Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sette ore ottimali: la mancanza di sonno aumenta il rischio di demenza nella vecchiaia

Sette ore sono ottimali اعات
La mancanza di sonno aumenta il rischio di demenza in età avanzata

Chiunque dorma solo sei ore o anche meno nella mezza età per un lungo periodo di tempo rischia di sviluppare la demenza in seguito. Questo è il risultato di uno studio a lungo termine in cui i soggetti testati sono stati osservati per diversi decenni.

In uno studio a lungo termine, i ricercatori hanno scoperto che sembra esserci una relazione tra il sonno più lungo e il rischio di sviluppare demenza in età avanzata. Severine Sabia, dell’Istituto francese di salute e ricerca medica di Parigi (Inserm), ha dichiarato secondo una dichiarazione rilasciata dall’istituto: “È noto che le persone con demenza hanno problemi a dormire, ma non è chiaro se la durata del sonno in la mezza età influenza il rischio di demenza nella vecchiaia I ricercatori sono anche consapevoli che le demenze, come il morbo di Alzheimer, si sono sviluppate nel corso di diversi decenni.

Per verificare se esiste una relazione tra la durata del sonno e la demenza, il team di ricerca ha analizzato i dati di 7.959 adulti britannici. Questi dati provengono tutti da persone che hanno partecipato al cosiddetto studio Whitehall II dalla metà degli anni ’80. Interviste ed esami medici delle persone, tutti funzionari britannici, sono stati condotti regolarmente. Hanno riportato la loro durata del sonno tra il 1985 e il 1988, che è tra i 35 ei 55 anni, e nel 2015 e 2016, tra i 63 e gli 86 anni, sei volte. I ricercatori sono stati in grado di stimare la durata del sonno all’età di 50, 60 e 70 anni.

Inoltre, i cosiddetti accelerometri sono stati utilizzati in 4.267 partecipanti allo studio tra il 2012 e il 2013. Questi registrano i movimenti del corpo. Ai soggetti è stato chiesto di indossare i dispositivi per nove giorni consecutivi. I dati ottenuti in questo modo dovrebbero aiutare a determinare informazioni oggettive nei questionari.

521 casi di demenza alla fine dello studio

Un totale di 521 partecipanti aveva sviluppato la demenza entro la fine del periodo di studio del 2019. Lo studio ha rilevato che il rischio di sviluppare demenza aumentava dal 20 al 40 percento nelle persone che dormivano meno o esattamente sei ore a notte all’età di 50 o 50 anni. 60. “Sulla base di un periodo di follow-up molto lungo, abbiamo scoperto che il sonno a breve termine nella mezza età, valutato più di 25 anni prima dell’età media di insorgenza della demenza, è associato al rischio di demenza più avanti nella vita”, riassume Sabia. Allo stesso tempo, gli scienziati non hanno trovato alcuna associazione significativa tra dormire otto ore o più e il rischio di sviluppare demenza.

Connessione o segno di una terza malattia?

Nell’analisi dei dati sono stati inclusi anche altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di sviluppare demenza, come la nicotina, il consumo di alcol, l’attività fisica, l’indice di massa corporea e la dieta. Sebbene i ricercatori non siano stati in grado di stabilire un legame diretto tra sonno insufficiente e aumento del rischio di demenza con i loro risultati, i periodi di osservazione insolitamente lunghi hanno permesso di escludere che i disturbi del sonno siano i primi sintomi della demenza. Tuttavia, allo stesso tempo, esiste la possibilità che i disturbi del sonno e la demenza possano essere il risultato di una terza malattia. Per questo sono in programma ulteriori accertamenti.

Sabia conclude: “Anche se non possiamo confermare che un sonno povero in realtà aumenta il rischio di demenza, ci sono molte ragioni per cui un buon sonno notturno è benefico per la salute del cervello. Questi risultati sottolineano l’importanza dell’igiene del sonno rispetto alla salute”. Risultati Dallo studio a lungo termine pubblicato sulla rivista Nature Communications.

READ  Corona a Monaco di Baviera: le cifre del White Monday non valgono molto