Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Posizione al confine con la Bielorussia: Merkel telefona di nuovo a Lukashenko

Stato: 17/11/2021 20:42

La situazione dei migranti al confine con la Bielorussia resta grave. Il cancelliere Merkel ha parlato di nuovo con il governatore Lukashenko, nonostante le dure critiche della Polonia alla loro conversazione iniziale.

Nella crisi che circonda i migranti al confine bielorusso-polacco, il cancelliere Angela Merkel ha parlato di nuovo al telefono con il governatore bielorusso Alexander Lukashenko. Il portavoce del governo Stephen Seibert e l’Ufficio presidenziale della Bielorussia hanno concordato.

La Merkel ha sottolineato la necessità di fornire cure umanitarie e opportunità di rimpatrio alle persone colpite in collaborazione con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), secondo Seibert. Inoltre, deve collaborare con la Commissione dell’Unione europea. La parte bielorussa si è espressa allo stesso modo.

Secondo le informazioni dell’agenzia di stampa tedesca (Dpa), Merkel ha anche affermato alla riunione del gruppo sindacale parlamentare a Berlino che i colloqui ruotano attorno agli aiuti umanitari nella regione. La Merkel ha chiarito che non si trattava di un problema bilaterale tra Germania e Bielorussia. Si trova intorno alla Bielorussia e all’Unione Europea.

Critiche dopo la prima conversazione

Merkel e Lukashenko hanno fatto una telefonata solo lunedì, che è stata accolta con aspre critiche in Polonia. Il portavoce del governo polacco Piotr Mueller ha affermato che la conversazione “non è stata un buon passo”. Era “in qualche modo” accettare la scelta di Lukashenko. Il presidente Andrzej Duda ha anche sottolineato che il suo paese non accetterebbe alcun accordo concluso senza la sua partecipazione.

La conversazione è stata la prima del cancelliere con Lukashenko dalle controverse elezioni presidenziali in Bielorussia del 9 agosto dello scorso anno. L’Unione Europea non riconosce più Lukashenko come presidente. Lo sfondo di ciò sono diffuse accuse di brogli elettorali e azioni delle forze di sicurezza bielorusse contro manifestanti pacifici e la società civile.

READ  Corona Direct: il Belgio sospende Johnson & Johnson per le persone fino a 40 anni

Telefonata strettamente coordinata con l’Unione Europea

Il governo tedesco ha difeso la decisione della Merkel contro le critiche della Polonia. “Questa chiamata è stata condotta in stretto coordinamento con la Commissione europea e previa notifica di importanti partner, anche nella regione”, ha affermato il portavoce del governo Stephen Seibert.

La situazione dei migranti alla frontiera è tragica. “Per migliorare questa preoccupante situazione umanitaria per migliaia di persone, ha senso parlare con coloro che a Minsk hanno l’opportunità di cambiare questa situazione, anche quando si tratta di un governante la cui legittimità la Germania, come tutti gli altri Stati membri europei, non riconoscere. Il cancelliere aveva rappresentato nella conversazione note posizioni europee.

Merkel: piena solidarietà alla Polonia

Nel frattempo, la Merkel ha anche scambiato una telefonata con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki in merito alla preoccupante situazione al confine. La Merkel ha sottolineato “la piena solidarietà tedesca con la Polonia”. L’Unione europea accusa Lukashenko di organizzare i migranti dalle regioni di crisi alle frontiere esterne dell’UE per esercitare pressioni su di loro.

Nel frattempo, il parlamento polacco ha approvato una legge sulla protezione delle frontiere volta a limitare temporaneamente la libertà di movimento e la libertà di stampa nella regione di confine. Una netta maggioranza di parlamentari ha votato a favore dell’emendamento del partito conservatore nazionalista al potere, il Partito Legge e Giustizia. Dopo aver votato alla Camera dei Rappresentanti, la prima camera del Parlamento, il disegno di legge passa ora alla seconda camera, il Senato. Può suggerire modifiche.

I rappresentanti dell’opposizione hanno criticato il fatto che il governo del PiS volesse bloccare permanentemente l’accesso ai giornalisti critici alla luce della crisi che circonda i migranti al confine polacco-bielorusso. All’inizio di settembre, la Polonia ha dichiarato lo stato di emergenza per una striscia di tre chilometri lungo il confine con la Bielorussia. I non residenti, i giornalisti e le organizzazioni umanitarie non possono entrare in quest’area.