Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sistema operativo Android Automotive in Polestar 2 nel test

Polestar 2 è il primo veicolo con sistema operativo Android Automotive OS. Nei test, il sistema di infotainment si distingue soprattutto con il suo avvio rapido e Google Maps. Tuttavia, c’è ancora molto da fare nelle app di messaggistica e video. Rispetto ad Android Auto e Apple CarPlay, il potenziale di Google è sperperato.

Da oltre sette anni Apple e Google sono in macchina, una volta con CarPlay e una volta con Android Auto (test). Entrambi i produttori condividono che il software viene eseguito sullo smartphone e il contenuto viene visualizzato sul sistema di infotainment. Entrambi i provider consentono anche di collegare i controlli dell’auto alle funzioni dello smartphone, ad esempio per azionare il controllo vocale o passare da una canzone all’altra. Apple e Google stanno anche padroneggiando il display aggiuntivo nel quadro strumenti o l’head-up display.

Sistema operativo Android Automotive come sistema operativo per auto

Tuttavia, in Polestar 2, Android viene utilizzato come sistema operativo autonomo. Lo smartphone non è più necessario per molti servizi perché le app eseguono nativamente il sistema operativo Android Automotive o AAOS in breve. Con AAOS, il Google Play Store si sposta per la prima volta sull’auto e alla lunga darà accesso a centinaia o addirittura migliaia di app. AAOS non è più solo responsabile della navigazione e della multimedialità, ma controlla anche le funzioni del veicolo, come l’aria condizionata o il riscaldamento dei sedili.

AAOS ha attraversato una lunga fase di sviluppo alle spalle, con il sistema operativo annunciato nella primavera del 2017. In uno Condividi un vecchio blog da google Puoi ancora leggere che Audi e Volvo dovrebbero essere tra i primi sostenitori. Le cose sono diventate molto tranquille su Audi a questo proposito, solo in Cina c’era il sistema di infotainment chiamato MMI che veniva presentato anche con una base basata su Android 9, che non si può chiamare AAOS.

READ  L'esperienza 101 vuole migliorare la maggior parte dei sistemi di gioco con gli aggiornamenti

Polestar 2 è la prima auto con AAOS

Il primo vero sostenitore di AAOS è il marchio Polestar Volvo, che possiede ciascuno il 50 percento della Volvo Car Corporation e della Zhejiang Geely Holding in Cina. La Polestar 2 è stata introdotta come auto puramente elettrica con AAOS all’inizio del 2019 ed è stata consegnata ai primi clienti dall’estate dello scorso anno. Da allora non è più rimasto con questo gruppo, perché anche i modelli Volvo si stanno gradualmente convertendo all’AAOS o lo stanno già facendo.

Ford si affiderà ad AAOS dal 2023

Tuttavia, si può ancora presumere che AAOS abbia inizialmente una mancanza di trazione, con Polestar, Volvo e il nuovo GMC Hummer EV Già tre marchi sono a bordo. AAOS rischia di fare un grande balzo in avanti, soprattutto con Ford, che vuole affidarsi al sistema operativo dal 2023. Anche il marchio di lusso Ford in mostra in Nord America Lincoln vuole AAOS in futuro uso.

Questa è Polestar 2

La Polestar 2 è disponibile da aprile di quest’anno ad un prezzo molto più basso rispetto a quando è stata lanciata e l’auto elettrica costa ora 13.000 euro in meno. Tuttavia, Polestar ha ridotto significativamente l’attrezzatura e l’ha spostata in nuovi gruppi. L’ostacolo per l’acquisto di Polestar 2 è molto inferiore, ma con attrezzature simili non è cambiato nulla in termini di prezzo. Fortunatamente, nulla è cambiato nello spazio dell’infotainment a causa della nuova struttura dei prezzi. Quello che appare nelle foto Polestar in termini di multimedialità fa sempre parte della dotazione di serie.

Per il test di AAOS, ComputerBase ha ottenuto il Polestar 2 secondo la vecchia struttura dei prezzi, il cui prezzo era di 58.900 euro. L’auto è arrivata con il più grande motore “bimotore a lungo raggio”, che ha una potenza di 300 kW (408 CV) tramite due motori elettrici e una velocità di 100 km / h in 4,7 secondi. Per la batteria da 78 kWh, Polestar cita consumi e autonomia rispettivamente da 19,5 a 20,3 kWh/100 km e da 450 a 480 km. Tuttavia, quando il quadro strumenti era completamente carico, non mostrava mai un’autonomia superiore a 400 km; Nel traffico urbano nel periodo di prova di una settimana, 350 km erano più realistici. Un’altra caratteristica dell’equipaggiamento è il colore “Thunder” e il rivestimento interno “Slate WeaveTech”.

Una rapida occhiata ai pacchetti Polestar 2

Questa attrezzatura corrisponde al “pacchetto di prova” offerto di recente a 3.500 euro e al “pacchetto extra” offerto a 4.500 euro. Il primo modello offre anche caratteristiche come fari a LED pixelati con fendinebbia a LED, “Sistema di assistenza alla guida” con “Adaptive Cruise Control” e funzione “Pilot Assist”, una telecamera a 360 gradi, sensori di parcheggio a tutto tondo e funzioni di supporto all’attenzione del conducente. come l’avviso di punto cieco e l’avviso di deviazione dalla corsia, l’avviso di traffico trasversale con assistenza alla frenata e l’avviso di collisione posteriore. Il secondo pacchetto include il tetto completamente panoramico in vetro, sistema audio premium Harman Kardon con 13 altoparlanti, sedili WeaveTech, pannelli di rivestimento Black Ash, sedili anteriori regolabili elettricamente e riscaldati con funzione di memoria, sedili posteriori riscaldati, volante riscaldato e tergicristallo riscaldato. piume;

Polestar 2 a colori

Polestar 2 in “Tuono”

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Polestar 2 alla stazione di ricarica EnBW

Inoltre, il “Pacchetto Performance” è prenotabile a soli 6000 euro per la versione più potente, che comprende ammortizzatori Öhlins regolabili, freni Brembo, cerchi in lega da 20 pollici ed elementi distintivi dentro e fuori in “Swedish Gold”. Sono inoltre disponibili una gamma di opzioni individuali, tra cui livrea in pelle nappa ventilata (richiesto “pacchetto extra”), vernice metallizzata, cerchi in lega da 20 pollici e gancio di traino elettrico per semirimorchio.

Polestar 2 sistema di infotainment

Ma torniamo al sistema di infotainment e al suo hardware: Polestar monta di serie un touch screen da 11,15 pollici, che offre 1.536 x 1.152 pixel ed è responsabile di quasi tutte le funzioni della vettura. In outsourcing come controlli fisici, Polestar ha solo pulsanti per Google Assistant, brano successivo o precedente e volume sul volante. Il display centrale può essere azionato solo tramite tocco. Inoltre, davanti alla leva del cambio sono presenti pulsanti per le luci di emergenza, uno sbrinatore e un lunotto termico. In mezzo, c’è un grande pulsante di controllo per volume, riproduzione e pausa.

Il secondo schermo è il quadro strumenti da 12,3 pollici, che, in senso stretto, non ha nulla a che fare con AAOS. Ciò è dovuto all’uso di un sistema operativo in tempo reale separato per questi monitor più importanti, che funzionano sullo stesso SoC, ma sono collegati ad AAOS solo in un punto. In linea di principio, AAOS non è responsabile delle funzioni di sicurezza critiche, inclusi soprattutto tutti i sistemi di assistenza, ma anche di cose come il tachimetro digitale. Tuttavia, il toolkit può essere utilizzato come area di visualizzazione per AAOS al fine di esternalizzare schermi specifici. In Polestar 2, questa è la visualizzazione della mappa in Google Maps con le istruzioni di navigazione. Le chiamate in arrivo vengono visualizzate anche nell’area destra del quadro strumenti. A parte questo, il display del conducente può essere visto come un’area autonoma che non richiede AAOS.

Intel fornisce il processore

Un SoC Intel fornisce la potenza di calcolo per tutto, più precisamente la CPU della serie A3900 da 14 nm (PDF), sviluppato appositamente per il settore automobilistico e dotato di certificazioni simili per temperatura e durata. Internamente, questa generazione di SoC funziona con il nome Apollo Lake e utilizza i core della CPU della generazione Goldmont. Intel ha presentato Apollo Lake nell’aprile 2016 per la Spring Edition dell’IDF a Shenzhen, in Cina. Sebbene il SoC abbia già qualche anno alle spalle, il chip non ha attirato l’attenzione negativa nei test con prestazioni scadenti. Ma non ci sono nemmeno riserve.

Dopo aver spiegato le basi di automobili e dispositivi, la sezione successiva esamina il software e quindi i vantaggi e gli svantaggi di AAOS.

Nella pagina successiva: Configurazione, schermata iniziale e funzionamento