Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché Lufthansa vuole rilevare IDA

Perché Lufthansa vuole rilevare IDA


Lufthansa ha da tempo gli occhi puntati sull’Italia. Ora gli viene offerta una partecipazione nel successore di Alitalia. Perché IDA può essere attraente

Nel Baviera Non è necessario spiegare questa introduzione. L’Italia è citata come il luogo più ambito accanto alle birrerie all’aperto. Tuttavia, nel settore dell’aviazione, si applicano standard diversi dal fattore di vagabondaggio. Allora perché prende piede? Lufthansa Dopo la compagnia aerea italiana ITA, il successore dell’ex compagnia aerea del Papa Alitalia?

Breve recensione: la scorsa settimana, Deutsche Lufthansa AG ha annunciato pubblicamente ciò che l’industria si aspettava da tempo: voleva acquistare una partecipazione nella compagnia aerea nazionale italiana ITA Airways (Italia Trasporto Aerio). Secondo la società, sarà prima acquisita una quota di minoranza. Tuttavia, allo stesso tempo, vuoi concordare le opzioni per acquistare di più, il che significa il resto. La concessione è disponibile presso il Ministero italiano Commerciale E i fondi sono stati depositati.

Il mercato italiano è molto interessante per Lufthansa

Viene inoltre fornita la motivazione dell’interesse all’acquisizione: “Per il Gruppo Lufthansa, Italia al di fuori dei loro mercati nazionali e oltre America Un mercato internazionale molto importante”. L’economia del paese è fortemente orientata all’esportazione, quindi i viaggi d’affari sono “estremamente importanti”. E per i viaggiatori privati, il paese mediterraneo è la principale destinazione di vacanza in Europa. Vedi sopra. Nostalgia per il luogo.

Gerald Wissel, titolare della società di consulenza aeronautica Airborne Consulting di Amburgo, descrive così la motivazione di Lufthansa, che ha rimborsato tutti gli aiuti di Stato dal periodo Corona: “Il mercato italiano è incredibilmente attraente. L’Italia, con i suoi circa 60 milioni persone, è uno dei paesi più grandi. Unione Europea. Inoltre, IDA è stata separata da una costellazione rivale – SkyTeam – e potrebbe essere inclusa nella rete Star Alliance”.

READ  Trasporto ferroviario: nuove interfacce per Italia e Francia

Secondo l’esperto del settore, l’ITA è ora troppo piccola per reggere il confronto. Quindi per Lufthansa questo significa: “Se non li compriamo noi, lo farà qualcun altro”. Allo stesso tempo, però, Lufthansa deve chiedersi come vuole posizionarsi se l’aereo dovesse atterrare felicemente in futuro. “Lufthansa vuole consentire alle sue filiali Swiss, Austrian Airlines, Eurowings, Eurowings Discover, Brussels Airlines o Air Dolomiti di competere tra loro? O vuoi posizionarti come un grande gruppo di compagnie aeree europee che integri ciascuna delle singole compagnie aeree? Altro.”

Leggi anche questo

Discorso di Ingo da Deca Investments: Roma è un buon hub per l’aviazione verso l’Africa

Ingo Speich, responsabile della sostenibilità e della corporate governance di Deca Investments, vede l’ingresso di Lufthansa in IDA come “fondamentalmente” il passo giusto. Perché: “Roma è un buon hub per il traffico aereo verso l’Africa. Lufthansa può servire questo hub con passeggeri provenienti dal Centro e dal Nord Europa”. Gruppo aereo leader in Europa”. L’ingresso in ITA segue uno “scenario collaudato e funzionante” dalle acquisizioni passate. Tuttavia, Lufthansa deve fare attenzione che la transazione “non impegni troppe risorse interne”. Ma rimane ottimista: “Confidiamo nell’esperienza della direzione Lufthansa”.

IDA è nata nell’ottobre 2021 come successore non ufficiale e straordinariamente piccolo di Alitalia, che alla fine ha dovuto arrendersi durante la crisi del coronavirus. La società ha registrato solo perdite sin dal suo inizio e ha dovuto continuare a essere sostenuta dal governo riconosciuto dall’UE. Con circa 4.000 dipendenti, detiene una quota di mercato di circa il 20% nel suo paese d’origine.

Lufthansa non ha pagato alcun importo per la sua offerta. Inizialmente è stato riportato da vari media come una quota del 40%, che potrebbe fruttare tra i 200 ei 350 milioni di euro. (con dpa)