Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Richiesta ufficiale negata: ai talebani non è permesso parlare al dibattito delle Nazioni Unite

Rigetto della richiesta ufficiale
Ai talebani non è permesso parlare al dibattito delle Nazioni Unite

Chi rappresenta l’Afghanistan alle Nazioni Unite? Questo è ciò che i talebani vogliono fare nel dibattito pubblico di lunedì. Ma la tua richiesta non è ancora andata a buon fine. Non è chiaro chi parlerà per lo stato a New York in futuro.

Nonostante la loro richiesta, è improbabile che i talebani compaiano nel dibattito generale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il rappresentante ufficialmente registrato come portavoce dell’Afghanistan per lunedì è l’ex ambasciatore alle Nazioni Unite, Ghulam Isakzai. Lo ha annunciato il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

Dopo aver preso il potere in Afghanistan, il movimento intransigente dei talebani islamisti ha chiesto alle Nazioni Unite di rappresentare formalmente il Paese sul podio delle Nazioni Unite, attraverso un discorso al dibattito pubblico in corso o nominando un ambasciatore designato per sostituire Isakzai. La decisione in merito spetta ora al competente Comitato di accreditamento delle Nazioni Unite. Ma finora non c’è stata una riunione programmata della commissione, motivo per cui l’ex ambasciatore in Afghanistan mantiene la sua posizione almeno temporaneamente.

Il comitato è composto da rappresentanti di nove Stati membri – USA, Russia, Cina, Svezia, Namibia, Bahamas, Bhutan, Sierra Leone e Cile – e decide i rappresentanti, e quindi quali leader dei paesi sono riconosciuti dagli Stati Uniti Nazioni. In pratica, la commissione è dominata da Washington, Mosca e Pechino.

I talebani hanno preso il potere in Afghanistan a metà agosto. L’ex presidente Ashraf Ghani era già fuggito dal paese. Germania, Stati Uniti e altri paesi occidentali sono in trattativa con loro ma non li riconoscono come governi legittimi.

READ  Max Miller è il nuovo tesoro di Donald Trump con un passato oscuroض