Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scrittore americano: sentimenti di alienazione e perdita

NEW YORK (Dpa) – Il fatto che Don DeLillo a volte viva in un piccolo universo parallelo piuttosto antiquato si può già vedere nel suo strumento di scrittura preferito.

+++ Notizie attuali sulle celebrità +++

“Sto usando una vecchia Olympia di seconda mano che ho comprato nel 1975”, ha detto DeLillo al Guardian l’anno scorso. Gli è piaciuto il carattere grande, che gli ha permesso di vedere le parole sulla pagina con chiarezza e rilevanza per l’intera frase.

Questa chiarezza è ciò che lo scrittore americano ha sezionato con occhio critico la sua terra natale per quasi 50 anni e creando un’immagine inquietante del mondo dei media e dei media che non lascia scampo. DeLillo è un maestro nell’affrontare i suoi lettori con sentimenti di solitudine, isolamento, perdita e intrigo. Sabato (20 novembre) compirà 85 anni.

DeLillo è candidato al Premio Nobel per la letteratura sin dal suo romanzo Underworld, pubblicato al più tardi nel 1997. Insieme a Philip Roth, Thomas Pynchon e Cormac McCarthy, è considerato tra i grandi maestri della letteratura americana contemporanea. I critici hanno definito le sue descrizioni della vita quotidiana intelligenti, divertenti e talvolta velenose.

La saga della malavita, lodata dalla critica come “l’azione del secolo”, ha reso il figlio di immigrati italiani una star internazionale. Nel romanzo di 800 pagine, ha presentato un enorme caleidoscopio per gli Stati Uniti d’America nella seconda metà del ventesimo secolo. Questo era l’undicesimo romanzo di DeLillo, ed era la prima volta che veniva menzionata la sua storia.

Cresciuto nell’area italo-americana del Bronx, a New York, ha studiato teologia e filosofia e ha tenuto la testa fuori dall’acqua con lavori saltuari come parcheggiatore. All’età di 28 anni, lasciò il suo lavoro di scrittore e divenne uno scrittore. Nel 1971 presenta il suo primo romanzo, Americana, storia dell’uscita di un regista di successo dalla grande macchina del cinema.

READ  “Chi è il fantasma?”: Nascondersi dietro la maschera!

Ha ricevuto molti premi per il suo lavoro, anche dalla famosa Library of Congress. Ha vinto il prestigioso National Book Award nel 1985 per “Weißes Rauschen”, un’amara satira sulla minaccia a una piccola città americana da una nuvola tossica, e un PEN Faulkner Award nel 1992 per “Mao II”.

L’autore principale ha scritto più di 15 romanzi fino ad oggi. In età avanzata, ha recentemente notato che il processo di scrittura non funziona più come una volta: “Ma sono anche molto più lento. Non sto invecchiando e diventando più saggio. Sto invecchiando e più lentamente”. Più di recente, nel 2020 è uscito il romanzo breve “Silence”, che tratta del crollo completo dell’architettura digitale negli Stati Uniti nel 2022. Se è davvero così, solo la macchina da scrivere Olympia può aiutare.