Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quattro paesi mediterranei hanno chiesto un’azione dell’UE contro i soccorritori marittimi

Da anni le organizzazioni civili soccorrono i migranti nel Mediterraneo. Italia, Grecia, Cipro e Malta chiedono ora una nuova regolamentazione.

Quattro paesi del sud dell’UE e del Mediterraneo si sono lamentati in una lettera congiunta sulla gestione da parte dell’Europa della crisi dei migranti e hanno indicato misure contro i soccorritori marittimi privati. Italia, Grecia, Cipro e Malta hanno criticato le navi civili per “operare in modo completamente indipendente dalle autorità governative responsabili”, secondo una dichiarazione nel fine settimana. “Ribadiamo che il funzionamento di queste navi private non rispetta lo spirito del quadro giuridico internazionale per le operazioni di ricerca e soccorso, che deve essere rispettato”.

Caricamento in corso…

Incorporare

Il nuovo Primo Ministro italiano Giorgia Meloni, del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, ha dichiarato venerdì che ci saranno “nuove misure” contro le navi delle ONG. Lei non ha elaborato. “Ogni stato dovrebbe effettivamente esercitare la propria giurisdizione ed esercitare il controllo sulle navi battenti la sua bandiera”, hanno chiesto i quattro stati nella loro lettera. La Commissione Ue e la Presidenza del Consiglio devono adottare le “misure necessarie” affinché si possa tenere un dibattito sul futuro di tali misure.

La Francia ha sospeso il trattato di unità

Da anni organizzazioni civili – Germania compresa – sono di stanza nel Mediterraneo centrale per accogliere migranti e rifugiati con le loro navi. Quindi continuano a richiedere il permesso di fare scalo in un porto a Malta e in Italia. Secondo i soccorritori, Malta respinge da anni le richieste, mentre le navi in ​​Italia possono sempre attraccare dopo spesso giorni di attesa. Tuttavia, all’inizio di questa settimana, il governo di Meloni ha rifiutato di consentire all’organizzazione SOS Méditerranée di entrare in un porto siciliano con la sua nave “Ocean Viking” e 234 migranti a bordo.

READ  Eintrach Francoforte: stella SGE prima di partire per l'Italia? - "Ci sono richieste"

La nave attraccò a Tolone, nel sud della Francia, provocando una lite diplomatica tra Parigi e Roma. “L’Italia non rispetta il diritto internazionale o il diritto marittimo”, ha detto il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna al quotidiano “Le Parisien” (domenica). La nave è stata registrata solo come eccezione. “Se l’Italia si attiene a questa visione ci saranno delle conseguenze”.

Parigi ha sospeso l’accordo di solidarietà di giugno, che ha visto i migranti mediterranei sequestrati dall’Italia e ha intensificato le restrizioni al confine italo-francese.