Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Salute: studio: i sintomi del morbo di Alzheimer sono stati scoperti ripetutamente dopo Corona


Il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer aumenta nell’anno successivo all’infezione da corona. Tuttavia, i ricercatori sostengono che il Covid evidenzia solo i sintomi di una malattia già esistente.

Secondo uno studio danese, avere la corona aumenta significativamente il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer nei prossimi dodici mesi.

Rispetto alle persone non affette, un medico ha diagnosticato l’Alzheimer 3,5 volte più spesso nelle persone affette, Pardis Zrivkar e il suo team scrivono sulla rivista Frontiers in Neurology. Tuttavia, due esperti tedeschi hanno confermato che, dal loro punto di vista, l’infezione da Corona non ha causato il morbo di Alzheimer nei casi esaminati, ma ha rivelato solo i sintomi di una malattia esistente. Altri media hanno riferito in precedenza dello studio.

Il team di Zarifkar dell’ospedale universitario di Copenaghen ha valutato i dati sanitari danesi e ha confrontato il numero di volte in cui alcune malattie neurodegenerative si sono verificate in persone con e senza COVID-19 in un periodo di un anno. E hanno trovato una relazione simile a quella nel morbo di Alzheimer, per esempio nel morbo di Parkinson e nell’infarto cerebrale. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che per la maggior parte delle malattie studiate – compreso il morbo di Alzheimer – l’effetto non è stato maggiore di quello dell’influenza o della polmonite batterica.

Malattie respiratorie che colpiscono le cellule nervose

È noto da tempo che tali malattie respiratorie portano a reazioni infiammatorie che possono aumentare l’effetto dannoso sui neuroni nel cervello, ha spiegato all’agenzia di stampa tedesca Anja Schneider, leader del gruppo di ricerca presso il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE) di Bonn. . L’aumento del rischio di diagnosi mostrato nello studio può essere dovuto al fatto che la reazione infiammatoria associata alla corona accelera il danno delle cellule nervose e i sintomi diventano visibili più rapidamente.

READ  Gli astronauti cinesi riescono nella prima passeggiata spaziale

Peter Berlett, segretario generale della Società neurologica tedesca (DGN), ha detto a dpa che non si può concludere dallo studio che una persona dopo aver contratto la corona avesse maggiori probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer in un secondo momento. È stato dimostrato solo che i sintomi vengono spesso diagnosticati dopo l’infezione. Sottolinea che fattori esterni – ad esempio la perdita del proprio ambiente familiare perché si deve andare in una clinica – possono anche innescare i sintomi dell’attuale malattia di Alzheimer.