Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Politica migratoria: la polemica europea sul salvataggio marittimo

Stato: 11/11/2022 21:16

Un totale di 1.000 migranti hanno dovuto aspettare settimane nel Mediterraneo perché l’Italia non voleva prenderli. Ciò dimostra ancora una volta che la questione dei profughi ha bisogno di una risposta europea.

Spento Matthias Reich, ARD Studio Bruxelles

Le 230 donne, bambini e uomini a bordo dell'”Ocean Viking” hanno dovuto sopportare un periodo di tempo sconosciuto. Il nuovo presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, ha respinto tutte le richieste per l’ingresso della nave in un porto del suo Paese. poiché non erano naufraghi, ma emigranti irregolari.

Matteo Reich
ARD Studio Bruxelles

Alla fine, il capitano è stato autorizzato a recarsi in Francia perché la Commissione Ue, tramite la portavoce Anita Hipper, ha chiesto urgentemente una soluzione: tutti i migranti a bordo dell'”Ocean Viking” dovrebbero essere fatti sbarcare il prima possibile. “Sappiamo che la situazione sulla nave è terribile. In questa situazione, è nostro dovere salvarla”, ha detto. Indipendentemente dalle circostanze che hanno portato le persone in questa situazione difficile, il dovere è chiaro, inequivocabile e legale.

Poiché il numero di rifugiati continua a crescere, la situazione sulla rotta del Mediterraneo è drammatica. Il numero di migranti annegati o scomparsi nel Mediterraneo ha raggiunto il tragico record di oltre 1.200 nella prima metà dell’anno, secondo le stime dell’agenzia per i rifugiati.

“Un diritto umano fondamentale”

Come risultato del drammatico fallimento dei paesi dell’UE, afferma Hermine Boschmann. Un portavoce dell’organizzazione umanitaria Mission Lifeline chiede che l’Europa crei finalmente vie di fuga legali in modo che le navi non debbano aspettare in mare con le persone per settimane.

“Soprattutto ai fuggitivi, salvati da situazioni pericolose per la vita, dovrebbe essere concesso un processo equo”, dice. È un diritto umano fondamentale. “Tutti i paesi dell’UE devono finalmente assumersi la responsabilità e disporre di una chiave di distribuzione equa”.

D’accordo su una cosa: distribuzione equa

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani potrebbe avere un’opinione simile. Con un approccio più duro nei confronti dei soccorritori marittimi stranieri, il suo paese vuole inviare un chiaro segnale ad altri paesi dell’UE che i migranti dall’Africa dovrebbero essere meglio segregati all’interno dell’Unione in futuro.

In Francia, in particolare, l’azione di Roma ha incontrato una mancanza di comprensione. La nuova politica è egoista e ha delle conseguenze. Parigi ha ora convocato una riunione di emergenza dei ministri degli interni dell’UE, senza una data ancora fissata. L’Italia è supportata da altri paesi mediterranei dell’UE come Malta, Cipro e la Grecia.

“Nel più recente incontro dei Paesi del Mediterraneo a Venezia, abbiamo concordato che quest’anno nei nostri cinque Paesi arriveranno in totale 150.000 rifugiati”, ha affermato il ministro greco per le Migrazioni Nodis Mitarachi. “Se 120.000 di loro provengono da noi nel cosiddetto meccanismo di solidarietà dell’UE, il dibattito sarà più onesto”.

La questione dei profughi

Secondo i precedenti piani dell’UE, ogni anno verrebbero ridistribuiti nell’Unione dai paesi ospitanti tra i 5.000 ei 10.000 migranti. Il numero è alto anche perché la Francia non vuole accogliere i 3mila migranti dall’Italia già promessi.

In ogni caso, la situazione attuale chiarisce ancora una volta che la questione dei rifugiati è una questione europea e può essere risolta solo se l’Accordo Asilo e Migrazione, durato due anni, verrà finalmente applicato.