Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Screening antidoping – I farmaci per la tiroide sono sempre più diffusi negli sport di alto livello

Un atleta di atletica leggera prima di iniziare una corsa (IMAGO / AFLOSPORT)

I farmaci per la tiroide continuano a emergere in relazione a casi di steroidi, da ultimo nello scandalo che circonda il Project Nike Oregon, il controverso gruppo di allenamento statunitense, a cui appartiene la velocista Kara Goucher. “Il mio allenatore voleva che prendessi Cytomel, un farmaco da prescrizione per la tiroide. Uno degli effetti collaterali è la perdita di peso. Ha superato quella linea rossa per me”.

È concepibile migliorare le prestazioni attraverso i farmaci per la tiroide

Il tuo ex allenatore, l’allenatore di corsa Alberto Salazar, è stato sospeso per doping, il progetto Nike Oregon è terminato. Perché i migliori atleti si aspettano un aumento delle prestazioni dai farmaci per la tiroide – che è comprensibile al medico sportivo e cardiologo di Monaco Prof. Axel Preisler. “Bisogna pensare alla ghiandola tiroidea come a una specie di centrale elettrica nel corpo, in pratica. È necessaria per accelerare o controllare i processi metabolici, per così dire. Questo ovviamente significa che sarebbe possibile utilizzare la tiroide ormoni che potrebbero accelerare i processi e in qualche modo supportare la produzione di energia e rafforzare la forza muscolare”.

Oppure brucia più grasso e dimagrisci. Solo per gli esperti WADA mancano le prove. Questo è il motivo per cui i farmaci per la tiroide non sono nell’elenco degli steroidi. Le agenzie antidoping di molti paesi chiedono da tempo il divieto perché sono convinte che gli ormoni tiroidei vengano utilizzati in modo improprio negli sport di classe A. E ciò che gli investigatori del doping in Italia hanno scoperto ora sembra assurdo: “I farmaci per la tiroide sono più diffusi tra i migliori atleti italiani che tra la popolazione generale. Il numero è in aumento tra i ciclisti in particolare, con quasi un calciatore su tre che ne dichiara di assumerlo”.

READ  Calcio - 'fase competitiva': Nations League è come il mini-torneo Flix - Sport

Italia: la prevalenza dei farmaci tra i top atleti è 20 volte rispetto al resto della popolazione

Secondo gli esperti, l’ipotiroidismo, il che significa che i farmaci dovrebbero essere effettivamente assunti, si verifica solo in circa l’uno per cento o anche meno di una popolazione normale simile. Nel caso dei migliori atleti italiani, il rapporto è più di 20 volte. Cosa c’è dietro? Il ricercatore sul doping Xavier de la Torre e i colleghi del Laboratorio Antidoping di Roma guardano al sospetto di tentare di aumentare le prestazioni.

“Non credo che gli atleti siano così stupidi da prendere qualcosa che non funziona”, dice de la Torre. “Abbiamo scoperto che l’uso è troppo. Ora dobbiamo scoprire il vero motivo dietro”. Gli esperti sono del parere che sia improbabile che gli atleti abbiano sviluppato malattie della tiroide a causa del loro sport e quindi necessitino di farmaci. L’endocrinologo Prof. Joachim Feldkamp della Clinica Bielefeld dice molto chiaramente: “No, di certo non lo capirò più. Quindi prestazioni elevate non lo richiedono”.

Gli esperti avvertono dei rischi per la salute dei farmaci

Anche gli esperti avvertono dei rischi per la salute. Coloro che assumono ormoni tiroidei senza una reale necessità medica corrono il rischio di eccitare eccessivamente il cuore e di cadere morti in pista. “Naturalmente, non sempre sappiamo perché l’uno o l’altro soffre di morte cardiaca”, afferma il professor Axel Pressler. “Certo, noi cardiologi diciamo che si tratta principalmente di problemi cardiaci, ma spesso è un’aritmia. E se pensi a questo scenario, perché non può essere concepibile anche con un sovradosaggio di ormoni tiroidei? Fuori”.

READ  EM 2021: Annalena Baerbock sulla campagna di Greenpeace: "completamente sbagliata"

I ricercatori italiani sul doping sperano di poter fornire spiegazioni per l’enorme numero di farmaci per la tiroide entro la fine dell’anno. E se il tentativo di aumentare le prestazioni sia effettivamente alla base. Per la Germania mancano completamente i dati sull’assunzione di farmaci per la tiroide. Né il DOSB né il DFB né l’Agenzia antidoping possono fornire informazioni. Tuttavia, la NADA è favorevole a mettere gli ormoni tiroidei in una lista di controllo.