Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Proteste dopo il crimine in un luogo di villeggiatura

Proteste dopo il crimine in un luogo di villeggiatura

  1. Home page
  2. mondo

Un gruppo di sette persone ha violentato una ragazzina di 13 anni in un parco affollato a Catania (Sicilia). La sua amica è testimone del terribile atto.

Aggiornato dal 6 febbraio, 10:55: Quattro giovani sono ora in carcere dopo aver subito un terribile stupro di gruppo in un bagno pubblico a Catania. Tre di loro sono minorenni, uno dei quali ha compiuto 18 anni lunedì (5 febbraio). Un'altra persona che ha contribuito a identificare gli aggressori è agli arresti domiciliari. Questo è quanto riportato dal canale di notizie opinione.

Si dice che sette giovani abbiano aggredito una coppia in un parco il 30 gennaio e li abbiano trascinati nei bagni. Secondo quanto riferito, alcuni membri del gruppo hanno tenuto prigioniero il ragazzo di 17 anni mentre altri hanno violentato la sua fidanzata di 13 anni. La ragazza è sotto shock ma determinata a chiedere “giustizia”. A opinione Ha detto: “Ne ho visti solo tre: due mi hanno violentata, l'altra è stata testimone e la mia amica li ha visti tutti”.

Proteste dopo lo stupro di gruppo a Catania: “Accetta i nostri abbracci, sorella”

Il caso suscitò grande simpatia e rabbia nell’isola italiana. Mercoledì è stato organizzato un sit-in davanti alla provincia di Catania. La maggior parte di loro erano donne che hanno chiesto di essere ricevute dal governatore “per esprimere la loro grande preoccupazione per la sicurezza della città”.

Il 30 gennaio scorso è avvenuto un brutale stupro di gruppo nel Giardino Bellini di Catania. © Bond5/Imago

Anche diversi gruppi per i diritti delle donne si sono rivolti direttamente alla vittima di stupro di gruppo in una dichiarazione. Scrivono: “Accetta il nostro abbraccio, sorella. Ricevete la nostra solidarietà e la nostra rabbia. Non ti lasceremo solo. Non abbandoneremo te e le donne della nostra città alla cultura dello stupro e della violenza contro i nostri corpi”.

READ  Donald Trump minaccia di smascherare Ron DeSantis: solo a lui dovrebbe essere concesso di candidarsi nel 2024

Incidente su un'isola di vacanza italiana: una ragazza è stata violentata davanti al suo ragazzo

Primo resoconto del 4 febbraio alle 15:05: CATANIA – Una passeggiata serale si è trasformata martedì (30 gennaio) in un incubo per una giovane coppia in Italia. Sette persone, tra cui tre minorenni, avrebbero violentato la ragazza indifesa in un bagno pubblico, come riportato da diversi media italiani. Davanti al suo fidanzato, arrestato da alcune delle persone coinvolte.

Nel parco della famosa Villa Bellini, nel centro della città siciliana di Catania, la tredicenne e la sua amica diciassettenne sono state circondate da un gruppo di adolescenti e giovani intorno alle 19:30.

Una ragazzina di 13 anni è vittima di stupro di gruppo a Catania (Italia)

“All'inizio hanno cominciato a toccarmi, allora ho chiesto loro di lasciarmi in pace. Anche il mio amico glielo ha detto, non so quante volte. Poi abbiamo provato a scappare, ma ci hanno fermato”, ha dichiarato il 13enne. ha detto la vittima, secondo il quotidiano. La Repubblica I carabinieri hanno riferito a Catania poche ore dopo il delitto.

Lei e il suo fidanzato si trovavano nella zona dei bagni pubblici del Giardino Bellini, nelle immediate vicinanze di un parco giochi, quando, secondo quanto riferito, sette persone li hanno spinti nei bagni. La Repubblica. A quest'ora del giorno il parco è solitamente molto frequentato, soprattutto da famiglie con bambini Corriere della Sera. È aumentata anche la presenza della polizia nella zona a causa delle celebrazioni religiose. Ma nessuno si è accorto dell'accaduto.

Davanti al suo fidanzato: una ragazza di 13 anni viene violentata in un bagno pubblico

All'interno dei bagni, due degli autori hanno legato la ragazza mentre gli altri hanno tenuto lontano il suo ragazzo. Ha raccontato agli investigatori come lei e il suo ragazzo hanno cercato di liberarsi dagli aggressori. Si dice che il 13enne abbia gridato: “Ti prego, non farmi del male”. Senza successo. Alla fine, due minorenni hanno violentato la vittima mentre gli altri cinque guardavano. “Hanno costretto a guardare anche il mio amico. “Urlava, era disperato”, ha descritto la ragazza piangendo. La Repubblica.

alto Corriere della Sera Lo stupro è durato circa mezz'ora. Il quotidiano scrive che in uno stato di panico e dolore il giovane ha trovato la forza di fuggire dagli autori del reato El Giornale. Alla fine, lei e la sua amica sono riuscite a raggiungere i passanti in una strada vicina, che hanno allertato i servizi di emergenza. Il 13enne è stato portato con ferite all'ospedale Cannizzaro.

READ  Vicino a Krinki e Bialowieza: i rifugiati violano la recinzione di confine in Polonia - Politica all'estero

Gli indagati sono già stati arrestati dai Carabinieri in Sicilia

Nonostante l'esperienza traumatica, la sera stessa i due riuscirono a fornire agli investigatori prove importanti che portarono ai sospettati nel giro di poche ore. Le registrazioni video e l'analisi del DNA degli indumenti della vittima hanno confermato il coinvolgimento del sospettato, che ha poi collaborato con gli investigatori. Alla fine tutte le persone coinvolte furono catturate dai Carabinieri.

Secondo quanto riferito, tutti i sospettati arrestati sarebbero cittadini egiziani Corriere della Sera Tempo fa sono entrati clandestinamente in Italia da minorenni. Scrive che ora sono accusati di aver commesso atti di violenza sessuale all'interno del gruppo La Repubblica. Il premier Giorgia Meloni ha promesso che “lo Stato esiste e farà sì che venga fatta giustizia”.

Un episodio di stupro di massa non si è verificato fino al settembre 2023 nella città di Chivano, nel sud Italia, a nord di Napoli. Recentemente ha fatto scalpore anche il caso di una ragazza violentata e poi uccisa in un orfanotrofio in Baviera.