Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Queste società berlinesi non dipendono più dal gas Putin - BZ Berlin

Queste società berlinesi non dipendono più dal gas Putin – BZ Berlin

All’udienza del Senato al Red City Hall di martedì, c’è un argomento scottante: che dire della sicurezza energetica della capitale ai tempi della guerra in Ucraina? Tre aziende a Berlino parlano di come sono diventate autosufficienti dal punto di vista energetico.

Il carbon fossile dalla Russia può essere sostituito, lo dimostra attualmente Vattenfall. L’UE introdurrà comunque un divieto di importazione ad agosto. Ma che dire di petrolio e gas? La crisi climatica ha svegliato a lungo molte aziende. Hanno già deciso le alternative e stanno cercando di lavorare in modo indipendente.

BZ presenta tre capi aziendali appartenenti alla rete aziendale Motzener Straße a Marienfelde. La fusione di 60 aziende porta avanti il ​​progetto “NEMo – Zero Emission Motzener Straße” dal 2010.

Uno dei tetti ricoperti di pannelli solari (Foto: Charles Yunk)
Uno dei tetti ricoperti di pannelli solari (Foto: Charles Yunk)

Queste aziende investono costantemente in energie rinnovabili come sistemi solari, energia geotermica, riscaldamento combinato e centrali elettriche. “Ciò significa che dipendono solo in piccola parte da alimentatori esterni”, afferma il presidente della rete Ulrich Misgeld.

Ben arrotondato: foro sferico come alternativa all’olio da riscaldamento

Per sigillare la piscina di acqua piovana contro l'evaporazione, Thomas Dreusicke, 65 anni, ha ottenuto delle palline da una piscina di palline dell'Ikea ​​e le ha sparse sulla superficie (Foto: Charles Yunck)
Per sigillare la piscina di acqua piovana contro l’evaporazione, Thomas Dreusicke, 65 anni, ha ottenuto delle palline da una piscina di palline dell’Ikea ​​e le ha sparse sulla superficie (Foto: Charles Yunck)

Otto anni fa, l’uomo d’affari Thomas Drewsic (65 anni) ha ordinato per l’ultima volta olio da riscaldamento per la sua azienda – e il serbatoio contiene ancora 30 mila litri, ovvero tre quarti della capacità. Il capo dell’azienda “India Dreusicke” (60 dipendenti, oltre a 20-50 lavoratori temporanei) ha fatto versare un’enorme cisterna di cemento (160.000 litri) nel seminterrato dell’edificio della sua azienda – per l’acqua piovana. Questo rilassa anche il sistema fognario.

L'azienda, fondata nel 1929, da 28 anni stampa e stampa pellicole di plastica per Fritzbox (Foto: Charles Yunck)
L’azienda, fondata nel 1929, da 28 anni stampa e stampa pellicole di plastica per Fritzbox (Foto: Charles Yunck)

L’azienda utilizza il calore di scarto delle macchine per lo stampaggio a iniezione, che riscalda la plastica a 350 gradi e in seguito è diventata l’impostazione per il router Internet Fritzbox in molte case.

READ  Vaccinazione Corona: le aziende possono richiedere di vaccinare i propri dipendenti? Un esperto spiega

Il calore di scarto della produzione fa salire la temperatura del bacino dell’acqua piovana a 45 gradi. Dreusicke ha avuto un’idea in modo che le persone possano ancora permettersi di essere nelle vicinanze: “Abbiamo sparso le palle dell’Ikea ​​sulla superficie dell’acqua”. Ciò significa che c’è meno evaporazione e l’umidità può essere tollerata.

Utilizzando scambiatori di calore e due pompe, il calore viene estratto dall’acqua calda per riscaldare 6.850 m² su sei piani e l’acqua calda. “Con il divieto russo, sono seduto qui rilassato e sorridente”, dice Dreusicke. Tuttavia, l’azienda ha ancora bisogno di elettricità per le macchine di plastica – al mese per 50.000 euro!

Qui il caldo arriva da una profondità di 99 metri

Marcel Forster (29) nella stanza della sua centrale combinata di riscaldamento ed energia (Foto: Charles Yunck)
Marcel Forster (29) nella stanza della sua centrale combinata di riscaldamento ed energia (Foto: Charles Yunck)

Le opere di Marcel Forster (29) sono piccole. La sua azienda Roka in Motzener Strasse produce 1 miliardo di singoli pezzi ogni anno. In 40 paesi assicurano che i segnali vengano trasmessi nelle automobili, ad esempio utilizzando il Global Positioning System (GPS) della posizione. Con un solo sguardo, invece, quando c’è neve su un tetto fangoso nel cortile anteriore del nuovo edificio amministrativo, puoi vedere come viene risparmiata energia qui: attraverso l’energia geotermica.

Cinque sonde sono state perforate a 99 m di profondità nel terreno per una media di cinque cifre. Al loro interno circola salamoia (acqua con antigelo), che assorbe il calore geotermico. Alla fine, una pompa di calore trasferisce energia a un sistema di riscaldamento: almeno per i suoi uffici, Forester non ha più bisogno di gas o petrolio.

Roka produce tali componenti elettrici per l'industria automobilistica (Foto: Charles Yunck)
Roka produce tali componenti elettrici per l’industria automobilistica (Foto: Charles Yunck)

La seconda componente energetica dell’azienda da 80 dipendenti: una centrale termoelettrica combinata che produce elettricità per l’illuminazione e la immette nella rete, risparmiando 250 tonnellate di anidride carbonica che uccide il clima. “Nel 2021, più di 200.000 kWh sono stati generati da noi stessi”, afferma Forrester, la quinta generazione che gestisce l’attività del suo bisnonno (fondato nel 1901).

READ  Aree aggiuntive della mensa: Bayer separa i vaccinati dai non vaccinati

“Guardo con preoccupazione alla discussione sul divieto”, afferma il giovane presidente della società. Perché i dipendenti della produzione ovviamente devono lavorare anche in un capannone caldo in inverno. I costi energetici sono già aumentati di oltre il dieci percento. Alternativa nel peggiore dei casi? Forrester: “Metteremmo le persone in nidi più vicini e faremmo radiatori elettrici”.


Leggi anche

► Quasi nessuno dipende dal gas naturale russo più di Berlino

► Abbiamo davvero bisogno di gas dalla Russia?


Questo tetto consente di risparmiare fino al 70 percento della domanda di elettricità

Il fondatore dell'azienda Gerhard Lechler (76) ha reso le cose belle per i suoi 100 dipendenti: con altalene, ping pong, ping pong e la sala di formazione della band (Foto: Charles Yunck)
Il fondatore dell’azienda Gerhard Lechler (76) ha reso le cose belle per i suoi 100 dipendenti: con altalene, ping pong, ping pong e la sala di formazione della band (Foto: Charles Yunck)

L’ingegnere meccanico Gerhard Leschler, 76 anni, non si lascia ingannare quando si tratta di problemi di alimentazione. Genera 120.000 kilowattora all’anno utilizzando pannelli solari in molti dei suoi edifici Promise, dal 60 al 70 percento del suo fabbisogno di elettricità.

Con tutta una serie di misure, sta riducendo la dipendenza energetica e sta facendo qualcosa per la crisi climatica, che è anche importante per lui. Il buon isolamento degli edifici, i tripli vetri e il calore di scarto del compressore producono acqua calda e quattro serbatoi forniscono acqua per i servizi igienici e il giardino antistante.

L'azienda ha 1.000 diversi mulini nel suo portafoglio (Foto: Charles Yunck)
L’azienda ha 1.000 diversi mulini nel suo portafoglio (Foto: Charles Yunck)

Le presse elettromeccaniche sono prodotte nello stabilimento situato a Nunsdorfer Ring. 1000 specie nel programma. ti vanno. Verso USA, Cina, Corea e Unione Europea. Bosch è un cliente importante. Queste z preme. B. Ingranaggi sugli alberi di trasmissione.

Il divieto non lo riguarderà nella zona di produzione, al massimo un po’ in 3000 mq di uffici. “Ma i computer lì irradiano così tanto calore che i radiatori di solito sono spenti”.