Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sarà molto difficile per i cittadini UE entrare in Italia Attualmente Europa | DW

I viaggiatori provenienti dall’UE devono essere preparati per le rigide regole della corona in Italia da giovedì. Tutti i passeggeri, compresi quelli che sono stati vaccinati, saranno quindi tenuti a mostrare un test corona negativo, come annunciato dal Ministero della Salute. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato il decreto. Le persone vaccinate dovrebbero rimanere in isolamento per cinque giorni nonostante le prove dei test.

Fino ad ora, le prove di vaccinazione, cura o test erano sufficienti quando si entrava da altri paesi dell’UE. Le nuove misure si applicheranno prima del 31 gennaio.

Il ministro della Sanità italiano Roberto Speranza svela le nuove regole della corona (immagine d’archivio)

Cresce in Italia il timore che il numero dei contagi aumenti in vista della diffusione della variante omigrane del corona virus. Negli ultimi mesi, con l’aiuto del Passaporto Sanitario, il Paese è stato ben controllato dalle epidemie, che dovevano essere emesse un po’ ovunque. Tuttavia, martedì in Italia sono stati segnalati oltre 20.000 nuovi contagi e 120 decessi correlati al virus.

I certificati sono validi solo per nove mesi

Questo è il motivo per cui la domanda di vaccino contro il corona nel paese è stata ora estesa. La scuola, l’amministrazione sanitaria, la polizia, i militari e i soccorritori devono vaccinarsi contro il governo 19 per andare al lavoro. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi ha già approvato l’allargamento a fine novembre. Finora, l’obbligo del vaccino si applica solo agli operatori sanitari.

Con l’espansione, il personale che lavora negli ospedali ora ha bisogno del vaccino di richiamo. Quando il certificato del vaccino contro la corona scade dopo nove mesi, è necessario un rinnovo per altro personale che deve essere vaccinato. La vaccinazione è l’unica eccezione per le persone che hanno dimostrato di essere a rischio.

C’è il rischio di essere multati fino a 1500 euro

Coloro che non aderiscono alla vaccinazione obbligatoria dovrebbero aspettarsi la sospensione e pagare lo sconto. Chi lavora senza vaccino verrà multato tra i 600 e i 1500 euro. I gestori delle rispettive strutture sono responsabili della verifica del rispetto delle nuove regole. In caso contrario, verrà inflitta una sanzione da 400 a 1000 euro.

nob / kle (afp, dpa)