Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sabotaggio del Nord Stream: sospetti sugli autori russi

Gli autori del sabotaggio del Nord Stream devono ancora essere trovati. Ora devono crescere i dubbi sul possibile coinvolgimento della Russia.

Cresce la domanda se la Russia sia stata responsabile delle esplosioni sui gasdotti Nord Stream. Anche dopo mesi di indagini, non vi è ancora una chiara indicazione di chi abbia fatto saltare in aria i gasdotti sottomarini a settembre. Secondo un nuovo rapporto del Washington Post, si sospetta che la Russia possa essere ritenuta responsabile. “A questo punto non ci sono prove che la Russia sia dietro il sabotaggio”, ha detto al giornale un funzionario europeo, facendo eco alla valutazione di 23 diplomatici e funzionari dell’intelligence di nove paesi intervistati nelle ultime settimane.

I gasdotti del Mar Baltico Nord Stream 1 e 2, lunghi circa 250 metri, sono stati distrutti. Diversi crateri sono stati trovati sul fondo del mare. Gli esperti presumevano che fossero attaccati ordigni esplosivi. La Russia è stata presto messa a fuoco come possibile colpevole.

indice per Mosca

Quattro giorni dopo l’incidente, il segretario all’Energia degli Stati Uniti, Jennifer Granholm, ha affermato che sembrava che la Russia potesse essere incolpata. Secondo un rapporto non confermato del quotidiano “Bild”, il governo federale sospettava l’intelligence russa. Anche il ministro dell’Economia Robert Habeck ha indicato la direzione di Mosca. È stato citato per aver detto in ottobre: ​​”Quando la Russia dice ‘Non siamo stati noi’, è come ‘Non sono io il ladro'”.

Caricamento in corso…

inclusione

Ricerca ingannevole di indizi

Una ricerca del Washington Post ha ora rivelato che molti intervistati avrebbero escluso la partecipazione della Russia. Altri hanno lasciato aperta la possibilità che altri paesi fossero responsabili degli attacchi. Gli esperti concordano sul fatto che le eruzioni non siano state accidentali. Un anonimo funzionario del governo tedesco ha confermato al Washington Post che gli esplosivi erano stati attaccati all’esterno dei tubi.

Ma la ricerca di indizi si è rivelata complicata sott’acqua. Un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti avrebbe detto: “La scientifica in un’indagine come questa sarà molto difficile”. Gli investigatori svedesi hanno trovato solo tracce di esplosivo sui corpi estranei.

Mancano anche prove concrete che colleghino la Russia alle esplosioni. Il funzionario ha detto che non c’erano indizi nelle comunicazioni elettroniche, mentre i messaggi radio e altre informazioni sull’invasione dell’Ucraina sono stati intercettati all’inizio. La Norvegia sta indagando sui droni che si dice volassero nelle vicinanze al momento dell’attacco, ma finora senza risultati.

Mar Baltico: le foto subacquee mostrano l’entità dei danni al gasdotto Nord Stream 1. (Fonte: t-online)

Che movente aveva Mosca?

C’è un accordo unanime sul fatto che lo stato abbia dato l’ordine. “Sappiamo che questa quantità di esplosivi deve essere a livello statale”, ha dichiarato questo mese il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto in un’intervista. “Non è solo un cacciatore che decide di piazzare la bomba lì. È molto professionale.”

Subito dopo l’incidente, è stata sollevata la questione del possibile movente di Mosca. Perché per fermare il flusso di gas, la Russia avrebbe potuto semplicemente chiudere il rubinetto. Il Cremlino ha utilizzato questa minaccia contro l’Occidente per molto tempo, perché la linea distrutta non serve più a nulla. Come controargomentazione, è stato sostenuto che con il “no” tedesco al Nord Stream 2, la linea non aveva più senso economico per la Russia. D’altra parte, mostrare quanto fosse vulnerabile la principale infrastruttura di attacco avrebbe impressionato l’Occidente.

Tuttavia, nessuna prova ha ancora seguito i possibili motivi. Recentemente, le cosiddette navi oscure sono state scoperte su immagini satellitari vicino alla scena del crimine. Sembra che abbiano interrotto i loro segnali. Secondo una ricerca di t-online, la Germania ha inviato la propria nave ATAIR alla polizia federale per raccogliere informazioni. Ma il procuratore federale ha taciuto sulla missione e sui risultati. Non è stato trovato alcun sottomarino da cui i sommozzatori potessero installare le cariche esplosive, né un peschereccio da cui gli autori potessero lanciare droni sottomarini. Un funzionario intervistato dal Washington Post si è dimesso. “Non va bene. Chiunque sia stato può scappare.”