Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Più prenotazioni che mai!  Tutti vogliono andare in crociera, ma c'è un problema

Più prenotazioni che mai! Tutti vogliono andare in crociera, ma c'è un problema

Non ci sono state quasi navi da crociera in mare durante la pandemia di coronavirus. Ora il settore è tornato sul percorso di crescita. Il capo di Aida parla della “fase di booking più forte della storia”, ma la crescita è attualmente limitata.

Le prime grandi navi hanno già visitato i porti della Germania settentrionale: la stagione principale delle navi da crociera inizia ad aprile. Le stazioni di Kiel, Amburgo, Rostock-Warnemünde, Bremerhaven e Wismar verranno quindi nuovamente servite regolarmente. L’industria ha superato la crisi degli anni del Corona e le principali compagnie di navigazione si vedono da tempo sulla via della crescita.

Aida: “Il main booking stage più forte della storia”, ma con capacità limitate

Felix Eichhorn, presidente di Aida Cruises, parla di un inizio positivo e di una prospettiva “molto ottimistica” per il 2024. “Questa è stata la fase di prenotazione più importante nella storia della nostra compagnia”. Il potenziale c'è, soprattutto nel mercato tedesco. “La crescita è attualmente limitata solo dalla capacità disponibile”.

Dominic Gebhard, portavoce di MSC Crociere, afferma che le prenotazioni di crociere sono tornate ai livelli pre-pandemia. “E vediamo che la curva delle prenotazioni sale di nuovo”. Secondo l'amministratore delegato Wybcke Meier, lo scorso anno la flotta “Mein Schiff” di Tui Cruises ha registrato il 45% di nuovi clienti. Le prenotazioni per il 2024 saranno superiori a quelle del 2019.

Si prevede che nei porti tedeschi arriveranno milioni di crocieristi

Le compagnie di navigazione prevedono già un aumento della domanda entro il 2025. Gebhard giustifica il rapido ritorno del settore dopo il declino del coronavirus con il desiderio di trascorrere del tempo con la famiglia e di condividere ricordi: “In tempi di incertezza economica, i consumatori tendono a dare priorità alle vacanze”. I tedeschi nonostante la contrazione economica e l’inflazione. Con vendite in aumento del 41% rispetto al 2023, le crociere sono “uno dei motori di crescita del mercato”.

READ  Due settimane dopo l'attacco hacker, Deutsche Leasing Systems potrebbe iniziare

Insieme, le cinque maggiori città crocieristiche tedesche prevedono che il numero di passeggeri raggiunga livelli a sette cifre per il 2024. Solo per Amburgo, Cruise Gate Hamburg (CGH) prevede da 1,1 a 1,3 milioni di passeggeri su 270 visite. Si prevede che al porto di Kiel arriveranno circa un milione di crocieristi con 173 viaggi, mentre a Bremerhaven dovrebbero arrivare 101 crocieristi per un totale di circa 265.000 passeggeri. Le prime navi da crociera hanno attraccato nelle tre città a gennaio.

Potrebbe interessarti anche: Lo scandalo Kohlbrand: il bullo verde, il leader del partito socialdemocratico ingannato e un lieto fine

La stagione delle crociere nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore inizia più tardi. AIDAmar sarà la prima nave quest'anno ad arrivare a Warnemünde il 14 aprile e si prevede che entro la fine della stagione verranno effettuati 147 scali. Wismar prevede 10 scali e 5.000 passeggeri. Il 26 maggio inizia l'”ispirazione anseatica”.

Il potere sulla spiaggia come palcoscenico per gli obiettivi di sostenibilità

Consumi energetici, emissioni e rifiuti – Le crociere non sono necessariamente un modo di viaggiare rispettoso dell’ambiente. Gli operatori portuali e le compagnie di navigazione vogliono rendere più sostenibili le vacanze a bordo delle grandi navi. L’International Shipowners Association (ICS) ha fissato la neutralità climatica come obiettivo entro il 2050. Aida Cruises vuole raggiungere lo “zero netto” entro il 2040, mentre la rivale Tui Cruises vuole offrire almeno alcune crociere a impatto climatico zero entro il 2030.

Un fattore è l’elettricità consumata dalle navi nel porto. Senza alimentazione da terra, i motori della nave devono continuare a funzionare. Tuttavia, i fattori cruciali non sono i porti o le compagnie di navigazione: l’UE ha bisogno di energia elettrica onshore in tutti i porti importanti entro il 2030.

READ  Le aziende chiedono un risarcimento per le perdite

Amburgo sta progettando ulteriori sistemi di alimentazione da terra nelle stazioni

Ad Amburgo, le navi da crociera possono ricevere energia elettrica da terra presso il terminal di Altona dal 2016, e un nuovo sistema di alimentazione da terra presso il terminal Steinwerder è entrato in funzione a dicembre. Per questa stagione, l'operatore CGH prevede di fornire energia elettrica da terra per 180 dei 270 scali in entrambe le stazioni. Anche il nuovo terminal crociere di Haven City, previsto per il 2025, riceverà una struttura.

Potrebbe interessarti anche: Rabbia per l’accordo MSC: cosa preoccupa i lavoratori portuali e cosa dà speranza

Il secondo sistema di alimentazione da terra di Kiel per le navi da crociera è entrato in funzione a Ostuferhafen nell'autunno del 2023, un terzo seguirà nel 2025. In questa stagione, oltre il 50% delle navi sarà alimentato con elettricità verde proveniente dalla terra. “Stiamo assistendo a un aumento significativo della domanda di energia elettrica da terra da parte delle compagnie di crociera a Kiel”, afferma Dirk Klaus, amministratore delegato del porto marittimo.

Critica per l’uso insufficiente dell’energia elettrica da terra – Le compagnie di navigazione vogliono continuare la transizione

I critici lamentano che solo le compagnie di navigazione decidono se utilizzare l’elettricità e che non tutte le navi da crociera sono in grado di utilizzare l’energia elettrica da terra. A Warnemunde nel 2023, su 30 diverse navi da crociera, solo 13 hanno ricevuto energia elettrica da terra su 42 viaggi; A Kolombuskie a Bremerhaven, l’energia da terra per il settore delle crociere sarà disponibile solo dall’autunno del 2025.

Le compagnie di navigazione ritengono che la conversione delle loro flotte all’energia costiera sia una priorità. Secondo le proprie informazioni, MSC ha già ampliato di conseguenza il 59% delle sue navi, e questa percentuale dovrebbe raggiungere il 72% entro la fine dell'anno. Si investe anche nella costruzione e nell'acquisto di stazioni proprie per equipaggiarle di conseguenza. Tui Cruises vuole espandere la propria flotta da crociera da sei a nove navi nei prossimi due anni. “In futuro, le tre nuove navi della flotta Main Schiff saranno in grado di approvvigionarsi di energia costiera verde dai porti che la forniscono”, afferma Mayer. Inoltre, cinque delle sei navi dell’attuale flotta dispongono di collegamenti elettrici da terra.

READ  Le azioni MorphoSys crollano a doppia cifra: MorphoSys prevede di presentare domanda per l'approvazione del farmaco pelabresib, auspicata a metà del 2024

“Net Zero Cruises” – Il carburante come questione futura

I combustibili svolgono un ruolo cruciale sulla strada verso un “viaggio a zero emissioni”: biocarburanti, gas di petrolio liquido, metanolo – o qualcosa di completamente diverso? Le compagnie di navigazione offrono diverse idee per i nuovi edifici. Il prossimo “Mein Schiff 7” sarà inizialmente alimentato con diesel marino a basse emissioni, afferma Mayer. In futuro la nave potrebbe essere alimentata a metanolo, e in futuro anche a metanolo verde. Secondo Tui Cruises, un'altra nuova costruzione, la cui partenza è prevista per l'inverno 2024/25, sarà alimentata a gas naturale liquefatto (GNL).

Potrebbe interessarti anche: Crociera climaticamente neutrale: “inganno sconsiderato” o “obiettivo concreto di sostenibilità”?

Aida Cruises dispone già di due navi da crociera alimentate a GNL: “AIDAnova” e “AIDAcosma”. MSC Crociere sta inoltre costruendo le sue nuove navi per funzionare a gas liquido. Può anche essere modificato e adattato per funzionare con metanolo verde, afferma il portavoce Gebhard.

Tutto ciò sta andando troppo lentamente per gli ambientalisti. L'organizzazione ambientalista Napo ha recentemente criticato il fatto che le emissioni dell'intero settore hanno continuato ad aumentare negli ultimi tempi. Tuttavia, quando si tratta di energia onshore, la Germania svolge un ruolo di primo piano positivo.