Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Studio americano: i bambini colpiti dall’epidemia si sviluppano più lentamente

Stato: 21/01/2022 05:18

Secondo uno studio americano, i bambini nati durante la pandemia di Corona si sviluppano un po’ più lentamente nei primi sei mesi rispetto ai bambini pre-Corona. Le abilità motorie e sociali sono particolarmente colpite.

Scritto da Peter Mukey, ARD Studio New York

New York City viene spesso definita l’epicentro della pandemia di Corona. Durante la primavera e l’estate del 2020, infatti, il virus si è diffuso rapidamente in tutta la città. Il sistema sanitario è stato completamente sopraffatto. A volte, ogni giorno 800 persone sono morte di Covid-19. MA: Durante questo periodo sono nati anche bambini.

L’effetto sul bambino nel caso in cui la madre sia stata infettata dal virus Corona durante la gravidanza deve ora essere studiato in uno studio. Dopotutto, il pediatra Danny Domitrio, uno degli autori dello studio, afferma: “In altre infezioni, il sistema immunitario della madre viene attivato in un modo che danneggia i bambini”.

Questo è stato il punto di partenza delle indagini. Ma ciò che li ha sorpresi è che i ricercatori non hanno trovato “niente di simile” con Corona: “Per quanto riguarda lo sviluppo del bambino, non c’è differenza tra l’infezione della madre durante la gravidanza o meno”.

Dove le prestazioni epidemiologiche dei bambini sono peggiori

Insieme a Lauren Chauffi della Columbia University di New York, Demetrio ha confrontato i dati di 255 bambini nati tra marzo e dicembre 2020 durante la pandemia con i dati di un gruppo di neonati prima dell’epidemia di coronavirus. “Abbiamo scoperto che i bambini con ESD hanno ottenuto risultati leggermente peggiori dopo sei mesi in termini di capacità motorie grossolane, abilità motorie fini e abilità sociali”, afferma Domitrio.

READ  Nonostante il lockdown a Shanghai: i nuovi contagi in Cina hanno raggiunto il massimo storico

La differenza è particolarmente importante nei bambini le cui madri erano nel primo trimestre di gravidanza quando è scoppiata l’epidemia. “La differenza di sviluppo rispetto alla coorte storica è la più grande qui”, afferma il pediatra.

Domitrio afferma che lo studio non può fornire una risposta affidabile sul perché questo sia. Ma: “Sappiamo dalla ricerca su animali e esseri umani che lo stress durante la gravidanza influisce sullo sviluppo fetale. Prima si verifica questo stress durante la gravidanza, più è probabile che si verifichi questo effetto”.

L’incertezza che ti appesantisce

I due ricercatori hanno studiato lo sviluppo dei bambini nati molto presto nella pandemia. In un momento in cui l’incertezza e lo stress ad esso associati erano particolarmente importanti per le madri. Ma finora, le donne incinte sono ancora vulnerabili allo stress da corona. “Il primo stress è stato particolarmente intenso, lo stress dell’ignoto. Invece, ora c’è un diverso tipo di stress che può avere un effetto anche sullo sviluppo dei bambini”, afferma Domitrio.

“Siamo stati in questa epidemia per quasi due anni. Siamo nel mezzo di una nuova ondata. Potremmo sapere più o meno come agire. Ma molti ora soffrono di grave affaticamento”, afferma il ricercatore.

Non erano ancora previste conseguenze a lungo termine

È una debolezza che ha effetti sconosciuti sui bambini che nasceranno nei prossimi mesi. Le conseguenze a lungo termine dell’epidemia sui bambini non sono affatto prevedibili.

Potrebbero anche esserci degli aspetti positivi, dice Schoufrey, come i genitori che possono trascorrere più tempo a casa con i propri figli perché non devono andare in ufficio. “Qualcosa del genere potrebbe portare a uno sviluppo migliore per almeno alcuni bambini”, afferma il coautore. “Lo esamineremo in ulteriori studi”.

READ  Ucraina: Zelenskyj prevede di prendere d'assalto Kiev di notte - "Il destino del Paese ora è deciso"

Secondo i ricercatori, comunque, non c’è motivo di essere eccessivamente preoccupati. D’altra parte, le differenze di sviluppo che esistono tra i bambini dell’epididimo e quelli precoronali sono solo piccole. D’altra parte, è una fase di sviluppo molto precoce. “Niente è scolpito nella pietra. Abbiamo ancora tutto il tempo per intervenire. Ecco perché questa ricerca è così importante. Non per prevedere nulla di negativo, ma in modo da poter intervenire rapidamente per influenzare lo sviluppo di questi bambini”.