforme, sono arrivate più persone. Ciò ha aumentato la base di giocatori e ha permesso a più persone di godersi il gioco.

Allo stesso tempo, ho notato che le persone chiedono informazioni sui punti della trama che abbiamo lasciato aperti e chiedono che continuino. Più ne sentivo parlare, più mi sembrava che fosse un lavoro che avevo lasciato incompiuto. C’è sempre una parte di me che pensa che dovrò prendermene cura prima o poi. Un giorno voglio farlo.

READ  Apple Watch 6 in titanio non è più disponibile nell'Apple Store