Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Romelu Lukaku sull’Inter: un gigante in contrazione – lo sport

Da gigante a miniatura, diminuendo in meno di un anno. Potrebbe essere questo? E se sì: come? Meno di dodici mesi fa, Romelu Lukaku era ancora considerato un calciatore gigante, non solo per la sua statura di 1,91 metri, 93 chilogrammi. Il belga è un armadietto in grado di gestire la velocità e la corsa di un treno merci. Da zero a cento in pochi secondi, esplosivo, potente, assertivo e dotato di un senso della situazione difficile da imparare.

“Gigante buono”, soprannominato dall’Inter Tifosi, amava il loro amato gigante. Ma poi: Lukaku è partito nell’agosto 2021 per presunti 115 milioni di euro per il Chelsea. Il denaro era un disperato bisogno, a Londra Lukaku è stato versato con esso. Stipendio dichiarato: 13 milioni di euro, netti. Questo lo ha reso l’uomo storicamente più importante in quello che allora era il club dell’oligarchia, dove il denaro non era il fattore più importante. Ne hai avuto abbastanza.

Lukaku torna all’Inter in prestito, garantendosi così un grosso guadagno in bilancio

Tutto questo non è del tutto irrilevante viste le immagini che mercoledì mattina sono state fatte circolare sui media e sui social italiani. Si vede Lukaku, sorridente, con una sciarpa neroazzurra al collo, i colori dell’Inter. Si diceva che il ritorno nel tradizionale club italiano fosse l’ideale la sera, e nel pomeriggio aveva completato le visite mediche. Per l’Inter sembra tutto un affare gigantesco: un prestito annuale di circa dodici milioni di euro, anche lo stipendio dell’attaccante è stato ridotto a un livello accettabile – il più grande vincitore è senza dubbio il bilancio dell’Inter.

READ  I finalisti europei vogliono comprare un biglietto per il Qatar: queste decisioni verranno prese oggi nelle qualificazioni ai Mondiali

Tuttavia, ci sono anche accese discussioni su questo personaggio in Italia. È il ritorno del mercenario atterrato alla curva dell’aeroporto di Milano Linate dopo essere stato oscurato dal calcio frenetico inglese? L’abbandono annulla i vantaggi del passato o quei vantaggi rimangono per sempre? La domanda incombe anche su tutto: quanto è grande davvero, il gigante in buona fede?

Senza Lukaku, l’Inter ha perso il vantaggio in Italia

Su questo argomento ci sono opinioni molto diverse, forse dovute principalmente alla vicinanza emotiva o alla lontananza da Lukaku, 29 anni. Gli esperti di calcio italiano, discutendo in tv della fase di trasferimento e pubblicando le loro opinioni sui giornali, hanno iniziato un ritornello in cui il trasferimento è cantato come “Colpo”: Un buon affare perché economicamente saggio e matematicamente redditizio.

Le opinioni divergono tra i tifosi dell’Inter. A Milano, anche Lukaku è stato accolto cantando e cantando per Tifosi, ma lo zoccolo duro ha preso le distanze dall’ex favorito del pubblico. Già prima dell’arrivo di Lukaku a Milano, gli Ultras della Curva Nord, la curva intimidatoria del tifoso nerazzurro, pubblicavano un comunicato. Contenuto: non dovresti cadere nella trappola di “correre dietro a sbavare Lukaku”, l’attaccante deve lavorare per ogni piccola scintilla d’amore. “È stato supportato e trattato come un re, e ora è uno dei tanti”, dice Inter-Ultras. Si sono offesi quando Lukaku si è trasferito a Londra, perché con lui è andato il senso di vecchia nuova grandezza: Lukaku è stato una superstar in un campionato pieno di stelle vecchio stile, ha licenziato l’Inter con 24 gol in questa stagione per conquistare il suo primo titolo in oltre 1 decennio. Grazie anche a lui, Tifosi Inters credeva che presto sarebbe tornata a far parte dell’alta società europea. Invece, ha perso la sovranità nazionale senza di lui e i rivali cittadini del Milan sono diventati campioni.

READ  Borussia Dortmund: gli spettatori non potevano lasciare lo stadio BVB! Annuncio urgente | Gli sport

Lukaku è un giocatore sensibile che ha bisogno dell’attenzione dell’allenatore e dell’ambiente

Ma anche Lukaku non era contento senza l’Inter, club in cui è diventato un giocatore di statura internazionale. Nel 2019 il belga si è trasferito in Italia e il trasferimento standard è diventato l’Inter. Tuttavia, non si fidava di lui. Lukaku era stanco per gli anni difficili in Inghilterra, ma era anche un giocatore da sogno per l’allora allenatore dell’Inter Antonio Conte, che amava e si prendeva cura di lui come un uccello che ha trovato ferito sul ciglio della strada. Gli osservatori concordano sul fatto che il gigante buono ha bisogno di attenzione e sì, anche quello: l’amore.

Gli mancava quella la scorsa stagione, anche se Thomas Tuchel ha creato un po’ di entusiasmo per portare Lukaku al Chelsea. Ma Tuchel non tende ad avere grandi sentimenti, gestire la sua squadra è come gestire un tecnocrate dei pesi massimi – e lo stesso Lukaku era solo un pezzo di fantasia nella squadra vincitrice della Champions League. Il rapporto tra il giocatore e l’allenatore si è rapidamente inasprito e il sensibile Lukaku è diventato testardo, segnando solo otto volte in campionato. Piuttosto il minimo per qualcuno che hanno dichiarato essere il massimo in Italia.

Quindi ora Lukaku è tornato a Milano, e quando è arrivato era “estremamente felice”. L’allenatore dell’Inter però non è più Antonio Conte, ma Simone Inzaghi, quindi l’attaccante riparte da zero: zero gol, zero titoli – e un po’ dell’affetto che aveva.