Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Queste aziende austriache emettono la maggior parte delle emissioni di CO2

Queste aziende austriache emettono la maggior parte delle emissioni di CO2

© APA / BARBARA GINDL / BARBARA GINDL

L’industria austriaca ha 2021 Pompare più gas serra nell’atmosfera. Gli impianti coperti dalla circolazione della certificazione UE hanno emissioni equivalenti a 28,7 milioni di tonnellate Diossido di carbonio emessi, come evidenziato dai dati preliminari della Commissione dell’Unione Europea valutati dall’APA.

Include le compagnie aeree 30,3 milioni di tonnellate. Ciò ha ampiamente compensato il calo registrato nell’anno dell’epidemia 2020. Quasi un terzo delle emissioni proviene dalle acciaierie voestalpine a Linz.

In generale, le emissioni sono aumentate rispetto all’anno precedente 1,7 milioni di tonnellate e 6,3 percento (o 7,3 percento comprese le compagnie aeree). Valore pre-crisi 29,5 milioni di tonnellate Gli equivalenti di anidride carbonica non sono stati completamente raggiunti nel 2019. Per fare un confronto: le emissioni totali dell’anno precedente – incluso il traffico e le abitazioni – sono state stimate dal Centro Wegener dell’Università di Graz 80,7 milioni di tonnellate.

voestalpine con le più alte emissioni di anidride carbonica

Il più grande stabilimento industriale nazionale è voestalpine a Linz 9,4 milioni di tonnellate Diossido di carbonio. Questo non è solo un valore estremo in Austria, lo stabilimento principale del prodotto siderurgico è anche molto avanzato nel confronto europeo – all’undicesimo posto. A capo dell’Unione Europea ci sono centrali elettriche a carbone in Polonia e Germania. Ha la sola centrale elettrica a carbone più sporca d’Europa – è vicino Belchatow in Polonia – Ha pompato più anidride carbonica nell’atmosfera rispetto all’industria austriaca messa insieme. Le statistiche dell’UE per la centrale elettrica a carbone polacca mostrano 33,2 milioni di tonnellate Diossido di carbonio.

READ  Erdogan: la Turchia taglia l'elettricità all'industria, colpite anche le aziende tedesche

Emissioni di gas serra dell'industria

Nella classifica austriaca, un altro sito voestalpine appare secondo solo alle acciaierie di Linz, le acciaierie della Stiria. Donawitz (2,69 milioni di tonnellate), con voestalpine che lavora anche sugli altiforni. Al terzo posto con 2,75 milioni di tonnellate Raffineria OMV a Shuweishat Di fronte ai tre blocchi di centrali elettriche Vienna Energy in ebollizione (1,56 milioni di tonnellate).

La maggior parte degli impianti ha aumentato notevolmente le proprie emissioni di gas serra l’anno precedente: voestalpine a Linz di quasi il 10%, a Donauwitz di oltre il 31% e Wien Energie a Simmering dell’8%. La raffineria OMV è relativamente stabile nei dati preliminari, con un aumento dello 0,7%.

Forte aumento anche con le compagnie aeree

Dopo un calo particolarmente marcato nel primo anno dell’epidemia, le emissioni delle compagnie aeree sono quasi diminuite 31 per cento acquisiti. con con 1,6 milioni di tonnellate Tuttavia, è ancora ben al di sotto del valore massimo del 2019.

Nel complesso, il 2019 è stato un anno particolarmente “ad alte emissioni” per l’aviazione nazionale, a causa dei trasporti legati alla Brexit. easyJet a Vienna. Da allora in Austria sono state registrate le emissioni di Easyjet: 2,3 milioni di tonnellate nel 2019 e 1,1 milioni di tonnellate l’anno prima. quando Ahia Le statistiche indicano un aumento annuale a 913.000 tonnellate nel 2019 fino alla rottura del Corona, e l’anno precedente era poco meno di 395.000 tonnellate. Tuttavia, le emissioni effettive del trasporto aereo sono più elevate, poiché solo i voli all’interno dell’UE sono coperti dall’ETS dell’UE.

La produzione dell’acciaio prima della produzione di energia e calore

L’industria a più alta intensità di carbonio nel bilancio climatico austriaco è dovuta alla voestalpine Industria siderurgica Con 12,7 milioni di tonnellate di anidride carbonica con una netta distanza di rispetto Produzione di energia e calore (5,8 milioni di tonnellate). calcolare Produzione di materiali da costruzione – In particolare cemento, mattoni e vetro – 4,6 milioni di tonnellate all’anno. segui dietro raffinerie (cioè OMV) con 2.7, prima Compagnie aeree Anche con 1.6 Industria della carta e della cellulosa 1,5 milioni di tonnellate. Il industria chimica Pompa 1,1 milioni di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera e il resto va agli impianti di alluminio e ad altre industrie.

Gas serra per settore

Le emissioni dell’industria sono registrate nel cosiddetto Sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (abbreviazione di “Emissions Trading System”, “ETS”). I produttori devono acquistare i diritti di inquinamento per le loro emissioni di gas dannosi per il clima e segnalare le emissioni all’Agenzia federale dell’ambiente al più tardi entro aprile dell’anno successivo.

Una tonnellata di certificazione di anidride carbonica attualmente costa un po’ meno 90€. Per fare un confronto, per le emissioni di CO2 che si verificano al di fuori dell’industria, l’Austria ha un prezzo di CO2 a partire dal 1 luglio 2022 dall’inizio 30€ Importato per tonnellata. Il fatto che i costi siano sostenuti in base alle emissioni di anidride carbonica dovrebbe significare che le aziende che producono in modo più rispettoso del clima hanno un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti più sporchi.