Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Panoramica dell'azienda sabato / 17. aprile 2021 |  Messaggio

Più di 150 leader del settore e aziende chiedono un’azione decisa del governo per consentire la completa decarbonizzazione delle spedizioni internazionali entro il 2050 | newsletter

I firmatari della Call to Action for Decarbonization chiedono ai leader mondiali di adeguare le spedizioni alla temperatura target dell’accordo di Parigi. Il settore privato sta già facendo passi importanti per decarbonizzare le catene di approvvigionamento globali. Ora i governi devono adottare politiche che accelerino la transizione e rendano la spedizione a emissioni zero la soluzione standard entro il 2030.

CopenaghenDanimarca 21. settembre 2021 /PRNewswire/ — La decarbonizzazione completa delle spedizioni internazionali è urgente e possibile. Questo è il messaggio chiaro di oltre 150 leader del settore e organizzazioni che rappresentano l’intera catena del valore marina, comprese le spedizioni, le spedizioni, l’energia, la finanza, i porti e le infrastrutture. In collaborazione con l’Assemblea generale delle Nazioni Unite e prima dei negoziati sul clima critico in COP26 in un Glasgow Nel novembre di quest’anno, hanno invitato i governi a collaborare con l’industria per fornire le politiche e gli investimenti necessari per raggiungere punti di svolta critici nella decarbonizzazione delle catene di approvvigionamento globali e dell’economia globale.

L’invito all’azione per la spedizione firmato dalla decarbonizzazione include alcuni dei più grandi operatori commerciali globali: AP Moller – Maersk, BHP, BP, BW LPG e Kargil, Carnival Corporation, City, Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering, Euronav, GasLog, Hapag-Lloyd, Lloyd’s Register, Mitsui Lines OSK, MSC Mediterranean Shipping Company, Olympic Shipping and Management, Panama Canal Authority, Port Rotterdame Rio Tinto, Shell, Trafigura, Ultranav, Volvo e Yara.

Le navi trasportano circa l’80% del commercio globale e sono responsabili di circa il 3% delle emissioni globali di gas serra (GHG). Nel 2018 l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) delle Nazioni Unite ha adottato una strategia preliminare per i gas serra. Mira a ridurre le emissioni totali annue di gas serra provenienti dalle spedizioni internazionali di almeno il 50% entro il 2050 rispetto al 2008. È stata sviluppata una revisione della strategia per il 2023.

READ  Panoramica di dpa-AFX: società dal 26 agosto 2021 alle 15:15

“Ora è il momento di intensificare le nostre ambizioni e portare le spedizioni in tutto il mondo – il principale motore del commercio globale – in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri clienti per guidare la transizione del settore marittimo verso lo zero netto , e con il sostegno di politiche forti, possiamo accelerare i nostri sforzi congiunti per decarbonizzare l’economia. Global , ” Lei disse Jane Fraser, Direttore esecutivo Telefono Città.

Il settore privato sta già adottando misure concrete per decarbonizzare il trasporto marittimo. Ciò include investimenti in ricerca e sviluppo e progetti pilota, domanda e Costruzione Navi carbon-neutral, acquisto di servizi marittimi a zero emissioni, investimenti nella produzione di carburante a zero emissioni, investimenti in infrastrutture portuali e di magazzino, valutazione e divulgazione dell’orientamento climatico delle attività legate allo shipping.

?? Se il mondo deve essere decarbonizzato, anche la spedizione deve essere decarbonizzata. I nostri clienti si aspettano che decarbonizziamo le emissioni della loro catena di approvvigionamento. Stiamo investendo molto in tecnologie carbon neutral che sono già disponibili. Affinché questi investimenti diventino la norma nel nostro settore, abbiamo bisogno di azioni basate sul mercato per colmare il divario competitivo tra i combustibili fossili e privi di emissioni di oggi e i combustibili a emissioni zero del futuro». Lui dice Henriette Hallberg Thejesen, CEO di Fleet & Strategic Brands, AP Moller – Maersk.

La decarbonizzazione del trasporto marittimo è sempre più critica e urgente per raggiungere emissioni globali nette pari a zero. I responsabili politici hanno un’opportunità storica di accelerare questo processo introducendo una tassa globale sul carbonio sui combustibili per uso marittimo per guidare la decarbonizzazione e stimolare gli investimenti in combustibili e navi a emissioni zero. È ora di lavorare” Jeremy Weir, Presidente e CEO da trafigura.

La decarbonizzazione delle spedizioni non dovrebbe lasciare indietro alcun paese. per me Per rendere giusta e inclusiva la transizione verso il trasporto marittimo a emissioni zero e i combustibili a emissioni zero, le misure politiche devono garantire che la decarbonizzazione del trasporto marittimo crei anche posti di lavoro e opportunità per le persone nei paesi in via di sviluppo ed emergenti». Lei disse Giovanna ChristensenCEO del Forum marittimo mondiale.

READ  Euro rivela domenica: qualcosa non va qui! IBM - La fine del blues con Big Blue | Messaggio

I firmatari della Call to Action for Decarbonization chiedono ai leader mondiali di:

Impegno a decarbonizzare le spedizioni internazionali entro il 2050 E per presentare un piano di attuazione chiaro ed equo per raggiungere questo obiettivo quando adotterà la strategia IMO GHG nel 2023.

Sostenere progetti di trasporto marittimo a emissioni zero su scala industriale attraverso misure nazionali, ad esempio B. Fissando chiari obiettivi di decarbonizzazione per la navigazione nazionale e creando incentivi e sussidi per i fornitori per la prima volta e una più ampia adozione di combustibili e navi a emissioni zero.

Adottare misure politiche per rendere la spedizione a emissioni zero la norma entro il 2030, comprese misure mirate basate sul mercato da attuare entro il 2025 che potrebbero sostenere l’uso commerciale di navi e combustibili a emissioni zero nel trasporto marittimo internazionale.

La Call to Action for Decarbonization è stata sviluppata da una task force multi-stakeholder formata dalla Reach Zero Alliance, una partnership tra il World Maritime Forum, il World Economic Forum e Friends of Ocean Action. I membri della task force includono Cargill Ocean Transportation, Citi e COP26 Climate Champions Team, Comitato per la transizione energetica, Lloyd’s Register, Port of Anversae Torvald Clavinse Trafigura, Yara e UMAS.

Impara di più riguardo Un invito all’azione per la decarbonizzazione e la spedizione dell’elenco completo dei firmatari qui.

Impara di più riguardo Misure concrete che i firmatari della Call to Action for Shipping Decarbonization stanno adottando per sostenere la decarbonizzazione dello shipping, qui.

per saperne di più:

Sophie Rod

Consulente di comunicazione senior

[email protected]

+45 28102332