Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stato di emergenza: sparatoria nella città kazaka di Almaty, saccheggi

DrContinuano gravi disordini nella Repubblica del Kazakistan. L’agenzia di stampa statale russa TASS, citando i suoi corrispondenti locali, ha riferito che la città di Almaty ha assistito a un “violento scontro a fuoco” tra dozzine di militanti e l’esercito davanti al municipio giovedì. 300 soldati sono stati spostati in mezzi corazzati. Avrebbero circondato l’arena.

Il portavoce della polizia Sultanat Asyerbek ha detto alle agenzie Interfax-Kazakistan, TASS e RIA Novosti che “forze estremiste” hanno cercato di prendere d’assalto edifici amministrativi, sedi centrali e diverse stazioni di polizia ad Almaty. Decine di aggressori sono stati “eliminati”. Rapporto Agence France-Presse e Reuters.

Il media kazako Vlast ha riferito nel canale di notizie Telegram che non c’erano più manifestanti e soldati nel centro di Almaty. Diversi supermercati e negozi, tra cui un trafficante d’armi, sono stati saccheggiati. Inoltre, sono stati fatti saltare in aria diversi bancomat. “C’è un pungente odore di fuoco in città”.

Qui troverai contenuti da Twitter

Per interagire con o visualizzare i contenuti di Twitter e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Al contrario, i video di Nur-Sultan (ex Astana) hanno mostrato come è iniziata la vita pubblica il nuovo giorno. Puoi vedere auto e autobus per le strade, ma puoi anche vedere un gran numero di forze di sicurezza che hanno chiuso gli edifici del governo. All’aeroporto della città, tutti i voli sono stati cancellati fino a mezzogiorno. Lo stato di emergenza vale su tutto il territorio nazionale. Lunghe code si sono formate davanti ad alcune banche.

La più grande ondata di proteste degli ultimi anni è stata guidata dal risentimento per i prezzi del carburante significativamente più alti nelle stazioni di servizio nell’ex repubblica sovietica ricca di petrolio e gas. In risposta alle proteste, alcune delle quali violente, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha licenziato il governo prima dell’intervento militare ad Almaty giovedì sera.

La polemica sui “peacekeepers”

In precedenza, l’invio di soldati stranieri in Kazakistan da parte di una coalizione militare guidata dalla Russia aveva sollevato timori di un’ulteriore escalation della situazione nell’ex repubblica sovietica. È stato detto che i soldati della Nato dovrebbero essere schierati per un periodo di tempo limitato “al fine di stabilizzare e normalizzare la situazione nel Paese”. Tuttavia, il governo kazako ha richiesto questa assistenza dopo che le sue forze hanno usato la violenza armata contro i manifestanti critici nei confronti del governo. Gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno chiesto moderazione da tutte le parti e hanno chiesto una soluzione pacifica del conflitto.

La coalizione militare guidata da Mosca aveva annunciato in precedenza che avrebbe inviato “peacekeepers” nel tormentato Kazakistan. L’attuale capo dell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO), il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, ha dichiarato giovedì su Facebook che il dispiegamento di truppe per un “periodo limitato” decide di “stabilizzare e normalizzare” la situazione in Kazakistan.

Il capo dello stato kazako, Kassym Shumart Tokayev, aveva precedentemente richiesto assistenza alla coalizione. L’alleanza comprende sei ex stati sovietici, tra cui Bielorussia, Kirghizistan e Tagikistan.

Kassym-Jomart Tokayev, presidente del Kazakistan, durante il suo discorso televisivo

Quelle: dpa / non supportato

Ha detto che le rivolte del fine settimana “non sono una minaccia, ma minano l’integrità dello stato”. In un discorso televisivo, ha dichiarato “il massimo disagi” contro “illegali”. Ha esteso lo stato di emergenza che era già in vigore ad Almaty e nella capitale, Nur-Sultan, a causa delle proteste di massa in tutto il paese.

Leggi anche

Il presidente cinese Xi, il presidente russo Putin e il presidente venezuelano Nicolas Maduro: non tutti sono specifici sui diritti umani

Secondo le autorità kazake, almeno otto poliziotti e soldati sono stati uccisi. Diversi canali telegram kazaki hanno pubblicato video giovedì sera che si dice mostrassero un’azione militare contro i manifestanti nell’area urbana della città economica di Almaty. I suoni degli spari possono essere ascoltati nelle registrazioni e le persone che urlano.

E il canale televisivo kazako “Khabar 24” ha annunciato in mattinata che le forze di sicurezza continueranno a reprimere i manifestanti. “L’operazione antiterrorismo per ristabilire l’ordine continuerà ad Almaty”, ha aggiunto. L’agenzia statale russa, RIA Novosti, ha riferito che veicoli militari avevano raccolto i corpi in città. Anche le banche hanno smesso di operare per il momento.

Internet è di nuovo spento

La diffusione delle informazioni è resa più difficile dai frequenti divieti di Internet in Kazakistan. La rete è stata chiusa per ore mercoledì, probabilmente per rendere più difficili i nuovi incontri. Diverse stazioni televisive hanno smesso di funzionare. L’agenzia statale russa TASS ha riferito che giovedì sera non è stato più possibile raggiungere i siti web delle autorità, della polizia e degli aeroporti. Anche siti Internet come l’agenzia di stampa statale Kazinform e altri media non erano disponibili dalla Germania.

Rivolte durante le proteste in Kazakistan

I manifestanti ad Almaty che brillano con i loro smartphone mentre si radunano nel centro della città. Stanno protestando contro l’aumento dei prezzi dell’energia

Fonte: dpa / Vladimir Tretyakov

Secondo Tass, c’è stato un completo fallimento di Internet nella città di Almaty, che ha paralizzato i social network come strumento di coordinamento centrale per i manifestanti. Morta anche la rete di telefonia mobile nella capitale economica.

Nella lista della libertà di stampa di Reporters sans frontières, l’ex repubblica sovietica è al 155° posto su 180 paesi. “Negli ultimi anni, il governo del Kazakistan ha messo a tacere quasi tutti i media dell’opposizione con richieste di danni e attacchi mirati ai giornalisti”, afferma il sito web dell’organizzazione. “Non ci sono più importanti canali TV, né programmi mediatici alla radio, ma principalmente musica e notizie imposte dallo stato. La diffamazione è un reato penale e punibile se il governo viene criticato. Molti giornalisti si autocensurano”.

In Kazakistan sono scoppiate proteste senza precedenti per il risentimento per l’aumento dei prezzi del gas liquefatto nelle stazioni di servizio. Molti kazaki usano questo gas perché è più economico della benzina. Molti manifestanti hanno anche diretto il loro risentimento contro il governo e li hanno incolpati per le loro cattive condizioni di vita poiché la vita quotidiana è diventata più costosa a causa dell’elevata inflazione.

Rivolte durante le proteste in Kazakistan

La polizia ha resistito ai manifestanti

Fonte: dpa / Vladimir Tretyakov

Il paese con una popolazione di oltre 18 milioni di persone confina con altri paesi con la Russia e la Cina. È ricco di riserve di petrolio e gas. La repubblica è anche uno dei maggiori produttori di uranio al mondo. Tuttavia, il Kazakistan lotta con la cattiva gestione e la povertà.

READ  Niente più segreti militari - Gli Stati Uniti hanno troppe testate nucleari - Politica all'estero