Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stone Age – Come fallisce la protezione del clima in Sicilia a causa dell’economia

Vista da Berlino, la posizione siciliana è eccellente. La forza del sole dell’Italia meridionale ha attratto il produttore tedesco di sistemi solari Ib Vogt nel secolo, all’interno di un’isola mediterranea ricca di tesori naturali e culturali. Lo scorso dicembre, l’agenzia di pianificazione ha presentato domanda per la realizzazione di una centrale fotovoltaica da 384 megawatt. Deve essere costruito nella valle del fiume Titino a ovest del monte Edna. Quando i moduli solari 711 360 entreranno in funzione, sarà il più grande progetto mai realizzato da uno sviluppatore berlinese impegnato a “decorbonizzare il settore energetico globale”.

All’inizio del secolo, tuttavia, non volevano sapere nulla del progetto di Berlino. Ib Vogt Ai residenti non dispiace investire 228,7 milioni di euro all’interno di un’isola economicamente debole. I siciliani ignorano il fatto che il governo italiano sta attualmente cercando di forzare l’espansione delle energie rinnovabili nella corsa del pianeta per il cambiamento climatico.

Nelle fotografie aeree, il Centipede sembra una stella marina pietrificata a cinque braccia. Su Internet, la comunità di 5800 residenti, che ha goduto del suo apice nell’Impero Romano, è orgogliosa della sua splendida posizione. Si erge maestoso ad un’altitudine di 730 metri tra Catania ed Enna, dove si può studiare. La vista spazia sul vulcano Edna e sulle tre valli fluviali che circondano le catene montuose degli Erei e dei Nebrodi. Presto 496 ettari di lastre di silicio nero lucido? Non qui.

Il progetto è stato interrotto lo scorso luglio. La Soprintendenza ai Monumenti di Enna ha vietato la costruzione di una centrale solare. “Molti ciottoli sono stati trovati nelle vicinanze, che potrebbero essere stati assegnati alle prime facce di pietra”, dice la descrizione. Risultati fastidiosi: la protezione del clima fallisce in Sicilia a causa dell’età della pietra. Gli architetti del potere culturale lo citano come motivo per rifiutare “zone con elaborati pezzi di ceramica”. In realtà il motivo è diverso: «Dal nostro paese, chiamato il Balcone di Sicilia, si vedono montagne ricoperte di superfici di vetro», dice l’assessore Giuseppe Pionde.

READ  Un terremoto di magnitudo 5.9 scuote Manfredonia, provincia di Focia, Puglia, Italia

Le persone sono a favore delle tecnologie verdi, purché non le conoscano

Il problema dell’Italia: il secolo è ovunque. Bellissimi paesaggi e preziosi beni culturali si trovano in tutti gli angoli. Il fenomeno della “ninfa” è una barriera decisiva al trasferimento di energia. Seguendo il motto “Not in my backyard”, le persone tra Bolzano e Siracusa raccomandano anche le tecnologie verdi fino a quando non si avvicinano. Il risultato: “Oggi le autorità bloccano nuovi impianti per la produzione a impatto zero di tre gigawatt di energia elettrica”, ha affermato il ministro dell’Ambiente Roberto Singolani. Il suo compito è rimuovere questa resistenza.

Il primo ministro italiano Draghi (al centro) con il suo ministro dell’Ambiente Roberto Cingolani (al centro) alla COP 26 al Summit delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow la scorsa settimana.

(Foto: Filippo Attili / Imego)

Il noto fisico è stato nominato al governo otto mesi fa da Mario Draghi, il motore della Rivoluzione Verde in Italia. Il paese è in grave pericolo. Nei prossimi cinque anni, l’Italia riceverà 200 200 miliardi dal suo fondo di ristrutturazione dell’UE post-modernizzazione post-epidemia. Di questi, 69 miliardi di yen sono stati stanziati per investimenti ambientali. 9 Per le sole energie rinnovabili sono disponibili 5,9 miliardi. Ma fino a quando non verranno approvati piani specifici, il flusso di cassa verrà chiuso. L’Italia affronta l’alternativa: “O lasciamo la nostra burocrazia o i soldi di Bruxelles”, dice Singolani.

Ci sono carte davvero buone nel paese. L’Italia ha tradizionalmente fatto affidamento sull’energia idroelettrica e un tempo ha portato all’espansione dell’energia solare in Europa. Ma poi la svolta si è fermata. Entro il 2020, il 41,7% dell’elettricità proveniva da fonti rinnovabili. La lunga penisola mediterranea potrebbe trasformarsi nell’Eldorado dell’energia pulita. Qualche nuvola, tanto sole e 8.300 km di costa offrono condizioni favorevoli per l’espansione solare ed eolica.

Il fatto che la conversione dell’energia non sia progredita è spesso causa di un complicato processo di approvazione. Sono necessarie undici autorizzazioni diverse. Se le cose vanno bene, ci vorranno quattro anni prima che tutte le agenzie sigillano la domanda. Ma spesso le cose non vanno bene. Il 70 per cento dei progetti è stato fermato dalle autorità di controllo. Prendiamo il Lazio, ad esempio: il ministero della Cultura ha bloccato 126 progetti nella sola regione intorno a Roma. Vi sono congelati investimenti per 22,2 miliardi.

C’è un ampio divario tra desiderio e realtà. L’Italia deve stabilire una nuova capacità produttiva di 70 gigawatt entro il 2030 per raggiungere l’obiettivo dell’accordo sul clima di Parigi. Cioè, deve essere collegato a una tensione di otto gigawatt all’anno. Nel 2020 era di 0,8 GW. Se l’espansione continua, il paese soleggiato non raggiungerà il suo obiettivo fino al 2108, anziché al 2030. La caffettiera Andrea Illy non ha perso la speranza, però: “Con l’obiettivo clima, il governo sta intaccando la sua credibilità. Quindi agite in fretta”.

Roberto Singolani sta cercando di far uscire l’Italia dall’assedio dallo scorso febbraio. Leonardo Italia, uno dei principali ricercatori ed ex sviluppatore del Technology Group, spera di rompere con la sua eredità. Per decenni, la tutela dell’ambiente è stata equiparata all’inviolabilità della natura e l’arma più efficace di gruppi di cittadini locali è ricorrere a tribunali e autorità. Si fa riferimento alla tutela del territorio prevista dalla Costituzione italiana. La lotta alla crisi climatica è in ritardo.

Il conflitto di obiettivi è scoppiato anche nel governo. Al tavolo del Consiglio dei Ministri, Cingolani, responsabile della tutela dei monumenti e del paesaggio, e Taro Francischini, ministro per i beni culturali, continuano a salutarsi. Singolani ha semplificato il processo di approvazione. “Abbiamo ridotto la sua durata da 1500 a 250 giorni”, afferma. Inoltre, il potere dei Breakmen è stato ridotto. “Se un potere resta indietro, il governo interverrà e prenderà il suo posto”, ha detto il ministro. Così il governo ha assicurato regole chiare.

Tuttavia, il ministro dell’Ambiente sa che questo da solo non basta per vincere la sfida. “Dobbiamo decidere da che parte sta il Paese”, chiede. La ricerca della neutralità climatica non può essere subordinata ovunque alla tutela del paesaggio. “Non possiamo più tollerare la sindrome della ninfa”, ha detto Singolani.

Anche gli sviluppatori di energia solare a Berlino credono in questo. Nell’entroterra siciliano dell’isola, Ib Vogt gestisce due grandi progetti fotovoltaici oltre alla centrifugazione. “La nostra azienda è impegnata a generare elettricità sostenibile per la fase italiana”, ha affermato l’azienda.