Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quasi 100 milioni di litri: l’Italia esporta più Prosecco che mai

Quasi 100 milioni di litri
L’Italia esporta più Prosecco che mai

I tipici vinificatori italiani colorati possono aspettarselo. La sete globale di prosecco aumenta significativamente all’inizio dell’anno. I tedeschi in particolare sembrano averne il gusto. Gli inglesi sono piuttosto incasinati. Il maggior cliente non viene dall’Europa.

Nei primi quattro mesi di quest’anno l’Italia ha esportato più broccoli che mai. Secondo l’Associazione Italiana Agricoltori Goldiretti, in questo periodo le aziende hanno fornito oltre 120 milioni di bottiglie (0,75 litri ciascuna). Si tratta di un aumento del 17% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In Germania, gli esportatori di prosciutti italiani hanno registrato un forte aumento delle vendite con il 29% rispetto a questo periodo. L’America era il più grande cliente.

Nel Regno Unito, l’associazione ha registrato un calo del 9% durante questo periodo. Il sindacato ha attribuito questo a sanzioni burocratiche sulla Brexit. Gli esportatori di vino colorato hanno problemi con le procedure doganali. L’associazione teme che ciò possa portare sul mercato britannico banconote false Proceco.

Prosecco è il nome di origine dei vini colorati o colorati italiani, protetto dall’Unione Europea dal 2010. Il Prosecco può essere menzionato solo se prodotto esclusivamente con uve Clara del Friuli-Venezia Giulia e delle province di Belluno, Podova, Treviso, Venezia e Vicenza in Veneto. L’uva, cioè la trasformazione dell’uva in vino colorato, così come la bottiglia di Prosecco, può avvenire solo nelle aree specificate.

Il tentativo della Croazia di preservare il suo broccato di vino bianco locale come nome da parte dell’Unione europea ha recentemente causato problemi. L’Italia vuole difendersi perché il nome contraddice nettamente il nome Prosecco, da qui l’accusa. Si è persino parlato di una “guerra del prosecco”. Nel 2013, la Croazia ha fallito un tentativo simile. Da due anni le aree di coltivazione di Procuco nel Friul Julich Veneto e Veneto sono Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

READ  Turismo di massa in Italia - Celebrità internazionali criticano i viaggi a Venezia