Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Psicologa biologica: “Le persone hanno buone ragioni per stare attenti al buio”

intervista | Psicologo biologico nelle città buie di notte

“Le persone hanno buone ragioni per stare attenti al buio.”


immagine: dpa / F. Gaertner

Le luci notturne sono già state spente in molti edifici pubblici. Questo lo rende più scuro in molti punti. Che cosa fa alle persone? la disturba. “Per una buona ragione”, dice lo psicologo biologico Peter Wallberger.

rbb | 24: Signor Walschburger, presto potrebbe essere più buio di notte a Berlino rispetto a prima. La città vuole risparmiare energia. Che cosa fa alle persone? Tutti hanno davvero paura del buio?

Peter Wallberger: Si può presumere che tutte le persone si sentano meno al sicuro al buio che alla luce.

per una persona

Peter Wallberger.  (Foto: Charlotte Wirtz)

RBB Charlotte Wirtz

Psicologo biologico
Pietro Walburger

Peter Walsberger è Professore Emerito di Psicologia con specializzazione in Psicoantropologia Biologica presso la Freie Universität (FU) di Berlino.

Da dove viene?

Possiamo dare una rapida occhiata all’adattamento evolutivo degli esseri umani. Come tutti gli altri esseri viventi, ci siamo adattati alle fluttuazioni del giorno e della notte legate alla rotazione terrestre. Ciò si traduce in un ritmo di vita di base. Perché in condizioni naturali non si vede praticamente nulla di notte, mentre di giorno si vede benissimo. In modo che abbia senso essere attivi durante il giorno ed essere al sicuro di notte e ritirarsi nella “grotta”. Puoi ringiovanire te stesso mentre dormi, il che funziona meglio nella completa oscurità.

Ma poiché spesso vogliamo o dobbiamo uscire al buio, ci piace vedere qualcosa. Soprattutto negli ambienti urbani, questo significa che illuminiamo il nostro ambiente in modo così luminoso di notte che si parla sempre più di stress luminoso, ovvero troppa luce. Quando torni al tuo appartamento, potresti ancora utilizzare il tuo computer o smartphone. Chi non utilizza un filtro giallo è esposto alla luce con un’elevata componente blu. Questo blocca l’effetto di stimolazione del sonno dell’ormone del sonno melatonina e interrompe il ciclo sonno-veglia.

Quindi si può dire che tutte le persone hanno buone ragioni per agire con cautela nell’oscurità. Ci sono molte ragioni diverse per cui questo è associato alla paura. La paura significa che valutiamo la situazione come spaventosa o minacciosa. Ma l’ambiente oscuro è oggettivamente più pericoloso di quello luminoso.

L’insicurezza al buio è più pronunciata nelle donne?

Troviamo grandi differenze tra le persone di entrambi i sessi: ci sono gatti che hanno paura e quelli che non hanno paura di nulla. Tuttavia, gli eroi di solito non vivono quanto i cauti. La nostra predisposizione alla paura è l’eredità evolutiva. Le statistiche sulla criminalità mostrano che i criminali maschi hanno maggiori probabilità di essere picchiati nell’oscurità e hanno maggiori probabilità di cercare prede facili. A questo proposito, le donne si adattano bene al modello di preda dei criminali violenti. Ma questo vale anche per gli anziani e i fragili. Alcuni anni fa c’erano dei “pagliacci malvagi” ad Halloween, che rubavano principalmente borse da donna, preferibilmente negli angoli bui.

Tuttavia, le donne sono più attente degli uomini con cautela, cura e un atteggiamento di sostegno vitale. Quindi non sorprende che le donne abbiano più problemi nell’oscurità.

I bambini sono anche più ansiosi al buio. La prima cosa che i genitori devono instillare nel loro bambino è sicurezza e fiducia. Halloween è un rituale in cui gruppi di bambini escono nell’oscurità spaventosa con lanterne di zucca. C’è poi un effetto creep, un tipo di lussuria di paura in cui la loro paura è stimolata ma si rendono conto di essere al sicuro nel gruppo: un’interessante interazione tra la paura degli spiriti oscuri e maligni e la brama di vincere.

E c’è forse una differenza nel sentirsi al sicuro nell’oscurità tra gli abitanti delle campagne e quelli delle città?

sì. Perché siamo esseri sociali. Nei piccoli paesi, quasi tutti conoscono tutti. Non c’è quasi nulla che tu possa fare senza che un vicino se ne accorga. Molti abitanti delle città sono felici di vivere in una città sconosciuta senza questo controllo. Ma ti senti al sicuro nel villaggio perché sei circondato da persone familiari. In modo che una finestra si apra immediatamente se chiami un avviso e un vicino ti aiuterà.

In città incontri principalmente estranei. Ognuno fa quello che fa e, se hai bisogno di aiuto, devi aspettarti che gli altri non ti aiutino. Ci sono cattivi esempi di questo effetto “spettatore”. Alcuni anni fa, un vecchio indifeso di una città giaceva di sera nell’atrio di una banca. Molte persone avevano semplicemente saltato. Solo il quinto o il sesto chiesero aiuto. Nelle città si è meno al sicuro al buio che nelle piccole comunità.

Quindi ci sentiamo particolarmente al sicuro quando ci troviamo in un ambiente che ispira fiducia, è conosciuto personalmente o è “familiare”. In inglese, “familiare” significa familiare. Sarebbe bello se gli abitanti delle città fossero più uniti tra loro. I portali di quartiere possono aiutare qui, ad esempio, in modo che il tema dell’oscurità non sia visto solo come un argomento spaventoso. Perché insieme si può fare tanto contro la paura. Idealmente, quindi, l’aumento dell’oscurità potrebbe non solo aiutare a risparmiare energia, ma potrebbe anche stimolare altri effetti positivi nei settori della nostra salute e della nostra vita sociale.

Idealmente, l’aumento dell’oscurità potrebbe non solo aiutare a risparmiare energia, ma potrebbe anche stimolare altri effetti positivi sulla nostra salute e sulla vita sociale.

Pietro Walburger

Ci sono altri consigli pratici sul comportamento per sentirsi al sicuro al buio?

Si possono riattivare gli ufficiali del Dipartimento di collegamento con la polizia. Quando sono venuto a Berlino circa 40 anni fa, molti cittadini conoscevano ancora “Schupos” personalmente. Ci siamo salutati in modo amichevole e abbiamo chiacchierato. Diversamente da oggi, quando le auto della polizia ci passano davanti tutta la notte. Presto si dice che la polizia abbia pochissimo personale. Ma puoi rafforzare il nostro senso di sicurezza.

Ma come vicini urbani, possiamo anche diventare più sensibili alla cultura della convivenza. Zehlendorf, dove vivo, è una zona distinta, ma c’è ancora molto spazio per migliorare in termini di cultura del quartiere. Sarebbe bello se le persone non parlassero di bambini piccoli, gatti, cani o incidenti. Sarebbe l’ideale, ad esempio, in una casa in cui vivono tante parti, affidare l’uno all’altro le chiavi quando si viaggia, e non ci si chiuderebbe nemmeno con le domande e i problemi quotidiani, ma incontrandosi apertamente, aiutandosi e cura e diventare così un ambiente di vita sicuro e familiare.

A proposito di sicurezza. È davvero più probabile che tu sia vittima di un crimine se irradi paura?

Un cane avvicinato dalla paura è molto sensibile a tale carisma. A differenza degli umani, poteva davvero sentire l’odore della paura. Gli esseri umani violenti cercano principalmente vittime dalle quali si aspettano poca resistenza, cioè che non possono diventare pericolose per loro.

Uno studio del Max Planck Institute indica che le persone che hanno subito violenza verbale o fisica (indipendentemente dal fatto che i crimini siano avvenuti alla luce o al buio) in particolare non amano uscire di notte. Perché queste persone in particolare hanno più paura del buio?

Da un punto di vista psicologico, questo è un effetto piuttosto banale. L’attenzione personale riguardo alle esperienze di violenza assicura che le persone siano più vigili. In determinate circostanze, queste persone reagiscono in modo eccessivamente difensivo o fobico e non escono più di notte. Le esperienze personali sono particolarmente legate al lavoro e motivano il corrispondente comportamento protettivo.

Pensi che la riduzione dell’illuminazione pubblica a Berlino comporterà meno persone che oseranno uscire al buio?

Statisticamente lo sarà. Per i motivi menzionati, più persone non usciranno più spesso di notte. Perché è così che si sentono al sicuro. Ma direi che non ci preoccupiamo solo di questo, perché un po’ di luce in città di notte ha anche effetti positivi.

Perché noi umani non usiamo la crisi energetica per migliorare la nostra igiene notturna? Perché non pensare che ci siano buone ragioni per dormire al buio di notte e in piena luce durante il giorno? È molto salutare vivere così. Non bisogna esporsi a stimoli luminosi non necessari di notte.

Non voglio parlare dei problemi che l’oscurità porta. Ma suggerisco di esaminarli in un contesto un po’ più ampio. Allora diventa subito chiaro che le esperienze di abbandono durante la crisi energetica sono compensate da una serie di effetti positivi. Winston Churchill una volta disse: “Non sprecare un buon crunch”. Possiamo anche sfruttare l’attuale crisi energetica per vivere esperienze di vita positive.

Puoi anche abituarti al fatto che generalmente non è così luminoso di notte?

Naturalmente. Potrebbero esserci i soliti borbottii e uno o due incidenti. E se qualcosa del genere accade durante la crisi estiva, sarà anche gonfiato dai media. Ma in conclusione, vorrei sottolineare che la maggior parte delle volte che noi umani abbiamo vissuto in modo tale che di notte fosse completamente buio.

Ho avuto grandi esperienze di oscurità nel Mediterraneo negli anni Settanta e Ottanta. Non c’era elettricità in alcune zone e di notte si poteva godere di un cielo stellato. Queste sono le toccanti esperienze della natura descritte mirabilmente da Eichendorff (“Chiaro di luna”) e altri poeti romantici, ma oggi sono poco conosciute.

In ogni caso, le città non riguardano l’oscurità assoluta. La sicurezza del traffico qui richiede un minimo di luminosità di base, di cui non si farà a meno.

Grazie per questa intervista.

Intervistato da Sabine Priess, rbb | 24

READ  Riesci ancora a risolvere questo semplice problema di matematica?