Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scorcio del giorno della guerra: la Russia bombarda un deposito di armi nell’Ucraina occidentale – Melnik chiede impegni a Shultz

Panoramica del giorno della guerra
La Russia bombarda un deposito di armi nell’Ucraina occidentale – Melnyk chiede impegni a Scholz

Nell’est, che subisce aspri combattimenti, le forze ucraine sono in grado di tenere un impianto chimico che è stato attaccato. In Occidente, i missili russi cadono su un arsenale e distruggono anche le case. Nel frattempo, l’ambasciatore ucraino Melnik ha chiesto al cancelliere Schulz di mantenere le promesse tedesche. Un rapido sguardo al 109° giorno di guerra.

Mosca annuncia la distruzione di un deposito di armi

Secondo l’esercito russo, ha distrutto un deposito di armi nell’Ucraina occidentale, che si dice avesse immagazzinato armi consegnate dall’Occidente. Il ministero della Difesa di Mosca ha affermato che un “enorme magazzino con missili anticarro, MANPADS e granate” vicino alla città di Chorkev è stato attaccato da missili da crociera Kalibr. L’Ucraina ha riferito che 22 persone sono rimaste ferite in un attacco russo a Chortkev. Fonti russe hanno riferito che l’attacco al deposito di armi è stato effettuato con missili da crociera Kalibr lanciati dal mare.

Le autorità regionali ucraine hanno affermato che Chortkev è stato colpito da quattro missili russi lanciati dal Mar Nero la notte prima. L’attacco ha ferito 22 persone, tra cui sette donne e un bambino di 12 anni. Inoltre, una struttura militare è stata parzialmente distrutta e numerosi condomini sono stati danneggiati. Tutti i 22 feriti sono stati portati in ospedale, ha detto il governatore della regione, Volodymyr Tersh, in una conferenza stampa trasmessa su Facebook. Chortkev si trova a circa 140 chilometri a nord del confine con la Romania e prima dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio la città aveva una popolazione di circa 30mila abitanti.

Stabilimento chimico sotto il controllo ucraino

La città di Sevgirodontsk nella regione di Luhansk rimane il centro dei più aspri combattimenti nell’Ucraina orientale. Secondo il governatore distrettuale, la situazione è la peggiore del Paese. “È impossibile contare il numero degli attentati”, ha detto Sarhaj Hajjaj. Molte città della regione vengono bombardate. A Sievjerodonetsk, l’impianto chimico di Azot è stato bombardato, ma continua sotto il controllo ucraino Situato. “L’azoto non è bloccato. I combattimenti si svolgono nelle strade vicino alla fabbrica”, ha detto Hajjaj. Secondo fonti ucraine, centinaia di civili si sono rifugiati nella struttura. D’altra parte, i separatisti filorussi hanno annunciato che i civili fuggiti nei bunker sotto lo stabilimento industriale avevano lasciato i locali della fabbrica.

Secondo Hegdayi, le forze russe hanno distrutto un altro dei tre ponti tra Sevgerodonetsk e la sua città gemella, Lysichansk. Ciò elimina un’altra possibile via di fuga e ritirarsi attraverso il fiume Siwerskyj Donez. Secondo il sindaco di Severodonetsk, Oleksandr Strezhok, le truppe ucraine occupano un terzo dell’area della città.

Lo stato maggiore di Kiev ha riferito di un gran numero di battaglie nella regione di Sloviansk nella regione di Donetsk. Ancora e ancora ci sono attacchi aerei contro le infrastrutture civili. Secondo le informazioni ucraine, durante i feroci combattimenti in corso nel Donbass, le truppe russe sono state respinte nell’area dell’importante incrocio di traffico a Bakhmut. Fino a 150 aggressori sono stati “distrutti”. Queste informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

È stato stabilito un contatto con la centrale nucleare di Zaporizhia

Secondo le informazioni ucraine, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ristabilito i contatti con la più grande centrale nucleare d’Europa nella città ucraina di Zaporizhia. L’Agenzia ucraina per l’energia atomica Energoatom ha annunciato su Telegram che la comunicazione tra i server di dati di Zaporizhia e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica è stata “ripristinata”. Grazie agli “sforzi congiunti” di Energoatom e dell’operatore mobile Vodafone, è stato possibile ripristinare la trasmissione dei dati. Vodafone ha stipulato un contratto con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica per la trasmissione di dati da Zaporizhia. Energoatom ha affermato che dalla fine di maggio tutti i dati sono stati archiviati su server sicuri e trasmessi immediatamente all’Agenzia internazionale per l’energia atomica dopo il ripristino della connettività. Le forze russe hanno occupato la centrale nucleare di Zaporizhia dall’inizio di marzo e ne hanno preso il controllo pochi giorni dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Nel 2021, la centrale ha contribuito per circa un quinto alla produzione di elettricità in Ucraina.

Melnyk vuole impegni da Scholz

L’ambasciatore ucraino Andrey Melnik chiede impegni concreti al cancelliere Olaf Schultz per il viaggio programmato a Kiev. “Ci auguriamo che durante la sua visita a Kiev, il cancelliere mantenga finalmente le promesse tedesche in merito alla consegna di armi e all’adesione dell’Ucraina all’Unione europea”, ha detto alla rivista Der Spiegel. Melnyk ha criticato che stanno ancora aspettando la consegna di armi pesanti come il Panzerhaubitze 2000 e il carro antiaereo Gepard. Gli annunci da soli non aiutano gli invasori in guerra. Si spera quindi che il cancelliere fornisca dati specifici su quando arriveranno le armi. “Soprattutto perché le promesse sono state fatte mesi fa.”

Secondo un resoconto dei media, Schulz vuole recarsi a Kiev alla fine di questo mese. Il politico del Partito socialdemocratico prevede di visitare il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi prima del vertice del G7 a fine giugno, ha riportato il quotidiano Bild am Sonntag, citando i dipartimenti del governo francese e ucraino. Il governo federale deve ancora confermare il rapporto.

Stoltenberg prende sul serio le preoccupazioni della Turchia

Segretario Generale della Nato Jens Stoltenberg ha espresso la sua comprensione Le obiezioni della Turchia all’inclusione di Svezia e Finlandia nell’alleanza di difesa. Durante una visita in Finlandia, Stoltenberg afferma che le preoccupazioni della Turchia, che ha subito più attacchi terroristici di qualsiasi altro membro della NATO, dovrebbero essere prese sul serio. La Turchia accusa Svezia e Finlandia di ospitare persone legate a gruppi terroristici. In questo contesto, ha nominato il Partito dei lavoratori curdi (PKK) e sostenitori del predicatore Fethullah Gülen.

Zelenskyj ha ricevuto un premio

Il presidente ucraino Zelensky è stato premiato per il suo coraggio nella lotta per la libertà del Paese. Il presidente dell’Ucraina ha ricevuto il premio dalla Fondazione Nemtsov, dal nome dell’avversario del Cremlino ucciso Boris Nemtsov e gestita da sua figlia Zhanna Nemtsova. “Non c’è dubbio che Volodymyr Zelensky abbia mostrato un coraggio incredibile”, ha detto Nemtsova al portale Internet critico del Cremlino Meduza. Non si può dare per scontato che Zelensky sia rimasto nel Paese dopo che la Russia ha attaccato l’Ucraina. Nemtsova ha affermato di aver difeso coraggiosamente il Paese dalla parte del suo popolo, di aver chiesto armi e di non preoccuparsi della propria sicurezza.

Altri articoli sulla guerra in Ucraina:

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati nel nostro sito web nastro dal vivo Leggi la guerra in Ucraina.

READ  Grecia: incendi boschivi fuori controllo - Atene minacciata di blackout