Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Principalmente associato a questa grave malattia

Embolia polmonare, trombosi e insufficienza d’organo: nei casi più gravi, il Covid-19 può essere fatale. Ora i medici stanno attirando l’attenzione su un altro fattore di rischio, spesso sottovalutato.

La sepsi – nota come setticemia – è spesso sottovalutata e viene prestata poca attenzione al pubblico. La malattia può essere pericolosa per la vita. Gli esperti della Fondazione Sepsis lo descrivono come un “killer nascosto” e notano che almeno 75.000 persone in Germania e 11 milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni anno di sepsi.

Anche coloro che sopravvivono alla sepsi spesso affrontano conseguenze a lungo termine come stanchezza persistente (affaticamento), limitazioni neurocognitive o persino perdita di un arto.

“Nonostante queste conseguenze, la sepsi è in gran parte sconosciuta alla maggior parte delle persone, sebbene la malattia sia più comune al seno, alla prostata e Cancro al colon Insieme, le persone hanno maggiori probabilità di contrarre la sepsi da un infarto o attacco cerebraleIl prof. Dr. Konrad Reinhart, direttore del progetto e presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Sepsis, spiega in un comunicato stampa.

I decessi per Covid-19 sono per lo più legati alla sepsi

La sepsi è anche un grave rischio per i pazienti critici di Covid-19, spiega la Società di radiologia tedesca (DRG). Spesso, i decorsi gravi possono essere prevenuti se la malattia viene riconosciuta in tempo e trattata in modo appropriato.

Gli studi dimostrano che i pazienti con un grave decorso di Covid-19 sono ad alto rischio di sviluppare sepsi con grave infiammazione nel corpo. Spiega il Professor Dr. Sebastian Lee, presidente del Thorax Diagnostics Working Group presso il DRG. “La maggior parte dei decessi per Covid-19 sono legati alla sepsi”.

READ  Moderna: La vaccinazione trionferà o il successo continuerà?

Il Covid-19 è una malattia virale che non è stata ancora trattata in modo specifico. D’altra parte, la ricerca sui farmaci è ancora in corso. Quali ingredienti attivi possono essere promettenti, ho letto qui.

Come parte della massiccia infiammazione che sta succedendo Corona virus Nel corpo, alcuni pazienti sperimentano una reazione eccessiva del sistema immunitario: la sepsi. Questo può danneggiare tutti gli organi e, se non rilevato, portare alla morte in poche ore. Secondo il DRG, diversi dati mostrano danni al fegato nel 30% dei casi, insufficienza renale acuta nel 20% e ridotta risposta immunitaria nel 75%.

Come si manifesta la sepsi?

La sepsi non può verificarsi solo in un contesto COVID-19La malattia insorge così come dopo polmonite, infezioni del tratto urinario e influenza. In definitiva, centinaia di agenti patogeni – batteri, virus, parassiti o funghi – possono causare la sepsi.

La setticemia è indicata da sintomi diversi, ma non devono verificarsi tutti contemporaneamente. Includono, ad esempio:

  • respirazione rapida,
  • polso veloce
  • bassa pressione sanguigna,
  • sfarfallio;
  • divampare di febbre,
  • pelle d’oca
  • Pelle grigio chiaro e
  • confusione improvvisa

Spesso sepsi Sono riconosciuti in ritardo, poiché possono verificarsi anche disturbi non specifici con una serie di altre malattie.

Come puoi proteggerti?

Poiché la sepsi è così difficile da trattare, le persone dovrebbero proteggersi dall’ottenerla, se possibile. Pertanto, il professor Lee sottolinea: “La prevenzione dell’infezione è molto importante. Puoi proteggerti in generale proteggendoti dall’infezione”.

Le misure preventive comprendono l’igiene generale, un’attenta manipolazione delle ferite e dei morsi di insetti infetti. Allo stesso tempo, malattie croniche come diabetico Essere trattati. “Le vaccinazioni sono una parte essenziale della prevenzione per poter combattere l’infezione in modo mirato nelle prime fasi del corpo”, sottolinea Ley.

READ  Corona in NRW: il valore degli infortuni è sulla buona strada?

nota importante: Le informazioni non sostituiscono in alcun modo la consulenza o il trattamento professionale da parte di medici formati e riconosciuti. I contenuti di t-online non possono e non devono essere utilizzati per fare diagnosi o iniziare un trattamento in modo indipendente.