Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scontri nella moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme: più di 100 feriti

all’estero Monte del Tempio

Più di 150 feriti negli scontri alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme

Le crescenti tensioni coincidono con il mese di digiuno islamico, il Ramadan

Le crescenti tensioni coincidono con il mese di digiuno islamico, il Ramadan

Fonte: Associated Press / Mahmoud Elyan

Più di 150 persone sono rimaste ferite negli scontri tra palestinesi e forze di sicurezza israeliane sul Monte del Tempio. La situazione della sicurezza in Israele e nei territori palestinesi è molto tesa.

unScontri scoppiati tra la polizia di occupazione ei palestinesi nelle prime ore di venerdì mattina alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme. La Mezzaluna Rossa Palestinese ha detto che 152 palestinesi sono rimasti feriti quando le forze di sicurezza israeliane hanno usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Secondo i media, tre poliziotti israeliani sono rimasti feriti. Dopo la fine degli scontri, la polizia israeliana ha arrestato dozzine di palestinesi all’interno della moschea di Al-Aqsa, ha riferito il sito di notizie israeliano Haaretz.

Israele ha detto che le forze di sicurezza sono entrate nell’edificio della moschea per rimuovere le pietre che si credeva fossero state raccolte lì in preparazione alla violenza. Di conseguenza, dopo la fine della preghiera del Fajr è scoppiato un violento confronto. I manifestanti, alcuni dei quali, secondo fonti israeliane, portavano le bandiere del movimento islamico di Hamas, hanno lanciato pietre e fatto esplodere petardi. Su circa 12.000 credenti c’erano circa 100 rivoltosi.

I video che circolano online mostrano palestinesi che lanciano pietre e poliziotti che sparano gas lacrimogeni e granate. Altre immagini mostravano fedeli barricati all’interno della moschea, apparentemente tra nuvole di gas lacrimogeni. Testimoni oculari e un fotografo dell’AFP hanno affermato che le forze di sicurezza israeliane hanno sparato proiettili di gomma contro alcuni manifestanti palestinesi.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

E la polizia di occupazione ha detto che tre dei suoi membri sono rimasti feriti. Il ministero degli Esteri israeliano ha detto che dozzine di uomini mascherati che portavano la bandiera palestinese e la bandiera di Hamas hanno preso d’assalto il complesso nelle prime ore di venerdì mattina e hanno raccolto pietre. La polizia è stata costretta a entrare nel sito per disperdere i manifestanti e rimuovere pietre per prevenire ulteriori violenze, ha affermato il ministero.

La polizia ha detto che le forze di sicurezza hanno aspettato fino alla fine della preghiera. La folla ha iniziato a lanciare pietre contro il Muro Occidentale. Poi è dovuta intervenire. Le forze di sicurezza non sono entrate nella moschea stessa. Tre agenti di polizia sono rimasti feriti da pietre.

I palestinesi hanno lanciato pietre, mentre la polizia israeliana ha sparato granate assordanti e gas lacrimogeni

I palestinesi hanno lanciato pietre, mentre la polizia israeliana ha sparato granate assordanti e gas lacrimogeni

Fonte: Associated Press / Mahmoud Elyan

La moschea è il terzo luogo più sacro dell’Islam. Si trova su una collina nella Città Vecchia di Gerusalemme, il luogo più sacro per gli ebrei come il Monte del Tempio. Da decenni vi sono violenze tra israeliani e palestinesi e il sito è stato anche al centro della rivolta palestinese dal 2000 al 2005. I palestinesi considerano una provocazione qualsiasi apparizione importante delle forze di sicurezza nella moschea.

Leggi anche

Roma (Italia), Arco di Tito (Arco di Trionfo nel Foro Romano, eretto nell'81 d.C. per onorare la vittoria di Tito sugli ebrei, 70 d.C.).  Rilievo interno sinistro: Processione della Vittoria con la menorah a sette rami del Tempio di Salomone a Gerusalemme.  foto.

Hamas, che governa Gaza, ha condannato quelli che ha definito “attacchi brutali” delle forze di sicurezza israeliane ai fedeli di Al-Aqsa. Israele dovrà sopportare “tutte le conseguenze” di ciò. Le tensioni tra palestinesi e forze di sicurezza israeliane sono aumentate in modo significativo di recente a seguito di una serie di attacchi palestinesi in cui nelle ultime settimane sono stati uccisi 14 israeliani.

Decine di migliaia di musulmani avrebbero dovuto arrivare nella Città Vecchia di Gerusalemme per la preghiera del venerdì dentro e intorno al Monte del Tempio durante il Ramadan. Venerdì sera inizia anche la Pasqua ebraica, che attirerà credenti e visitatori. Il Ministero del Turismo prevede l’arrivo di un totale di 30.000 turisti stranieri solo questa settimana.

Inoltre, nonostante l’ondata di sanguinoso terrore, migliaia di cristiani vogliono rievocare la Via Crucis di Gesù a Gerusalemme il Venerdì Santo. Si prevede una massiccia presenza della polizia, soprattutto nella Città Vecchia. E l’anno scorso, gli scontri intorno alla moschea di Al-Aqsa hanno portato a giorni di aspri combattimenti tra il Movimento di resistenza islamica (Hamas) nella Striscia di Gaza e le forze di sicurezza israeliane.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Maßnahme bei Experten umstritten: Impfpflicht für Erwachsene in Österreich kommt