Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Società: Una lunga vita: Nel villaggio dei centenari in Sardegna – Intrattenimento

minestrone fatto in casa

Annunziata Story è la più giovane ragazza di 100 anni del villaggio di 1.780. Il 16 agosto celebrò il suo ingresso nel II secolo. Poi, ovviamente, il sindaco Bruno Cilotti è venuto a congratularsi personalmente con loro.

È “sana come un pesce”. Vivace e allegra, non prende medicine e continua a cuocere il suo minestrone in camera utilizzando la frigula fatta in casa, il tipo di pasta tipico della Sardegna, scrive il regista Pietro Miro. Qualche anno fa ha girato il documentario “The Centenarians’ Club”. Miro ha pubblicato una sua foto e Story su Facebook, dove era in piedi a un tavolo, vestita di nero e con un velo. In uno dei piatti grandi davanti a lei pomodori, melanzane e peperoni.

La dieta è il segreto dei centenari? Mereu dice che le persone nella contea di Ogliastra hanno vissuto vite molto difficili, ma con molto meno stress di quanto non facciano oggi. Invece di seguire il ritmo dei cellulari e delle e-mail, hanno seguito la natura.

Il luogo era caratterizzato dall’agricoltura, racconta Antonio Brundo. È il più grande abitante della città. “Le persone hanno sempre lavorato all’aperto”, ha detto a Ray. La sua pelle è ancora tesa e leggermente abbronzata – solo i denti anteriori mancanti mostrano la sua età. Ha 104 anni e cinque mesi. L’età esatta, va sottolineata ancora nella vecchiaia.

Salvatore Mora, storico e consigliere comunale di Perdasdefugu, cita diverse ragioni che spiegano la lunga vita di molti residenti. Fattore genico. Inoltre, gli anziani del villaggio si nutrivano sempre con prodotti provenienti da “entro un metro”, cioè dal proprio orto. Ma anche il social network gioca un ruolo. “Vivono con la famiglia fino all’ultimo giorno”, dice Mora. Ti tiene anche in forma.

READ  Campagna di beneficenza a Losberg: 700 visitatori all'evento calcistico - Alpirsbach e dintorni

vita semplice e tranquilla

Invece di onorare gli anziani in un giorno come la Giornata internazionale degli anziani il 1 ottobre, a Perdasdefogu viene celebrato ogni centesimo compleanno. Non ce ne saranno altri quest’anno, dice Mora, ma potrebbero esserci nuovi centenari l’anno prossimo.

Ma non hai più incontrato centenari che erano spesso per strada, dice Massimo. Un barista lavora nella caffetteria nel centro di Piazza Europa e attualmente serve i suoi ospiti. In estate fa troppo caldo per molti. E non tutti se la cavano bene. La donna, ad esempio, riusciva a malapena a parlare ed è stata ricoverata in una casa di riposo. La moglie di Massimo è la nipote di uno che ha più di 100 anni, dice il cameriere.

Perché le persone invecchiano a Pedasdefogu di tutti i posti? “È solo per lo stile di vita sardo”, dice. Non ci sono problemi di droga in città, le persone mangiano cibi sani e la loro vita è semplice e tranquilla.

Alla scienza interessa anche la longevità della Sardegna. L’ANSA ha recentemente riferito che un progetto vuole sequenziare 13.000 campioni di DNA di residenti nella contea di Uglistra per trovare spiegazioni a questo fenomeno. Nell’inchiesta è coinvolta anche l’Università di Sassari. “Ci auguriamo di poter dimostrare che i sardi vivono bene, e anche come fattore promozionale per il nostro Paese”, afferma il preside Gavino Mariotti.