Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Questi lavori e innovazioni stanno arrivando

Android 13 è qui ed è già noto che Android 14 è molto vicino. Sfortunatamente non in termini di distribuzione da parte dei produttori, ma dai team di sviluppo di Google. Stanno lavorando a porte chiuse, quindi probabilmente passerà del tempo prima che i primi dettagli su Android 14 vengano rivelati nelle anteprime degli sviluppatori.

L’intenditore di Android Mishaal Rahman ha una prossima versione di Android Ma già sotto la lente d’ingrandimento per questodal momento che Google ha già implementato alcune cose nel codice di Android 13, ovvero ripristinarlo.

Un’innovazione pianificata è il gesto predittivo della schiena. Questo in realtà fa parte di AOSP Launcher 3 di Android 13. Con l’attuale gesto indietro, non è sempre chiaro se l’app è chiusa o se si passa semplicemente alla schermata precedente. Il gesto indietro ora fornisce un’anteprima visiva sotto forma di launcher quando il gesto esce dall’app. Allora si presenta così:

Gesto indietro predittivo in Android 13

Google ha già completato funzionalmente il gesto predittivo indietro, ma probabilmente si sta trattenendo un po’ a causa delle nuove API. Ciò offre agli sviluppatori più tempo per aggiornare le proprie app di conseguenza. In caso contrario, il gesto indietro non funzionerà nelle app non supportate. In Android 14, l’innovazione deve essere attivata per impostazione predefinita per le app.

Apple ha fornito ai modelli di iPhone 14 una funzione di chiamata di emergenza via satellite. Quello che pochissimi sanno: questo è tecnicamente possibile grazie al modem Qualcomm X65 5G. Questo è già presente in molti smartphone Android, quindi sono pronti anche per tale supporto. Potrebbe esserci ancora una mancanza di software qui. Android 14 dovrebbe consentire la comunicazione satellitare, secondo Hiroshi Lockheimer. In caso contrario, lo stato delle informazioni è molto debole.

Anche sexy: supporto Codec AV1 Obbligatorio anche da Android 13. Google supporta già il potente codec senza licenza della Open Media Alliance, a cui appartiene la stessa Google. YouTube codifica già molti contenuti 4K e 8K utilizzando detto codec, ma mancano le periferiche per la decodifica. Dovrebbe risparmiare larghezza di banda e spazio su disco. Ad esempio, la chiavetta Google TV nella versione 4K non supporta il codec, ma la nuova versione HD sì. Con i prossimi chipset Qualcomm, il supporto dovrebbe continuare ad espandersi nei prossimi anni.

READ  Aggiornamento classico 6310, due smartphone e cuffie

Dovrebbe diventare obbligatoria anche l’interfaccia HAL per i dati di identità, un’interfaccia per l’archiviazione sicura di documenti di identità come la patente di guida. Finora, questo è stato integrato solo nei dispositivi Pixel, ma Google ha in programma di espandere il chipset e quindi i dispositivi compatibili. Google vuole anche spingere ulteriormente il supporto a 64 bit.

Questo articolo contiene link di affiliazione, quindi li contrassegniamo come pubblicità. Cliccandoci sopra ti porterà direttamente al provider. Se decidi di effettuare un acquisto lì, riceveremo una piccola commissione. Nulla cambia nel prezzo per te. Grazie per il vostro sostegno!