Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sollten Unternehmen überdurchschnittliche Gehälter anbieten, damit sie Mitarbeiter nicht an die Konkurrenz verlieren?

Stipendi: questo è ciò che le aziende possono imparare da Google e Amazon

Le aziende dovrebbero offrire stipendi superiori alla media per non perdere dipendenti a causa della concorrenza?
dpa

Attrarre e trattenere i lavoratori è un grattacapo per molte aziende. Philip Riedel, amministratore delegato di Avantgarde Experts, è convinto che le aziende tedesche possano ancora imparare molto sull’argomento, specialmente dalle grandi aziende tecnologiche statunitensi come Google, Amazon e Meta.

Soprattutto, hanno scoperto un concetto semplice che usano per attrarre talenti: stipendi sopra la media. “Le persone vanno dove guadagnano meglio”, dice Riddell. Anche le aziende tedesche dovrebbero impararlo.

Conflitto: molte industrie sono impegnate nella contrattazione collettiva

Le aziende tecnologiche decidono quali posizioni sono più importanti per loro e basano la fascia di stipendio su quella. In Germania esiste una tradizione diversa: molti settori aderiscono alle norme sociali della contrattazione collettiva, come l’industria metallurgica ed elettrica. Riddle dice che il mondo del lavoro è diventato troppo individualistico per tenersi stretto. Pagare un salario uniforme oltre i confini di molte aree di attività? Non è più aggiornato.

Leggi anche

250.000€ e oltre: questo è quanto puoi guadagnare in una startup

Un recente studio del fornitore di servizi per i dipendenti Avantgarde Experts mostra quanto sia importante il tema della retribuzione per i dipendenti Globalismo Disponibile in esclusiva. Il 62% degli intervistati ha affermato che un salario migliore avrebbe un impatto positivo sulla soddisfazione sul lavoro. Il risultato può essere sorprendente per la sua chiarezza, poiché studi comparativi di Opportunity o Response hanno dimostrato l’importanza di un buon equilibrio tra lavoro e vita privata o di un buon rapporto con un supervisore per ottenere la soddisfazione sul lavoro.

Uno studio del settembre 2021 di EY ha anche mostrato che aspetti come l’equilibrio tra lavoro e vita privata sono sempre più importanti, osserva Annika Peschel dell’Institute of Applied Work Sciences (ifaa).

READ  Fiskars OY: La società ha recentemente implementato così tanto | newsletter

Il ricercatore occupazionale ritiene inoltre che la questione dei salari dei dipendenti sia tornata alla ribalta a seguito della guerra in Ucraina. Perché soprattutto in tempi di crisi, i dipendenti sono preoccupati per la sicurezza e, a causa dell’inflazione costante, rimane la necessità di un buon stipendio.

Le persone in cerca di lavoro amano anche riferirsi ai salari come a un “addetto alle pulizie”: una retribuzione adeguata può prevenire l’insoddisfazione sul lavoro, ma spesso è data per scontata. “Ciò significa: solo quando manca provoca insoddisfazione tra i dipendenti”, spiega Anika Peschl. Ma una volta dato il fattore, emergono altri aspetti, come la questione della flessibilità.

C’è disaccordo negli Stati Uniti sull’home office e sul lavoro mobile

in Cose mobili per l’home office e il lavoro I giganti della tecnologia degli Stati Uniti sono completamente divisi. Per il capo di Tesla Elon Musk, questo è un argomento caldo: all’inizio di giugno, ha scritto in una lettera di posta interna che ogni dipendente dovrebbe trascorrere almeno 40 ore a settimana in ufficio. L’innovazione non nasce in casa, ma attraverso la cooperazione e la stretta comunicazione – e per questo bisogna stare insieme, Riddle giustifica la richiesta del miliardario.

Il CEO di Slack, Stuart Butterfield, sta valutando lo sviluppo in un modo più distinto. In un’intervista con WELT, ha recentemente affermato che i dipendenti non possono essere costretti a tornare in ufficio. Ritiene inoltre sufficienti due giorni d’ufficio alla settimana.

Leggi anche

Cosa guadagnano effettivamente i fondatori?

Anche in Meta – Capogruppo di Facebook – Sembra prendere molto sul serio questo desiderio dei dipendenti. “La resilienza è un argomento molto importante nel mercato del lavoro, e quindi anche per noi”, afferma Fabian Koster, Head of Talent Sourcing di Meta.

“Stiamo già emettendo sempre più contratti che non sono legati a una posizione specifica, dando ai dipendenti la possibilità di scegliere dove vogliono lavorare”. Lo stesso Coster ha anche avuto la riscrittura del suo contratto e ora è in Frisia per trascorrere più tempo con la sua famiglia per poterlo fare. per me

READ  Düsseldorf: Vodafone consente l'home office in tutta la Germania

Prima di allora, Koster lavorava spesso nell’ufficio di Facebook di Amburgo, ma fino ad allora lavorava già da casa almeno due giorni alla settimana. In Europa, Meta offre ai suoi dipendenti remoti l’opportunità di svolgere il proprio lavoro da un altro paese. “Attualmente è possibile trasferirsi con un lavoro in otto paesi in Europa. Il prerequisito è che il permesso di lavoro sia già in vigore. Quindi un dipendente che lavora ad Amburgo oggi può lavorare dalla spiaggia di Barcellona”.

Qual è lo scopo del lavoro? Molte persone fanno la stessa domanda

Ma non solo è aumentato il desiderio di lavorare in mobilità durante la pandemia, ma è anche aumentata la sensazione di voler fare qualcosa di significativo con il lavoro. Due terzi degli intervistati hanno affermato che avrebbero saputo dell’impegno sociale e ambientale di un potenziale datore di lavoro prima di cambiare lavoro. “Questo aspetto è più ovvio di quanto non lo sia stato in passato”, osserva Riedel.

Molte aziende stanno cercando di superarsi a vicenda con slogan e visioni. Ma in questo caso occorre prestare attenzione, consiglia Riedel. “Se sono un fornitore più conservatore, non devo presentarmi come nient’altro”. Ha senso stabilire una visione per il futuro con obiettivi piccoli e parziali facilmente comprensibili per i dipendenti.

Non usare la diversità solo come una parola d’ordine: falla accadere

Proprio questi sotto-obiettivi vengono definiti da sempre più aziende quando si tratta di diversità. Non si tratta più solo di quote femminili. Anche le squadre in cui sono rappresentate nazionalità, gruppi etnici, gruppi di età e generi diversi hanno senso dal punto di vista economico. “Senza diversità, non possiamo sviluppare prodotti di qualità che soddisfino le persone di tutto il mondo che utilizzano la nostra piattaforma e forniscano loro un valore aggiunto”, afferma Köster di Meta.

READ  Chiusura del provider di telefonia mobile: la chiusura colpisce milioni di clienti

“Con noi La diversità non è solo una parola d’ordine. Siamo trasparenti su questo e permettiamo a noi stessi di essere misurati rispetto agli standard che ci imponiamo ogni anno. Come molte altre società statunitensi, anche Meta pubblica ogni anno un rapporto sulla diversità e fissa obiettivi per team più diversificati.

Ad esempio, attraverso sondaggi periodici tra dipendenti e piccoli team, cerchiamo di ascoltare ogni voce: da introversi ed estroversi, da donne e uomini, da gruppi sottorappresentati e da diverse posizioni in azienda. “Questo è fondamentale affinché i dipendenti si sentano coinvolti e appartenenti”, spiega Köster, che guida i progetti di diversità e inclusione del gruppo nella regione EMEA.

Raramente c’è una separazione tra “lavoro” e “vita” negli Stati Uniti

Tuttavia, si sconsiglia alle aziende tedesche di imitare la mentalità della Silicon Valley in tutti i suoi aspetti. Perché, contrariamente a quanto vorrebbero molti dipendenti in questo paese, alcune aziende tecnologiche americane tendono a non separare “lavoro” e “vita”. “Queste aziende sono attraenti per i giovani talenti che potrebbero voler cimentarsi lì per tre o quattro anni”, afferma Riedel.

Mark Zuckerberg, CEO di Meta, ha recentemente inasprito di nuovo le redini: ha detto ai suoi 77.800 dipendenti di prepararsi a tempi difficili con meno risorse e più lavoro e ha affermato: “Realisticamente, ci sono probabilmente un certo numero di persone qui in azienda che non dovrebbero essere qui.” Il futuro non è sempre roseo, anche per le aziende americane che fungono da modelli.

Questo testo è apparso per la prima volta in Lo scienziato.