Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Progetto pilota a Grammatneusedel: garantire il lavoro contro preoccupazioni esistenziali

Progetto pilota a Grammatneusedel: garantire il lavoro contro preoccupazioni esistenziali

Già nel 1933 i ricercatori di Grammatneusiedl, allora ancora Marienthal, si occupavano degli effetti della disoccupazione di lunga durata sulla società e sulla salute individuale. Il tanto citato studio I disoccupati di Marienthal di Marie Yahuda, Paul Felix Lazarsfeld e Hans Seisel è diventato uno dei primi classici della sociologia e ha dimostrato che il lavoro conta più del reddito: se manca, spesso porta a depressione, paure e sentimenti di disapprezzamento per i malati.

Un nuovo studio si propone di esaminare il contrario: come avere un lavoro sicuro cambia le economie, le società e la vita delle persone. Nell’autunno del 2020, AMS Lower Austria ha deciso di creare il programma di garanzia del lavoro, un’iniziativa di garanzia del lavoro per i disoccupati. Il progetto, pensato per un massimo di 150 persone, durerà fino ad aprile 2024 e sarà supportato scientificamente dalle Università di Oxford e Vienna.

Il concetto di garanzia del lavoro è semplice: a chiunque voglia lavorare viene garantito un posto di lavoro a spese dello Stato. Qui lo stato è attivo da solo e trova o crea posti di lavoro finanziati con fondi pubblici per i disoccupati, soprattutto per coloro che hanno poche opportunità nel normale mercato del lavoro. Una garanzia di lavoro ben progettata consente alle persone di perseguire un lavoro significativo e adeguatamente retribuito.

Eliminare la disoccupazione di lunga durata a livello locale

Offre a chiunque sia stato disoccupato per nove o più mesi l’opportunità di ottenere un lavoro retribuito. I partecipanti sono principalmente persone che hanno difficoltà nel mercato del lavoro, ad esempio a causa di restrizioni di salute o familiari.

AGSÖ

Nel 1929/30 una fabbrica tessile a Marienthal chiuse, lasciando molti disoccupati.

Il risultato: il progetto pilota è stato in grado di ridurre del 60 per cento la disoccupazione di lunga durata nel distretto di Gramatneuzdel — sbalorditivo, scrive AMS, “se si considera che il programma è stato realizzato su base esclusivamente volontaria”. Il tasso di disoccupazione complessivo è diminuito di circa il 20%. I risultati non sono solo una “breve euforia”, afferma Lucas Lehner, economista dell’Università di Oxford e autore di studi.

Benefici personali

I redditi dei partecipanti sono aumentati, hanno acquisito maggiore sicurezza finanziaria, sono diventati più felici e soddisfatti e hanno sentito un maggiore controllo sulla propria vita. C’erano anche vantaggi personali: i partecipanti avevano rapporti più stretti con gli altri, si sentivano più apprezzati e sentivano di avere più persone intorno a cui appoggiarsi.

Questi miglioramenti del benessere sociale e finanziario e la riduzione della disoccupazione sono continuati durante i primi due anni del programma. Tuttavia, non ci sono risultati statisticamente rilevanti per la salute fisica, né per lo stato sociale percepito. Ciò che è cambiato, ha osservato Lehner, è l’identità sociale. Di conseguenza, le persone non si vedono più come disoccupati, ma come lavoratori che hanno l’opportunità di partecipare alla società.

Partecipazione volontaria e contratto di lavoro “vero”.

“La motivazione per iniziare questo studio si basa su un ampio dibattito sociale sulla sicurezza del lavoro”, ha detto Lehner. “Ma finora non ci sono prove di come qualcosa del genere possa funzionare, specialmente nei paesi ricchi”. Ci sono sicuramente dei vantaggi per gli Stati: la disoccupazione in Austria per un anno costa circa 30.000 euro a persona, mentre il progetto costa 29.841 euro a persona. Abbonato e anno stimato.

Insediamento di ex lavoratori a Marienthal

IMAGO / viennaslide

Secondo AMS, Marienthal ha già contribuito in passato ad ampliare la comprensione delle questioni occupazionali

L’essenziale è l’adesione volontaria e nessuna sanzione per il rifiuto di un’offerta di lavoro, oltre a una retribuzione almeno conforme al contratto collettivo, in relazione a un contratto di lavoro “reale” con diritto alla pensione e all’assicurazione sanitaria. Si trattava di “un lavoro significativo, tenendo conto dei limiti personali”.

I partecipanti devono essere trattati con rispetto. “Vediamo molto chiaramente che le persone si considerano occupate e non disoccupate da molto tempo, ma questo dipende anche dall’occupazione, non dovrebbe essere una specie di laboratorio artigianale, ma un lavoro significativo”, ha detto Lehner. La maggior parte delle persone vuole lavorare: la disoccupazione di lunga durata non è causata dalla mancanza di volontà.

funzioni personalizzate

Inizialmente, i partecipanti al programma ricevono una preparazione di due mesi, dopo di che vengono supportati nella loro ricerca di un lavoro adeguato e supportato nel settore privato. Alcuni progetti sono avviati dagli stessi partecipanti, altri sostengono istituzioni pubbliche come la scuola e l’asilo del territorio.

Così anche i posti di lavoro saranno assegnati. Dall’avvio del programma sono stati creati posti di lavoro in falegnameria, ristrutturazione, giardinaggio, assistenza agli anziani e gestione d’ufficio, “ma anche, ad esempio, nella cura di un orto e di erbe aromatiche aperto al pubblico”.

Le persone partecipanti lavorano tra le 16 e le 38 ore settimanali, a seconda dei loro obiettivi, condizioni di salute e responsabilità assistenziali. Gli stipendi, di solito compresi tra 1.100 e 2.400 euro al mese, sono fissati in modo che tutti guadagnino almeno la stessa cifra che ricevevano in precedenza in indennità di disoccupazione.

Utile come “ulteriore copertura”

La garanzia del lavoro non è una “proiettile d’argento” o una soluzione a tutto, riassume Lehner, ma in ogni caso è “un ulteriore strumento previdenziale che può migliorare la situazione di molte persone. tornare ai loro normali lavori”.

Ciò significa che la sicurezza del lavoro come programma sociale non contraddice gli elementi esistenti dello stato sociale e della sicurezza del reddito, ma può essere considerata come una rete aggiuntiva che può essere ampliata a livello regionale.

Tante proposte progettuali

Negli Stati Uniti circolano da tempo proposte di garanzie occupazionali. La speranza dietro questo: creare una rete di sicurezza per tutti e sostenere così l’economia in tempi di recessione. Il fattore critico in tali progetti è la piccola stampa, scrive il Momentum Institute del sindacato: una garanzia di lavoro deve essere sempre volontaria, i posti di lavoro garantiti devono essere pagati in modo appropriato e i posti di lavoro devono essere significativi.

Alla fine di novembre, 330.454 persone erano registrate come disoccupate o in formazione in Austria, 33.040 persone o il 9,1% in meno rispetto allo scorso anno, secondo il ministero del Lavoro. Il tasso di disoccupazione è stato del 6,2%, la lettura più bassa per novembre in 15 anni. Tuttavia, il numero di posti vacanti è ancora alto.

READ  Nuova variante EG.5 di COVID: la pandemia potrebbe tornare?