Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sciopero nella regione di Horbe: le aziende più importanti della regione sono minacciate di interruzione - Horb e l'area circostante.

Sciopero nella regione di Horbe: le aziende più importanti della regione sono minacciate di interruzione – Horb e l’area circostante.

Il primo pugno di avvertimento di Bush Rexroth: “La preparazione allo sciopero è alta. I corridoi erano vuoti”. Foto: IG Metall Freudenstadt


Libretti ordini completi, lavoro al massimo, molto lavoro extra. Ma le più importanti aziende metallurgiche della regione di Freudenstadt sono ora minacciate di estinzione.

Horb / Empfingen / Region – Perché IG Metall e sindacati minacciano di scioperare. “Possiamo davvero danneggiare i datori di lavoro”, afferma Georg Weigl, il secondo rappresentante di IG Metall Freudenstadt.



motivato: Südwestmetall respinge la rivendicazione sindacale Fino ad ora. Richiesta: “Programma aumento resi” dell’otto percento. Weigl spiega perché pensa che la domanda sia giustificata: “Quest’anno sarà un grande anno per le aziende, e anche il prossimo sarà molto buono”. Impatto della crisi energetica? È appena percettibile secondo le bacheche di lavoro aziendali. “Tutto è stato passato al cliente 1:1”, afferma Werner Hagenlocher, presidente del Bosch Rexroth Business Council. Lui e le altre bacheche di lavoro di Bosch Rexroth, Ceratizit e Lauffer riferiscono sulla situazione nelle rispettive società.

Bosch Rexroth: buona posizione commerciale, molto lavoro extra

1108 I dipendenti Bosch Rexroth lavorano nella filiale di Horb. Hagenlocher: “La situazione aziendale è buona. Il lavoro procede ai massimi livelli. Anche le prospettive per il prossimo anno sono molto buone. Abbiamo fatto gli straordinari durante tutto l’anno e continueremo a lavorare a pieno regime fino alla fine del anno.” Quindi la richiesta del sindacato era “completamente giustificata”. “La carenza di lavoratori qualificati è evidente”, afferma Michael Engel, membro del grande comitato di contrattazione collettiva nel Baden-Württemberg e membro del Bosch Rexroth Business Council. “.

La volontà di sciopero in azienda è alta. “Lo sciopero danneggerà l’azienda perché non abbiamo concordato alcun lavoro aggiuntivo e siamo già in ritardo sugli ordini”. Al primo colpo di avvertimento le sale erano già completamente vuote.

READ  Aziende: maggiore interesse per la campagna di avvio "InnoStartBonus".

Ceratite: prima ridimensionamento, ora sta mettendo insieme un ottimo ordine

Serrateizet ha attualmente 260 dipendenti a Empingen. 104 posti di lavoro sono stati tagliati in precedenza, la maggior parte entro febbraio 2022. Il presidente del Business Council Hartmut Friesinger: “Durante i tagli, ho notato che non potevi fare a meno di tutti e ho cercato di riportare indietro le persone”. Anche lo stato dell’ordine di Ceratizit è molto buono. “Stiamo andando molto bene quest’anno fiscale”. Tuttavia, per ora, l’azienda vuole assumere solo lavoratori temporanei perché temono una recessione nel 2023. IG Metaller Faigle ribatte: “Una previsione di meno 0,2 per cento non rappresenta un crollo, ma al massimo un piccolo impatto”. Hagenlocher di Bosch Rexroth è d’accordo: “Se cade, alla fine funzioneremo normalmente”. Tuttavia: Ceratizit ha già annunciato ulteriori attività per il 2023. Quindi non sembra che la società stessa preveda una grave recessione.




Lauffer: Elevato sforzo di pianificazione, elevate esigenze di personale

Alla Lauffer di Horb, con 253 dipendenti, la situazione era un po’ più difficile, come spiega il capo del Business Council Eberhard Gsell. “I registri degli ordini sono pieni, ma non è facile elaborare tutti gli ordini.” La crisi del Corona sta ancora colpendo qui. Anche i colli di bottiglia nella consegna sono un problema. Gsell: “C’è molto lavoro di pianificazione per far uscire le macchine in tempo. Ciò pone elevate esigenze ai dipendenti, che devono essere particolarmente flessibili. I dipendenti sono disposti a farlo, ma vogliono anche essere pagati in modo equo .”

Si sente il bisogno di colpire. “Le persone non vogliono essere soddisfatte del due o tre per cento”. C’è carenza di lavoratori qualificati, ma le aziende devono anche essere preparate a fornire pagamenti equi. “C’è stata una perdita di reddito per molti anni”, dice Gsell. “Gli ultimi giri di paga non sono andati bene. I pagamenti una tantum non bastano più”.

READ  La grande censura di Twitter è appena iniziata - RT DE

“Festival Strike” a Horb

I dipendenti vogliono confermare le loro richieste mercoledì prossimo, 16 novembre, al quartiere fieristico di Horb per una “lotta di sciopero”. Christian Benner, secondo presidente di IG Metall Germania, è atteso qui. Dovrebbe iniziare alle 12:00.