Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rigogliosa esplosione emotiva e canti popolari – Südtirol News

Rigogliosa esplosione emotiva e canti popolari – Südtirol News

Eros Ramazzotti ha concluso ufficialmente l’inverno a Ischgl con la sua big band al “Top of the Mountain Closing Concert” domenica pomeriggio davanti a quasi 20.000 visitatori. Sul monte Edalbe, a 2.300 metri di altitudine, la superstar italiana ha eseguito i suoi famosi successi italopop, che ha aromatizzato alcuni con moderni irrigatori d’acqua. Stravaganza musicale e passioni grandiose erano i comandamenti dell’ora dell’eros, che si svolge alla luce del sole.

Perché chiunque avesse pensato in precedenza che sentimenti come l’amore, il romanticismo e il desiderio dovessero essere realizzati in modo sottile Ramazzotti ha presto imparato il contrario. Era evidente che gli interessava il grandissimo sviluppo di questi sentimenti, in cui non c’era anarchia, ma molta bestemmia. A volte erano in uso tre chitarre, la voce di Hammond incontrava regolarmente ampie superfici di synth e due uomini lavoravano costantemente per l’inquadratura ritmica e il lavoro di base.

C’erano anche due cantanti di sottofondo, un bassista e, ultimo ma non meno importante, un musicista al pianoforte, che hanno fornito la necessaria base emotiva alle canzoni e fornito la cornice melodica, per così dire. Oltre a ciò, c’era anche un gesto davvero grande da vivere a livello di produzione. Il 59enne Ramazzotti, che ha una voce molto bella in tutto e per tutto, incita regolarmente il pubblico ad alta voce, tenendo la mano di un vocalist durante passaggi particolarmente emotivi e non essendo sopra se stesso, con l’espressione del viso appropriata, per dare una mano su la chitarra e soffiare assoli sulla chitarra nel paesaggio invernale.

L’inizio della festa è stato in qualche modo fuorviante a causa della fluida macchina di Eros, su cui potrebbe aver lavorato duramente per molto tempo. Con ritmi elettronici e influenze house, Ramazzotti e la sua band sono entrati in mondi quasi moderni sulla scia di “L’Ombra del Gigante” e hanno osato lanciare uno sguardo curioso ai club del presente. Poco dopo tutto è tornato alla normalità ed Eros ha tenuto testa a uno che le donne amavano e apprezzavano particolarmente: Dove c’è musica era in scaletta e ha dimostrato che dopotutto non ci si aspettano grandi prove.

READ  Standing ovation dalle cabine semivuote

Altre canzoni popolari, di cui l’icona della musica italiana poteva andare orgogliosa vista una carriera pluridecennale di successi, dovevano seguire sotto tiro: “Se bastasse una canzone” si sentiva così come “Adesso tu” o “Cose Della Vita”. Allo stesso tempo, a volte mancavano di poco l’equilibrio di Schlager, forse a causa dell’occasionale spavalderia della band e dell’atto a gambe larghe. Tuttavia, Ramazzotti ha fornito una solida destrezza in molti dei passaggi lirici, dove era chiaramente nel suo elemento, sostenuto da migliaia di voci. Nel complesso, l’equilibrio tra semplicità, affinità del pubblico e standard tecnici minimi è stato eccellente.

Dopo due ritorni e un set di circa 90 minuti, la scena pop mediterranea era finita. Ramazzotti ha dimostrato di essere una degna conclusione della stagione, capendo magistralmente come far diventare un pubblico eterogeneo un’unità di gruppo solida ed esperta con un’atmosfera sicura e musica costantemente ad alto volume. La gente ha ballato, applaudito e desiderato più musica alla fine, ma la star non si è arresa.

Da: ap