Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Protezione del clima: poche aziende stanno facendo sforzi seri

Protezione del clima: poche aziende stanno facendo sforzi seri

Progetto di rilevamento del carbonio
Poche aziende stanno facendo sforzi seri per proteggere il clima

Solo poche aziende si preoccupano davvero della protezione del clima – Questo è il risultato del Carbon Disclosure Project, che ha esaminato 12.000 aziende (avatar)

© Julian Stratenschulte / DPA

Sostenibilità e protezione del clima: questo è ciò che promettono oggi quasi tutte le aziende. Ma le aziende manterranno la loro promessa? Il British Carbon Detection Project ha esaminato più da vicino ed è giunto a una conclusione realistica.

La protezione del clima è in voga. Quasi nessuna azienda oggi può fare a meno della promessa di fare qualcosa per il bene del nostro pianeta. Ma stanno solo facendo il greenwashing o le aziende si attengono davvero agli obiettivi di protezione ambientale?

Il Carbon Disclosure Project (CDP), un’organizzazione no-profit con sede a Londra, ha studiato esattamente questo e ha creato una classificazione climatica internazionale.

CDP ha esaminato un totale di 12.000 aziende in tutto il mondo e ha analizzato l’idoneità climatica delle aziende con l’aiuto di tre categorie. Per poter resistere agli standard di test CDP, le aziende dovevano dimostrare di ridurre direttamente o indirettamente le emissioni dannose per il clima e di proteggere le riserve idriche e forestali.

Solo il 2% delle aziende ha il punteggio più alto

Il risultato è modesto: solo 272 delle 12.000 aziende esaminate sono riuscite a ottenere un punteggio massimo in almeno una categoria, solo il 2% delle aziende. Al contrario, il 58% delle aziende ha ricevuto i voti peggiori, C e D.

“Le aziende che non rivelano il proprio impatto ambientale e non agiscono di conseguenza stanno mettendo a rischio il pianeta e se stesse”, ha affermato il rappresentante europeo di CDP Maxfield Weiss.

“Se continui a operare come prima, sei dalla parte sbagliata dell’opinione pubblica, della regolamentazione e dei mercati dei capitali”, ha aggiunto Weiss. Il greenwashing non funzionerà più perché le persone guardano sempre più da vicino.

I risultati dello studio sono peggiorati rispetto allo scorso anno. Il numero di società “A” è diminuito del 40%, passando da 280 nel 2020 a 200 società. Tuttavia, uno dei motivi sono i requisiti più stringenti del CDP con cui l’organizzazione sta rispondendo alla crisi climatica avanzata.

Le aziende tedesche fanno bene in confronto

Tuttavia, c’è un barlume di speranza, almeno dal punto di vista tedesco: 14 aziende della Repubblica federale di Germania sono tra le prime quando si tratta di protezione del clima. Un’azienda è persino riuscita a ottenere il punteggio più alto in tutte le categorie: il produttore di aromi Symrise, con sede a Holzminden in Bassa Sassonia.

Secondo la classifica, le aziende tedesche di protezione del clima più attive includono anche Deutsche Bahn, Deutsche Telekom e il produttore di software SAP. Le aziende dell’industria pesante come Heidelberg Cement e Thyssenkrupp, il colosso farmaceutico Bayer e Volkswagen investiranno molto nella protezione del clima per le loro condizioni.

Molte grandi aziende non sono valutate

Il CDP ha inoltre sottolineato che molte grandi aziende non sono nemmeno entrate nella classificazione perché non avevano presentato alcun piano ambientale. Questo vale per società come le compagnie petrolifere americane Chevron ed ExxonMobil, così come la società mineraria Glencore, nonché per la holding dell’investitore stellare americano Warren Buffett, Berkshire Hathaway.

quelli: Progetto di rilevamento del carbonio , con materiale di DPA

READ  La US Securities and Exchange Commission ha approvato un nuovo ETF che tiene traccia delle aziende che investono in Bitcoin (BTC)