Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

‘Quando casa mi chiama, vado’

“Quando casa mi chiama, io vado”
L’ex campione del mondo di boxe Valuev riceve la posta dall’esercito

Già prima della parziale mobilitazione del presidente Putin, un membro della Duma di Stato ha ricevuto posta dall’esercito: l’ex campione del mondo di pugilato Valuev. Deve presentarsi all’ufficio di collocamento competente. Questo porterà a un’operazione in prima linea in Ucraina? Ad ogni modo, Valuev è patriottico.

L’ex campione del mondo di boxe e attuale deputato della Duma Nikolai Valuev ha ricevuto posta dall’esercito. Secondo l’agenzia di stampa russa TASS, Valuev ha ricevuto una convocazione all’ufficio di reclutamento anche prima che fosse ordinata la mobilitazione parziale. Secondo il rapporto, Valuev ha detto che visiterà l’ufficio di registrazione e arruolamento militare “dopo intere settimane”.

Valuyev ha pubblicato la citazione su canale telegramma. Nella lettera gli è stato chiesto di presentarsi per il servizio militare a San Pietroburgo il 15 settembre. Si dice che si riferisca a cambiamenti nei suoi documenti di registrazione. Tuttavia, la storia è già passata. Fingendo di essere un patriota, il parlamentare ha detto: “Sarò all’ufficio di registrazione e arruolamento militare dopo intere settimane. Se la patria chiama, andrò”. Tuttavia, non è chiaro se intendesse schierarsi nella guerra in Ucraina.

Valujew era alto 2,13 metri da dicembre 2005 ad aprile 2007 e da agosto 2008 a novembre 2009 campione del mondo WBA. Ha 53 incontri professionistici e ne ha vinti 50, 34 dei quali per KO.Nel suo ultimo incontro, ha perso il titolo mondiale nel novembre 2009 perdendo punti contro David Haye. Nel 2011 è stato eletto alla Duma di Stato della Russia e l’anno successivo ha concluso la sua carriera. Valuev siede alla Duma di Stato come membro del partito Russia Unita di Putin. Questo detiene la stragrande maggioranza nel parlamento russo.

La questione dominante in Russia al momento è la parziale mobilitazione che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato la scorsa settimana per la guerra in Ucraina. Secondo il Cremlino, 300.000 riservisti saranno ora arruolati nell’esercito russo. Decine di migliaia di russi sono poi fuggiti all’estero, principalmente in Georgia, Kazakistan e Mongolia.

READ  Iran: Incendio nella famigerata prigione di Evin