Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Raccomandazione di Bruxelles: la Commissione Ue sullo status del candidato per l’Ucraina

Stato: 17/06/2022 14:33

La Commissione dell’Unione Europea raccomanda che l’Ucraina e la Moldova siano formalmente candidate all’adesione all’Unione Europea. Lo ha affermato il presidente della Commissione von der Leyen. Con ciò, ha anche chiesto riforme nei paesi.

La Commissione dell’Unione Europea sostiene ufficialmente la candidatura dell’Ucraina e della Repubblica di Moldova all’adesione all’Unione Europea. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dichiarato a Bruxelles che l’Ucraina ha chiaramente espresso il desiderio di aderire ai valori e agli standard europei, e quindi dovrebbe ottenere lo status di candidato.

“Gli ucraini sono pronti a morire per questa prospettiva europea”, ha detto von der Leyen, riferendosi alla guerra aggressiva della Russia contro il Paese. Vuoi consentire loro di vivere il sogno europeo.

Tuttavia, von der Leyen ha posto una condizione per “altre importanti riforme” negli stati federali. Per la Georgia, che punta anche ad entrare nell’Unione Europea, per ora ha raccomandato solo una “prospettiva europea”. A Tbilisi dovrebbe essere concesso lo status di candidato solo dopo che sono soddisfatte determinate condizioni.

Barbock chiede anche riforme nell’Unione Europea

Anche il governo federale ha accettato. “Anche l’Ucraina difende i valori dell’Europa. Solo per questo motivo, l’Unione europea non deve chiudergli la porta in faccia”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri Annalina Berbuk. Ha sottolineato che la guerra della Russia è un punto di svolta storico per il continente. “Il modo in cui decidiamo ora plasmerà la situazione in Europa per molto tempo, anche se il processo di adesione rimane lungo e noioso”. Lo stesso vale per la Moldova.

READ  Viktor Orban ha aperto la campagna elettorale e ha criticato l'Unione europea

Tuttavia, Barbock ha detto: “Non basterà mettere più sedie in circolo a Bruxelles”, e ha anche chiesto riforme nell’Unione europea. “È tempo di continuare a costruire l’Unione europea”, tra le altre cose, “per allontanarsi dal consenso in politica estera”.

I paesi dell’UE devono ancora essere d’accordo

Così, l’autorità di Bruxelles pone le basi per una possibile decisione da parte degli Stati membri dell’UE. I capi di Stato e di governo vogliono discutere la questione in un vertice a fine giugno. Tutti gli Stati membri devono accettare di avviare colloqui corrispondenti.

Nella prima reazione, l’Ucraina ha espresso gratitudine per l’iniziativa della Commissione dell’Unione europea. Questo aiuterà il paese nella guerra contro la Russia. L’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky ha affermato che ora anche i capi di stato e di governo dell’UE dovrebbero approvare la proposta.

Stato di diritto e problemi di corruzione

Le misure proposte dalla Commissione dell’Unione Europea prevedono ora di concedere all’Ucraina e alla Repubblica di Moldova lo status di candidati all’adesione all’Unione Europea. Allo stesso tempo, l’autorità ritiene che ulteriori progressi nel processo di adesione debbano essere legati a condizioni specifiche. In entrambi i paesi vi sono carenze nell’area dello Stato di diritto e nella lotta alla corruzione.

L’Ucraina, che ha più di 40 milioni di cittadini, ha avuto circa tre mesi e mezzo Hanno chiesto l’adesione all’UE poco dopo l’inizio dell’offensiva russa contro di loro. Poco dopo, i piccoli vicini Moldova e Georgia nell’Europa sudorientale hanno presentato domanda di adesione. La popolazione della Moldova recentemente era di circa 2,6 milioni e la Georgia di circa 3,7 milioni.

READ  Esodo di massa al Cremlino? Il ministro della Difesa di Putin è scomparso senza lasciare traccia

Durante una visita a Kiev giovedì, il cancelliere Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente rumeno Klaus Iohannis si sono espressi a favore della rapida concessione dello status di candidato all’UE all’Ucraina, che è stata attaccata dalla Russia.

Dubbi tra gli Stati membri

Su raccomandazione della Commissione europea, i paesi dell’UE devono ora decidere come procedere. Ad oggi, le opinioni dei governi su questo argomento sono molto divergenti. Paesi come Portogallo e Paesi Bassi considerano prematuro e puramente simbolico concedere lo status di candidati ai paesi dell’Europa orientale. Un’altra argomentazione avanzata dagli scettici è che l’Unione Europea, con il suo principio di consenso su questioni come la politica estera e di sicurezza, è già considerata onerosa. Chiedono innanzitutto riforme interne prima di aprire la porta a nuovi membri.

D’altra parte, Germania e Francia sostengono che lo status del candidato non anticipa una decisione di ammissione e non è legato a un arco temporale. La Turchia, ad esempio, è candidata all’adesione dal 1999.