Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Riunione NATO in Lettonia: l’Ucraina avverte dell’invasione russa

Riunione NATO in Lettonia
L’Ucraina avverte dell’invasione russa

I ministri degli esteri dei 30 paesi della NATO discutono della situazione in Ucraina e nei dintorni. Si vede minacciato da un’insolita concentrazione di forze russe ai suoi confini. L’argomento è esplosivo, così come la scelta della sede della conferenza.

Poco prima della riunione della NATO, l’Ucraina ha avvertito di una possibile invasione russa del loro paese. “Nel peggiore dei casi, la Russia sta cercando di ridisegnare i confini in Europa con la forza, come ha fatto in Georgia nel 2008 e in Ucraina nel 2014”, ha detto a Kiev il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. Ha menzionato il numero di presunti 115.000 soldati sul suolo russo al confine comune. Quello che vedi ora è “molto pericoloso”.

I ministri degli esteri dei 30 Paesi della Nato si incontrano oggi per una due giorni a Riga, capitale della Lettonia. Sotto la presidenza del segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, vogliono discutere, tra l’altro, della situazione al confine dell’UE con la Bielorussia e al confine tra Ucraina e Russia. L’incontro è esplosivo anche perché è la prima volta che un incontro dei ministri degli esteri della Nato viene organizzato in Lettonia, alleata che confina con la Russia.

Stoltenberg è stato recentemente preoccupato per il nuovo dispiegamento delle forze armate russe non lontano dall’Ucraina e ha parlato di concentrazioni di forze “straordinariamente grandi”. Alla domanda se l’alleanza militare si aspettasse che Mosca volesse destabilizzare ulteriormente l’Ucraina, ha affermato che la Russia aveva già dimostrato di avere la volontà quando ha annesso la Crimea sul Mar Nero ucraino e ha sostenuto i separatisti nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale. Hanno le capacità per usare la forza militare. Nessuno dovrebbe speculare molto, ma l’espansione della presenza militare è una realtà straordinaria. D’altra parte, il governo di Mosca sostiene che la Russia non rappresenta una minaccia per nessuno. Le accuse secondo cui le forze russe si stanno preparando a invadere l’Ucraina sono state descritte come disinformazione.

All’ordine del giorno anche la situazione in Bielorussia

Il percorso intrapreso dalla Bielorussia, Stato partner della Russia, è molto preoccupante anche per la Nato. La dirigenza di Kiev è accusata di portare deliberatamente migranti nel Paese per poi portarli ai confini con Paesi come Polonia e Lituania per continuare a viaggiare verso l’Unione Europea. Il presupposto è che il governatore Alexander Lukashenko voglia vendicarsi con le misure sanzionatorie imposte dall’Unione Europea per la repressione della società civile e dell’opposizione democratica.

Per settimane migliaia di migranti e rifugiati hanno cercato di trasferirsi dall’ex repubblica sovietica ai paesi vicini dell’Unione Europea. A causa della situazione tesa, Polonia, Lituania e Lettonia hanno già preso in considerazione la richiesta di una riunione speciale della NATO. L’articolo 4 del Trattato Nord Atlantico prevede consultazioni se un membro ritiene che la sua integrità territoriale, indipendenza politica o sicurezza sia in pericolo.

Il ministro degli Esteri ad interim Heiko Maas dovrebbe partecipare alle deliberazioni dalla Germania. L’incontro è il primo del suo genere dalla fine dell’operazione militare della NATO in Afghanistan e dalla presa del potere da parte del movimento islamista talebano intransigente. Le deliberazioni dovrebbero quindi concentrarsi anche sullo stato di avanzamento della missione dell’Alleanza.

READ  Solo un bambino è sopravvissuto: due adolescenti hanno picchiato a morte 14 canguri - Notizie Estere