Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Puoi vaccinarti contro l’Alzheimer in futuro?

Il morbo di Alzheimer è una delle malattie più temute. Non solo porta alla perdita di memoria, ma porta anche alla morte in seguito. I trattamenti precedenti non hanno funzionato. Ma i ricercatori tedeschi e britannici hanno ora fatto una scoperta promettente. Questo potrebbe non solo rivoluzionare il trattamento del morbo di Alzheimer, ma anche rendere possibile la vaccinazione.

La malattia di Alzheimer colpisce principalmente le persone di età superiore ai 65 anni. Tuttavia, in rari casi, può verificarsi già a 45 anni e danneggiare il cervello. Sebbene migliaia di ricercatori ci stiano lavorando in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer non può ancora essere curato. Anche il trattamento è ancora difficile. Con i farmaci, la perdita di memoria può essere ritardata e la depressione può essere alleviata nei malati. Ma in una fase avanzata, il cervello è così danneggiato che non c’è più alcuna speranza per le persone colpite.

Un nuovo approccio alla cura del morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università britannica di Leicester, insieme ai loro colleghi tedeschi dell’University Medical Center Göttingen (UMG) e dell’organizzazione no-profit LiveArk, hanno acquisito nuove conoscenze sul trattamento del morbo di Alzheimer.1 A differenza del passato, i ricercatori non si sono concentrati sulla lotta alla proteina beta-amiloide (che è collegata all’Alzheimer) nelle placche cerebrali. Invece, hanno preso di mira una forma diversa della proteina ritenuta altamente tossica.

Interessante anche: I difetti genetici causano il morbo di Alzheimer aggressivo nei primi anni ’40

“Negli studi clinici, nessuno dei potenziali trattamenti che dissolvono le placche amiloidi nel cervello ha dimostrato di avere molto successo nell’alleviare i sintomi dell’Alzheimer. Alcuni hanno persino causato effetti collaterali. Quindi abbiamo deciso di adottare un approccio diverso”, ha affermato il professor Thomas Bayer del Centro medico universitario di Göttingen Sulla porta della scienza: abbiamo identificato un anticorpo nei topi che neutralizza le forme accorciate di beta-amiloide solubile, ma non si lega alle forme normali della proteina o delle placche. SciTechDaily Citato.

READ  Perdita di odore in COVID-19: la causa è stata trovata: pratica di guarigione

Interessante anche: Secondo uno studio, lavarsi i denti due volte al giorno può proteggere dall’Alzheimer

I nostri colleghi britannici hanno modificato questo anticorpo per essere accettato dal sistema immunitario umano senza provocare una risposta immunitaria. Si chiama TAP01_04. Quando i ricercatori hanno esaminato come l’anticorpo si lega alla forma troncata di beta-amiloide, il team è rimasto sorpreso. Hanno scoperto che la proteina beta-amiloide era piegata insieme come una forcina.

“Questa struttura non è mai stata vista prima nell’amiloide-beta. Questa scoperta ha permesso al team di progettare questa regione della proteina per ancorare una forma a forcina e legarsi all’anticorpo allo stesso modo”, ha affermato il professor Mark Carr dell’Università di Leicester. L’idea: questo potrebbe essere usato Una forma modificata di beta-amiloide come vaccino per stimolare il sistema immunitario umano a produrre anticorpi TAP01_04.

Conferma dell’efficacia degli anticorpi e della vaccinazione contro il morbo di Alzheimer

Quando i topi sono stati testati con il vaccino TAPAS, si è scoperto che in realtà producevano anticorpi di tipo TAP01. Altri studi hanno scoperto che sia gli anticorpi che il vaccino hanno contribuito a ripristinare la funzione delle cellule nervose, aumentare il metabolismo del glucosio nel cervello e invertire la perdita di memoria. Anche la formazione di placche beta-amiloidi è stata ridotta.

Interessante anche: Si dice che il formaggio e il vino riducano il rischio di Alzheimer

L’anticorpo umanizzato TAP01_04 e il vaccino TAPAS sono significativamente diversi dai precedenti anticorpi e vaccini contro il morbo di Alzheimer testati negli studi clinici. Perché prendono di mira una diversa forma di proteine. Questo li rende davvero promettenti come anticorpo e vaccino nel trattamento della malattia “, afferma il dottor Bakrana di LifeArc. Egli descrive i risultati finora come molto eccitanti. Se il trattamento avrà successo, potrebbe cambiare la vita di molti malati di Alzheimer.

READ  La medicina del diabete aiuta contro le forme speciali di malattia - The Healing Practice

Gli studi sui malati di Alzheimer dovrebbero essere proseguiti

Ora gli anticorpi e il vaccino vengono testati in studi clinici sull’uomo. Se si dimostrasse efficace anche lì, sarebbe una svolta. E non solo nel trattamento del morbo di Alzheimer, ma anche nella protezione da malattie gravi.

risorse

  1. Bakrania, P., Hall, G., Bouter, Y. et al. (2021) Scoperta di una nuova struttura pseudo-tornante di amiloide-N-troncato da utilizzare come vaccino contro il morbo di Alzheimer. Psichiatria Molecolare