Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto di mercato: il DAX ferma il rally di ripresa |  tagesschau.de

Rapporto di mercato: il DAX ferma il rally di ripresa | tagesschau.de


Rapporto di mercato

Al: 12 ottobre 2023 alle 18:26

Nel principale indice tedesco, le preoccupazioni circa la possibilità di un aumento dei tassi di interesse hanno smorzato il sentiment degli acquisti oggi. Negli Stati Uniti l’inflazione si è rivelata più tenace del previsto. Il DAX ha chiuso la giornata di contrattazioni in perdita.

I dati odierni sull’inflazione statunitense hanno causato sofferenza al mercato azionario. Dopo aver registrato notevoli aumenti di prezzo entro mezzogiorno e aver addirittura raggiunto il massimo di due settimane, l’indice DAX ha perso tutti i suoi guadagni entro la fine delle negoziazioni. Il principale indice tedesco ha chiuso in ribasso dello 0,23% a 15.425 punti.

Gli operatori del mercato azionario aspettavano con entusiasmo i nuovi dati sull’inflazione statunitense – e sono rimasti sorpresi. L’inflazione negli Stati Uniti resta su livelli elevati. Secondo il Dipartimento del Lavoro di Washington, i prezzi al consumo sono aumentati del 3,7% a settembre, lo stesso ritmo del mese precedente di agosto. Gli esperti si aspettavano un leggero calo al 3,6%. La mancanza di sorprese positive ha smorzato le speranze di una fine anticipata dei rialzi dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve americana.

La Fed presta particolare attenzione al cosiddetto tasso di interesse di base, che a settembre è sceso al 4,1 dal 4,3% di agosto. Secondo gli esperti riflette l’andamento generale dei prezzi meglio della media generale perché sono escluse le componenti esposte alle fluttuazioni come energia e generi alimentari.

“La Fed potrebbe voler attendere ulteriori dati per avere un quadro più chiaro”, hanno spiegato gli esperti di Commerzbank. Al momento l’aumento dei tassi di interesse non è un’opzione, ma il dibattito al riguardo probabilmente continuerà per qualche tempo. La Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse da quasi zero a un intervallo compreso tra il 5,25 e il 5,50% dall’inizio del 2022 per limitare l’elevata inflazione.

Anche i dati sull’inflazione migliori del previsto hanno rallentato la recente tendenza al rialzo dei mercati azionari statunitensi. L’indice azionario Dow Jones ha perso lo 0,29% durante le contrattazioni, mentre l’indice più ampio Standard & Poor’s 500 è sceso dello 0,11%. D’altro canto, il Nasdaq 100, ad alto contenuto tecnologico, rimane in verde con un aumento dello 0,13%.

Il prezzo del petrolio rimane un fattore di rischio per i mercati, poiché l’Iran svolge un ruolo importante nell’escalation del conflitto in Medio Oriente. Il paese ricco di petrolio è considerato un sostenitore del gruppo militante islamico Hamas e si trova anche direttamente sull’importante stretto di Hormuz, attraverso il quale passa gran parte delle spedizioni di petrolio dal Medio Oriente. Il prezzo di un barile (159 litri) di greggio Brent del Mare del Nord è attualmente pari a 86,24 dollari, con un aumento dello 0,63% rispetto al giorno precedente.

READ  Elezioni in Sassonia: le aziende suonano il campanello d'allarme! "Hai un problema"

Anche i dati sull’inflazione statunitense hanno messo oggi forte pressione sull’euro. La moneta unica è scesa sotto 1,06 dollari e in serata è stata scambiata a 1,0553 dollari. A mezzogiorno un’oncia d’oro costava 1.872 dollari, con una leggera perdita dello 0,14%. Dall’attacco di Hamas a Israele, il prezzo dell’oro è aumentato di circa 50 dollari.

Anche le azioni Rheinmetall hanno registrato notevoli guadagni. L’analista di Goldman Sachs Daniela Costa ha alzato le sue stime sugli utili per il 2023 e il 2024 per l’appaltatore della difesa. Dopo gli attacchi terroristici di Hamas contro Israele, il guadagno settimanale ammonta ora a circa il 14%. Anche le azioni Hensoldt sono aumentate del 14% sull’MDAX nel corso della settimana.

La compagnia aerea britannica EasyJet vuole espandere la propria flotta di aerei Airbus. EasyJet ha annunciato oggi che acquisterà 157 aerei, primo fra tutti il ​​modello A320neo. Il gruppo aveva inoltre la possibilità di acquistare altre 100 macchine. “Ciò consentirà a easyJet di modernizzare la propria flotta e di continuare a crescere oltre il 2028”, ha affermato il CEO Johan Lundgren.

Una carenza di produzione presso il produttore di aerei statunitense Boeing minaccia di ritardare la consegna di nuovi aerei a Ryanair più del previsto. “Se non altro, la situazione sta peggiorando”, ha detto a Bloomberg News Michael O’Leary, capo di Ryanair. Il ritardo è dovuto a difetti nella paratia pressurizzata posteriore di molti aerei 737 MAX. Alla Borsa di Dublino, nel pomeriggio, le azioni Ryanair sono scese di circa l’1%.

La Deutsche Boerse sta dando un nuovo impulso alla riforma del suo indice principale, il DAX. In un sondaggio tra gli operatori di mercato, Stoxx, affiliata dell’indice Deutsche Börse, ha chiesto ancora una volta se la ponderazione massima delle azioni nel DAX debba essere aumentata al 15% dal precedente 10%. Questo limite ha lo scopo di impedire a una società di detenere una quota troppo elevata dell’indice.

Stabilus, fornitore industriale e automobilistico con sede a Coblenza, vuole rafforzare la propria attività industriale acquistando lo specialista statunitense di automazione Destaco. Stabilus ha annunciato oggi con un annuncio obbligatorio che il prezzo di acquisto è di 680 milioni di dollari. Destaco ha una posizione forte nel crescente mercato dell’automazione industriale, ha affermato Michael Buechner, presidente di Stabilus.

READ  Gli automobilisti e le imprese rischiano multe per le registrazioni video

Nel frattempo, le azioni Novo Nordisk hanno continuato il loro recente aumento di prezzo fino a raggiungere il massimo storico di 696,40 DKK. Negli ultimi tre giorni di negoziazione le azioni dell’azienda farmaceutica hanno quindi continuato la loro serie di guadagni raggiungendo quasi il 9%. Novo ha annunciato questa settimana di aver interrotto prematuramente uno studio sugli esiti renali del suo farmaco di successo Ozempic a causa della sua comprovata efficacia.

Le azioni del produttore di scarpe Birkenstock hanno ampliato oggi le perdite dopo un debutto deludente sul mercato azionario. Le azioni del gruppo di calzature salutari hanno perso il 3,5% a 38,80 dollari. Ieri ha chiuso il suo primo giorno di contrattazioni a Wall Street a 40,20 dollari, il 12,6% al di sotto del prezzo di emissione.

In una disputa sulla contrattazione collettiva nell’industria automobilistica statunitense, la UAW aumenta la pressione sulla Ford con uno sciopero nel più grande stabilimento dell’azienda. Nello stabilimento di Louisville, nel Kentucky, vengono prodotti, tra l’altro, i camioncini Super Duty, molto popolari in America. La UAW ha affermato che l’impianto è rimasto inattivo dopo che 8.700 lavoratori hanno lasciato il lavoro.

L’IRS chiede a Microsoft un enorme pagamento fiscale aggiuntivo di circa 29 miliardi di dollari per gli anni dal 2004 al 2013. Microsoft ha affermato che l’IRS (Internal Revenue Service) vede problemi di prezzo nell’accordo tra le parti dell’azienda. Il colosso del software non accetta la richiesta e vuole difendersi.

La compagnia aerea statunitense Delta ha leggermente abbassato le previsioni sugli utili per quest’anno nonostante gli affari estivi record. A causa dei maggiori costi di carburante e manutenzione, gli utili per azione dovrebbero variare da soli 6 a 6,25 dollari, ha affermato la società. In precedenza, il presidente della Delta Ed Bastian aveva promesso dai 6 ai 7 dollari.

Il Gruppo Ingka, il più grande proprietario dei negozi di mobili IKEA, vuole attirare i clienti con riduzioni di prezzo. Il presidente di Ingka, Jesper Brodin, ha confermato oggi che il gruppo sta attualmente investendo massicciamente nella riduzione dei prezzi. A seconda del mercato, sono particolarmente colpiti gli oggetti portaoggetti come cassetti, scaffali, armadi e utensili da cucina. Lo scaffale più popolare di Ikea, il Billy, è già diventato più economico del 20% nell’anno fiscale 2023. Nell’intero anno fiscale compreso tra il 1° settembre 2022 e la fine di agosto 2023, l’azienda ha generato un totale di 47,6 miliardi di euro, con un incremento del 6,6%. .

READ  Cosa fare con i risparmi?: "I tassi di interesse negativi fanno male alle persone"

Il produttore di nastri adesivi Tesa ha aperto oggi un nuovo stabilimento nella città costiera vietnamita di Haiphong. “L’apertura del sito fa parte della direzione strategica di Tesa volta a regionalizzare la produzione”, si legge in una nota della filiale di Beiersdorf. L’azienda attualmente gestisce 13 stabilimenti di produzione in tutto il mondo.

A causa del boom dell’elettricità verde, la società energetica E.ON prevede maggiori investimenti nella modernizzazione e nell’espansione delle reti elettriche. “Si può presumere categoricamente che questi numeri continueranno a crescere”, ha affermato Thomas Koenig, membro del consiglio di amministrazione della rete. Il più grande operatore di rete europeo ha annunciato a marzo che aumenterà il suo programma di investimenti di 6 miliardi di euro, portandolo a 33 miliardi di euro entro il 2027. Di questa somma, 26 miliardi di euro sono stati destinati alle reti.

EnBW ha presentato un’offerta pubblica di acquisto ai creditori del commerciante di biogas insolvente BMP Greengas. Lo ha annunciato un portavoce dell’EnBW. Non è stata fornita alcuna informazione circa l’importo dell’offerta presentata. Secondo EnBW, BMP Greengas è una delle più grandi società commerciali di biometano in Germania.

La Commissione europea ha ora lanciato un avvertimento anche a TikTok per le false informazioni relative al conflitto in Medio Oriente. “Abbiamo informazioni secondo cui TikTok viene utilizzato per diffondere contenuti illegali e disinformazione nell’UE”, ha scritto oggi il commissario europeo per il digitale Thierry Breton al capo di TikTok Shou Zi Chew. Britton aveva precedentemente inviato avvisi simili al servizio online X (ex Twitter) e alla società madre di Facebook, Meta.

A Londra i titoli emessi dalla grande banca Barclays sono stati messi sotto pressione. Le azioni hanno perso più del 3%. L’autorità di regolamentazione finanziaria britannica, la FCA, vuole multare l’ex capo della Barclays James Staley di 1,8 milioni di sterline. L’Autorità di regolamentazione finanziaria accusa Staley di aver fornito informazioni “fuorvianti” riguardo alla sua relazione con il defunto banchiere d’investimento Jeffrey Epstein.