Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Risposta alla ricerca RTL/ntv: Bierhoff esprime forti dubbi sul premio della Coppa del Mondo in Qatar

Rispondere a RTL/ntv Ricerca
Bierhoff esprime forti dubbi sull’assegnazione della Coppa del Mondo al Qatar

Scritto da Stefan Ursfeld

La Coppa del Mondo prende il via in Qatar il prossimo novembre. Per anni, il Paese ospitante è stato criticato per numerose violazioni dei diritti umani. Anche i rapporti con i membri della comunità LGBTIQ+ sono discutibili e rendono il direttore generale della DFB Oliver Bierhoff sospettoso del premio.

L’amministratore delegato della Federcalcio tedesca e dell’accademia, Oliver Bierhoff, era molto scettico sull’ingaggio del Qatar per la Coppa del Mondo. “Come potrebbe la FIFA assegnare il premio a questo Paese?”, ha chiesto il 54enne in risposta alla ricerca di RTL/ntv sul trattamento dei gay nell’emirato. Di fronte al trattamento riservato ai membri della comunità LGBTIQ+ nello stato Saharawi, rivelato dal rapporto, è apparso pensieroso e ha rivelato i suoi pensieri sulla Coppa del Mondo, che è stata criticata.

Da un lato, all’inizio ho sempre pensato: “Chi possiede il calcio”, dice Bierhoff. Appartiene solo all’Europa, appartiene solo al Sud America o appartiene al mondo intero? All’inizio l’idea di giocare a calcio in giro per il mondo era ancora vera per lui, ma “anche il mondo è cambiato”, dice Bierhoff, aggiungendo: “I requisiti e le richieste sono diversi, compresi i tifosi e le persone. A questo proposito, devi tenerne conto”.

Riferendosi alla persona LGBTIQ+ nella sua cerchia di amici, Bierhoff ha serie preoccupazioni nel consigliare di recarsi nel principato per il torneo. Anche questo personaggio famoso viene “dal mondo arabo” e vive “sempre nel timore di essere arrestato”, afferma il direttore generale della FIFA. “Voglio dire, la cosa brutta è ovviamente l’ostracismo sociale che puoi effettivamente sentire”, continua Bierhoff: “Ma l’altra cosa è quando hai paura nella tua vita e poi sei sponsorizzato da un’istituzione governativa, è eccitante, Certo.”

Christian Rudolf considera le parole di Bierhoff corrette e ragionevoli. Rudolf è membro del Consiglio nazionale della LSVD (Lega lesbica e gay in Germania) e capo del punto di contatto della DFB per le questioni LGBTIQ+ nel calcio professionistico e amatoriale. All’inizio di giugno, ha incontrato altri rappresentanti, tra cui l’Associazione europea dei tifosi di calcio, in una tavola rotonda a Herzogenaurach. Tra i partecipanti c’erano la nazionale di calcio e Bierhoff. “Il minimo che chiediamo è che la DFB identifichi chiaramente i problemi e non li ignori”, dice Rudolf in un’intervista a ntv.de, chiedendosi anche quanto sia sicuro viaggiare per la Coppa del Mondo in Qatar. “Se cose come tenersi per mano sono davvero punibili, non dà un senso di sicurezza”.

Nuovi criteri di aggiudicazione richiesti

“Il cartellino rosso al posto dell’arcobaleno – gay in Qatar”

RTL presenta il rapporto “Cartellino rosso invece di arcobaleno – Gay in Qatar” in una speciale rivista notturna la notte del 23 giugno alle 0.20 nell’ambito della “Settimana della diversità”. RTL Aktuell mostrerà i primi estratti dal reportage di Jonas Gerdes e Timo Laces mercoledì 22 giugno alle 18:45. Giovedì 23 giugno NTV trasmetterà il servizio a partire dalle 15:40. Successivamente verrà mostrato anche su ntv.de e RTL +.

Bierhoff non vuole fare una raccomandazione generale di viaggio in Qatar per gay e lesbiche. “È dura”, ha detto Bierhoff quando gli è stato chiesto. “Non lo so, penso che tutti possano decidere da soli se lo considerano pericoloso o meno”. Il direttore generale della Federcalcio ha espresso l’auspicio che ci sia “una certa campana” per il torneo “per un certo periodo di tempo” che garantisca la sicurezza.

Il 54enne ha un’analoga visione critica dell’assegnazione della Coppa del Mondo al Qatar, dove chiaramente le questioni relative ai diritti umani non erano un criterio: “Come può la FIFA assegnare il premio a questo Paese? Devi semplicemente criticarlo, al primo punto, magari solo negli stadi o in altri punti, o ovviamente negli affari e non in quegli aspetti, come i diritti umani o altre questioni sociali”. Il DFB dovrebbe anche lavorare per modificare i criteri di aggiudicazione e chiarire che “il prossimo premio avverrà solo nei paesi in cui non succedono cose del genere”.

Negli ultimi mesi, la Federcalcio ha rinunciato sempre più alla riluttanza a giocare in Qatar. Proprio all’inizio della settimana, il nuovo presidente della Federcalcio tedesca Bernd Neuendorf ha descritto le circostanze del torneo FIFA come “dubbie” e quindi ha contraddetto il presidente della FIFA Gianni Infantino. Lo svizzero del Qatar aveva già descritto la Coppa del Mondo, che prenderà il via a novembre, come “la migliore Coppa del Mondo di sempre”, nonostante tutte le critiche. Non c’è niente di insolito in tornei o eventi di questa portata. Non sai mai fare un passo indietro.

Klaveness come apriporta

Raramente si sentono critiche al Qatar da parte dei funzionari. La presidente della Federcalcio norvegese, Lise Clavens, ha assunto il ruolo di conquistatrice al Congresso FIFA di Doha questa primavera. Il suo aspetto coraggioso e coraggioso di fronte alla folla era in netto contrasto con i soliti elogi dell’organo di governo del calcio mondiale in tali eventi.

Ha detto in un’intervista con SID dopo la conferenza e dubita che avrà successo.

All’inizio di giugno, l’organizzazione ufficiale dei fan LGBTQ+ del Galles, Rainbow Wall, ha annunciato che non si sarebbe recata in Qatar e poco dopo la Welsh League ha annunciato un boicottaggio parziale del torneo. Nonostante il Galles abbia partecipato alla Coppa del Mondo per la prima volta dal 1958, alcuni membri dello staff “non si recheranno al torneo” a causa della discriminazione contro gli omosessuali nello stato desertico, ha detto alla BBC il presidente della lega Noel Money.

L’omosessualità è un crimine punibile dalla legge nell’emirato del deserto. L’articolo 285 del codice penale prevede quanto segue: “Chi dorme con un uomo di età superiore ai sedici anni senza coercizione, coercizione o inganno è punito con la reclusione per un periodo massimo di sette anni”. La legge islamica consente persino la fustigazione e la pena di morte.

Secondo l’emiro Tamim bin Hamad Al Thani, tutti gli ospiti sono i benvenuti in Qatar, indipendentemente dal loro orientamento sessuale. “Non impediamo a nessuno di venire a Doha”, ha detto durante una visita a Berlino a maggio. Ma ci aspettiamo e vogliamo che le persone rispettino la nostra cultura”.

READ  Semifinali della Nations League: le due squadre della Francia - sport