Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rischio di ictus nei giovani: un gruppo sanguigno a rischio

  1. 24 feta
  2. Salute

creatura:

a: Laura Nobbs

Anche i giovani possono avere un ictus. Un certo gruppo sanguigno può aumentare il rischio.

Se parti del cervello non sono più adeguatamente rifornite di sangue e quindi di ossigeno, può verificarsi un ictus. Durante un infarto cerebrale, diverse aree del cervello perdono alcune o tutte le loro funzioni. Se l’ictus è lieve, le conseguenze sono solo temporanee. Tuttavia, nei casi peggiori, possono verificarsi sintomi di paralisi a lungo termine che si estendono dalla testa alle gambe, nonché limitazioni delle funzioni vitali centrali. Sebbene i disturbi circolatori nel cervello compaiano solo in età avanzata, anche i giovani possono soffrire di ictus. Gli studi dimostrano che il numero di pazienti colpiti da ictus in tenera età è aumentato significativamente negli ultimi anni. Il fumo e l’obesità, così come malattie come l’ipertensione e il diabete, possono aumentare il rischio.

Rischio di ictus nei giovani: un gruppo sanguigno è particolarmente a rischio

Secondo il Robert Koch Institute (RKI), circa 270.000 persone in Germania ne soffrono ogni anno attacco cerebrale. Ma contrariamente a quanto molti credono, l’infarto cerebrale non è affatto una malattia della vecchiaia. Circa il 20 per cento degli ictus in questo paese si verifica prima dei 60 anni. Le cause sono generalmente varie. Oltre a fattori di rischio come l’obesità, diabeticopressione alta, aumento del consumo di alcol, stress mentale e fumare Anche il gruppo sanguigno sembra svolgere un ruolo cruciale. Pertanto, le persone con un determinato gruppo sanguigno hanno maggiori probabilità di avere un ictus, come hanno scoperto i ricercatori dell’Università del Maryland (USA).

READ  Migliorare la funzione cerebrale attraverso integratori alimentari? Pratica di guarigione
Le persone anziane non sono colpite solo da un ictus (avatar). © Fototeca scientifica / Imago

“Il numero di persone che soffrono presto confine Spiega Stephen Kettner, coautore di uno studio sull’ictus precoce. Queste persone sono maggiormente a rischio di morte a causa di un evento pericoloso per la vita e coloro che sopravvivono potrebbero dover vivere con una disabilità per decenni. Tuttavia, le cause degli ictus precoci sono ancora poco conosciute”.

Trova altri interessanti argomenti sulla salute nella nostra newsletter gratuita 24vita, A cui puoi iscriverti qui.

Rischio di ictus nei giovani: disturbi comuni

Nel presente studio, gli scienziati del Maryland College of Medicine hanno esaminato circa 48 documenti di ricerca sull’argomento. Hanno analizzato possibili collegamenti tra diverse caratteristiche genetiche e la presenza di A . attacco cerebrale Quelli di età compresa tra i 18 ei 59 anni. Nel complesso, il team guidato dall’autore dello studio Stephen Kettner ha valutato i dati di 16.700 pazienti con ictus e quasi 616.000 persone sane. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Neurologia il petto.

Gli scienziati hanno scoperto che le persone che hanno avuto un ictus in giovane età avevano maggiori probabilità di sviluppare il gruppo sanguigno A. Le persone con gruppo sanguigno 0 hanno sviluppato una malattia significativamente inferiore. La differenza tra i gruppi sanguigni era così grande che i ricercatori hanno ipotizzato che i pazienti con gruppo sanguigno A avessero un rischio più elevato L’incidenza di ictus è superiore del 16%. Quelli con gruppo sanguigno 0 avevano meno probabilità di sviluppare la malattia. Tuttavia, gli scienziati hanno notato questo effetto solo nei giovani; Il collegamento non può essere dimostrato nei pazienti con ictus più anziani.

Rischio di ictus nei giovani: vari fattori giocano un ruolo

Perché le persone con gruppo sanguigno 0 hanno un minor rischio di ictus rimane poco chiaro. Tuttavia, questo potrebbe avere qualcosa a che fare con i cosiddetti fattori di coagulazione del sangue come piastrine, cellule che rivestono i vasi sanguigni e altre proteine ​​circolanti, ha spiegato l’autore dello studio Stephen Kettner in un comunicato stampa. I ricercatori sono già stati in grado di identificare questi collegamenti in studi precedenti. Ulteriori indagini dovrebbero ora rivelare i meccanismi sottostanti.

READ  Paura dei piedi: spiegata la podofobia

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario rilevante e pertanto non è destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri editori non sono autorizzati a rispondere a singole domande sulle immagini cliniche.